Sensualità ed erotismo del ballo

ballo

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Sensualità ed erotismo del ballo. Danzare da soli, in gruppo o in coppia – con ritmi veloci o lenti – esprime e libera energia, erotismo e benessere, rilassa e diverte. Chi ama ballare sa come possa costituire un modo bellissimo d’incontro fra le persone e prima ancora con se stessi e con le proprie emozioni. Il ritmo stimola la fantasia, scarica la mente dai pensieri negativi e rigidi, e porta a ‘sentire‘ e riconoscere il piacere che può regalare il proprio corpo, con il recupero di una fisicità primitiva e istintuale. Al punto che il ballo può essere utilizzato come vera e propria terapia: la danzaterapia s’inquadra infatti nel panorama delle terapie corporee o psicocorporee. Sviluppatasi nel mondo anglosassone dagli anni Cinquanta, in particolare in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, la Dance Movement Therapy o DTM si è poi diffusa in Europa e in tutto il mondo. Non solo, se la coppia è in buon accordo ma vive un periodo di crisi a livello sessuale, il ballo può anche aiutare la donna ad abbassare la barriera del controllo (che spesso impedisce il raggiungimento dell’orgasmo o provoca dolore alla penetrazione) e nell’uomo, invece, a mantenerlo (per gestire erezione ed eiaculazione).

Dunque, se esibirsi ballando da sola (danza del ventre o hip hop) – anche davanti allo specchio – è molto eccitante per una donna e può migliorare l’intimità con il partner, per gestire in modo più armonioso il gioco di ruolo in coppia – perché diventi un dialogo a più livelli, fisico ed emotivo – è pero’ fondamentale danzare in due: il confronto con l’altro è continuo ed immediato. Molto sensuali i balli in coppia latino americani – come la Salsa – ma soprattutto il Tango dove si giocano le parti di dominio e sottomissione ma anche di fiducia e protezione. “Il tango sceglie e non viceversa; ti prende ti conduce, ti respinge, ti confonde, ti cura. Non si può negare l’essenza terapeutica del tango…quasi un prolungamento della Psicanalisi, una forma fisica di esplorazione di se stessi” afferma M.P. Simeone (rivista di sessuologia – CIS). “Nel ballo i due ballerini devono considerare il comportamento da tenere l’uno nei riguardi dell’altro: il Tango è un ballo silenzioso, che cancella la parola, è un dialogo tar le anime….il Tango nel contatto dei corpi, se pur fugace, crea un’intimità emozionale e può essere un momento di cura o di definizione di se stessi nell’incontro con l’altro…richiama ancestrali pulsioni“.

Se siete appassionati di Tango o vi incuriosisce, potete approfittare di un prossimo, splendido evento a Milano.

Sarà di scena al Manzoni di Milano, direttamente dall’Argentina, Tango Emociones: il 10 e 11 gennaio 2017. Un nuovo viaggio nella cultura e nella sensualità del Tango, una magica atmosfera carica di emozioni che evocano lo spirito della sua terra natale. Lo rappresenteranno eccezionali ballerini argentini e la straordinaria musica dal vivo del ‘Cuarteto Che Tango’. Tango Emociones è uno spettacolo che ripercorre i vari momenti storici di questa arte nata dall’incontro di un crogiuolo di razze, dalla musica e dalla poesia di questa gente. Una febbre senza tempo che dai barrios argentini è arrivata fino a noi. Ballerini e musicisti ci conducono in un viaggio nelle atmosfere porteñe del tango argentino di Buenos Aires, evocando lo spirito delle milongas. Il segreto risiede nei colori, nel suono, nel respiro del tango argentino; un dialogo musicale e corporeo che si esprime nell’abbraccio. Un cammino cadenzato attraverso melodie e movimento, melodrammi di tre minuti o leggiadri valsecitos criollos, mossi sul pulsare ossessivo di antiche e nuove tradizioni: dai tangos abbozzati sotto i cieli stellati della Boca, al tango di Piazzolla, fino alle brillanti composizioni dei loro eredi diretti di epoca moderna. Uno spettacolo che coinvolge ed emoziona il pubblico e  apre le porte del mistero  di questa danza senza tempo.  www.teatromanzoni.it

 

Chiara Bettelli Lelio

Assistente psicologa, direttore di psicodramma moreniano e counselor in sessuologia clinica di FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica), è giornalista professionista nell’area del benessere psico-fisico.
E’ esperta in consulenze su difficoltà individuali e di coppia riferite a disturbi psico-sessuali o a problemi relazionali.