Maria Teresa d’Austria a Trieste: un’imperatrice illuminata

Maria Teresa d’Austria

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Maria Teresa d’Austria e Trieste. In occasione del trecentesimo anniversario della nascita il capoluogo giuliano celebra in una mostra l’Imperatrice illuminata che l’ha resa protagonista in Europa. Senza di lei Trieste non sarebbe mai diventata Trieste.

E per rendersene conto basta visitare l’interessante mostra “Maria Teresa e Trieste – Storia e culture della città e del suo porto” che attraverso un percorso inedito e interattivo tra storia, arte, costume e società fa scoprire come una piccola città sia diventata già nel 1700 un grande esempio di modernità. A partire dal luogo emblematico di questo cambiamento: il Borgo Teresiano, sorto sull’area bonificata delle saline interrate.borgo-teresiano-

Figlia dell’Imperatore Carlo VI, Maria Teresa d’Asburgo fu una figura cardine del complesso sistema europeo dell’epoca e un riferimento fondamentale per la nascita della Trieste settecentesca, anche se paradossalmente non la visitò mai di persona.

Nata nel 1717 e morta nel 1780, ereditò il potere e le cariche del padre e proprio nello stesso arco di tempo la città giuliana avviò una fase di impressionante crescita demografica, sociale ed economica, quadruplicando il numero dei suoi abitanti e trasformandosi da quel piccolo villaggio che era, arroccato sul colle di San Giusto, nel primo emporio dell ’Impero Asburgico e uno dei principali del Mediterraneo.

Fu quindi l’imperatrice a cambiare il destino di Trieste. Ed è a lei che la città deve anche la sua anima multietnica, la vocazione commerciale e marittima, le caratteristiche architettoniche e urbanistiche e la straordinaria epoca di modernizzazione che la vide attuare riforme in ambito scolastico, istituzionale e finanziario, così come innovazioni statali, quali l’istituzione del catasto e del libro tavolare, o sanitarie come l’introduzione delle vaccinazioni, dopo essere stata lei stessa colpita dal vaiolo. Maria Teresa d’Austria- Trieste

L’itinerario espositivo inizia con i ritratti e le opere che raccontano le dinamiche familiari degli Asburgo e gli accordi con le altre dinastie che posero Maria Teresa al centro di un complesso sistema europeo.

Mappe, vedute, dipinti e documenti provenienti da musei, biblioteche e archivi triestini illustrano poi il ruolo e la vita dell’imperatrice. Ma visitando la mostra si possono scoprire i diversi aspetti della vita quotidiana della borghesia mercantile che si insediò nel nuovo centro mercantile e la vita di personaggi come Casanova o Wincklemann oltre a tante piccole curiosità, come il fatto che a Trieste verso la fine del ‘700 c’erano ben 21 manifatture di rosolio. E, alla fine, attraverso le installazioni multimediali, ognuno può entrare nella Trieste teresiana per poi capire e visitare meglio quella di oggi.Maria Teresa d’Austria

 

Maria Teresa e Trieste. Storia e culture della città e del suo porto
Fino al 18 febbraio 2018. Magazzino delle Idee. Da martedì a domenica 10-19
Corso Cavour 2 – Trieste –www.mariateresaetrieste.it

marina moioli