La nuova era di Bisol: il lato glamour delle bollicine di Valdobbiadene

Di / 29 giugno 2018 Gusto Nessun commento
Bisol-Valdobbiadene-bollicine-1542

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

La nuova era di Bisol: a Milano la storica cantina di Valdobbiadene mostra il suo lato glamour

Le colline del Prosecco Superiore, dove prende vita il sogno Bisol, sono un insieme di storia, persone e conoscenze, che esprimono alla perfezione lo stile di vita italiano. Una vocazione all’eccellenza oggi condivisa dall’audacia e dalla lungimiranza di due grandi famiglie del vino: Lunelli e Bisol, insieme dal 2014, testimoni di una passione secolare per il mondo delle bollicine.Bisol-Valdobbiadene-bollicine-1542

La grande festa, “Dal 1542 al futuro del Prosecco Superiore” – organizzata da Enzo Miccio, wedding planner e conduttore televisivo, e tenutasi a Milano presso la Fondazione Riccardo Catella – ha celebrato l’inizio di una nuova era per Bisol, mostrandone il suo lato glamour.Bisol-Valdobbiadene-bollicine-1542

La Cantina è entrata a far parte del Gruppo Lunelli nel 2014 e in questi 4 anni è stato costruito un progetto che mira a fare di Bisol un marchio di riferimento del Prosecco Superiore di Valdobbiadene.

Bisol vuole essere una realtà con una grande storia, ma anche contemporanea e con uno sguardo rivolto verso il futuro; legata al suo territorio ma anche cosmopolita. Dopo una riorganizzazione dell’azienda e importanti investimenti in campagna e in cantina, l’inizio di questa nuova era si manifesta con la rivisitazione completa dell’immagine della marca e della gamma di etichette che sono state particolarmente apprezzate dagli ospiti. Il nuovo brand,  mette in evidenza il 1542, anno a partire da cui si testimonia la presenza della famiglia Bisol come viticoltori a Santo Stefano di Valdobbiadene.Bisol-Valdobbiadene-bollicine-1542

Nel logo e nelle etichette Bisol c’è poi un tocco di verde, il verde tipico delle colline di Valdobbiadene. Proprio il verde è stato il filo conduttore di questa serata, dal dress code agli splendidi allestimenti curati da Enzo Miccio. Gli invitati hanno degustato i nuovi Prosecco Superiore DOCG delle linee Bisol e Jeio che rappresentano due anime complementari della stessa marca.

Bisol è una collezione fatta di eccellenza senza compromessi che racconta il faticoso lavoro della terra e rappresenta la storica scelta di differenziare i vini in base alla tipologia di terroir che li origina, mettendo in evidenza le diverse sfumature del Prosecco Superiore. Jeio è il volto contemporaneo, l’anima gioiosa che esprime quella capacità di godere della qualità della vita, tipicamente italiana.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gianluca Bisol e Matteo Lunelli

“È davvero una grande soddisfazione presentare la nostra nuova gamma, che abbiamo pensato per sottolineare il legame tra i valori della nostra famiglia, la viticultura e il territorio di Valdobbiadene”, ha affermato Gianluca Bisol, Presidente delle Bisol Desiderio & Figli. “Con molto orgoglio condividiamo il fatto che le nostre etichette abbiano conquistato il podio in tre recenti concorsi internazionali: Falstaff Trophy, Best Wine of the World Competition e Sommelier Wine Awards. In particolare, brindiamo alla prima posizione tra tutte le marche di Prosecco nella classifica stilata dalla autorevole rivista tedesca Falstaff”.

“Il nuovo progetto Bisol è strategico per il Gruppo Lunelli ma vuole dare anche un contributo allo sviluppo del territorio” afferma Matteo Lunelli, Amministratore Delegato del Gruppo Lunelli. “Ci tenevamo a presentare anche a Milano la nuova identità di Bisol che sta riscuotendo un grande successo negli Stati Uniti, dove Gianluca Bisol ha fatto un entusiasmante roadshow in quindici città, e che ci apprestiamo a portare anche in UK con un grande evento che si terrà a fine giugno a Londra. Bisol vuole essere sempre più protagonista del Prosecco Superiore nel mondo ma anche in Italia. Siamo quindi partiti da Milano per affermarci nei locali di tendenza e nella ristorazione di eccellenza del nostro paese”.

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.