Ischia: isola verde, elisir di giovinezza

Ischia

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Per i viaggiatori dell’antichità, le isole rappresentavano le sedi del Mito, dell’Utopia e della Meraviglia. Le terre in mezzo al mare erano i luoghi dell’esotismo, del fascino e del mistero. Per i turisti contemporanei, che arrivano nel golfo di Napoli, lo scenario di suggestioni non è cambiato: ancora oggi si dirigono verso Capri, Ischia e Procida, con il desiderio di ritrovare paradisi lontani.Ischia

Ischia è la più estesa e popolata delle perle del Golfo di Napoli. Un vero e proprio continente in miniatura, per le sue caratteristiche climatiche, i suoi paesaggi mai uguali, che ribollono d’acqua termale sulfurea.

L’isola, celebrata fin dall’antichità dai poeti che l’amarono per la sua prorompente natura, fu da sempre rifugio di intellettuali provenienti da tutto il mondo, colpiti dal suo incanto senza tempo.

Panorami, sorgenti, insenature, spiagge, porti, e vegetazione lussureggiante; proprio per la sua natura intatta Ischia è soprattutto conosciuta oggi come: l’Isola Verde. Infatti, alle spiagge ampie e assolate, si alternano riposanti pinete, mentre la campagna e le verdi colline, le balze rocciose del dominante monte Epomeo, la cui vetta raggiunge i 789 metri sul livello del mare, creano una varietà infinita di paesaggi da godere e offrono molteplici possibilità di ritempranti passeggiate e piacevoli escursioni.

Ischia è anche l’isola dell’eterna giovinezza. Ischia

IschiaDi origine vulcanica, racchiude nel suo sottosuolo, come affermava già lo storico Strabone, autentiche “miniere d’oro” per la straordinaria efficacia curativa dei suoi otto bacini termominerali e delle sue ancor più numerose sorgenti, stufe, fumarole ed arene.

Ogni cittadina ha la propria peculiarità e singolarità

Ischia Porto, Casamicciola Terme, Barano d’Ischia, Lacco Ameno, Forio d’Ischia e Sant’Angelo, sono i principali centri presenti sull’isola di Ischia. Piccoli paesi di pescatori affacciati sulla costa, porticcioli colorati e vivaci, ora sviluppati in accoglienti centri turistici. Ogni cittadina ha la propria peculiarità e singolarità.Ischia

spiaggia-santangelo-ischia

spiaggia-santangelo-ischia

Ischia è città antichissima, conosciuta fin dalle remote età per l’industria dei vasi di creta dai quali, secondo quanto narra Plinio, l’Isola trasse uno dei suoi nomi, Pithaecusa. Collegato ad Ischia da un ponte, sorge dal mare il monumento più importante di tutta l’Isola: il Castello Aragonese. 

Casamicciola Terme adagiata sulla costa settentrionale dell’isola, gode di case e ville circondate da giardini, alcune legate a ricordi storici, come villa Ibsen, dove soggiornò e lavorò il grande drammaturgo norvegese, e villa Zavota, che ospitò Garibaldi quando venne a curare i postumi della sua ferita con acque e fanghi. 

Lacco Ameno vanta importanti scavi archeologici e acque termali con il più alto coefficiente di radioattività che finora si conosca. La località è riconoscibile grazie anche a uno scoglio dalla forma singolare: un masso di tufo verde, alto 10 metri, che assume le caratteristiche di un fungo in mezzo al mare.Ischia- Lacco Ameno

Ischia Porto Forio

Ischia Porto Forio

Forio, la “più amata” dagli stranieri, oltre alle acque termo-minerali del luogo, alla bellezza delle spiagge, vanta sedici torri costiere, delle quali la più eminente è il “Torrione” nel cuore stesso della cittadina.

Serrara Fontana, in collina,  è dotata di un fascino agreste tutto particolare. Dalla rotonda del belvedere, che si apre su una delle più ampie vedute dell’Isola, si ammira in primo piano il suggestivo promontorio di Sant’Angelo, borgo gioiello, con le sue piccole baie.

Barano, possiede un clima mite e asciutto in ogni stagione dell’anno. Pur essendo un paese tipicamente agricolo, ha nella magnifica marina dei Maronti,  il suo sbocco sul mare, una spiaggia ricca di sorgenti termali e fumarole, che innalzano i loro vapori dalla sabbia infuocata.Serrara Fontana-Monte Epomeo 2

La cucina ischitana vi sorprenderà.

Molti di voi penseranno che la specialità gastronomica dell’isola sia un gustoso piatto di mare…. Invece no, questo ruolo spetta al coniglio, rigorosamente cucinato all’ischitana, il piatto che viene presentato in tavola ogni domenica. Ampia è, poi, l’offerta dei vini, così come la storia delle millenarie viti ischitane. A settembre troverete l’ormai tradizionale appuntamento con “Andar per Cantine”, la rassegna che la seconda metà del mese porta migliaia tra turisti e residenti alla scoperta dell’immenso patrimonio storico, culturale ed enogastronomico delle tante cantine presenti sull’isola più grande del Golfo di Napoli

Qual è il periodo migliore per andare ad Ischia?

Sempre. Sull’Isola Verde ogni stagione ha il suo fascino,  i suoi colori e i suoi profumi.

Come raggiungere Ischia

Arrivare a Ischia è semplice grazie alla vicinanza con la terraferma. La città di Napoli dista, infatti, 33 km e Pozzuoli, il porto di imbarco più vicino, è a soli 20 Km. Si può raggiungere Ischia in traghetto oppure in aliscafo da porti Napoli, Pozzuoli e Procida. Da Napoli i mezzi partono dal Molo Beverello e Mergellina, solo aliscafi, mentre, da Calata Porta di Massa, solo traghetti. Quest’ultima è collegata dal Beverello da un servizio navetta. I porti di arrivo sull’isola sono: Ischia Porto, Casamicciola Terme e Forio.

massimo dubini