Molucche: le isole delle spezie

Molucche

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Molucche: le isole delle spezie.

Se sfogliamo le pagine di un libro di Giles Milton ‘L’isola della noce moscata’, sentiremo sicuramente parlare delle Isole Banda – un arcipelago di isolotti vulcanici dell’Indonesia. Ogni isola è diversa dall’altra, ma ognuna è caratterizzata dalla fitta vegetazione dell’entroterra, dove crescono piante tropicali, tra cui le spezie che hanno reso soprattutto Run- l’isola più ricca- famosa in tutto il mondo.Molucche

Per capirne le ragioni, si deve tornare indietro al 1400-1600, secoli in cui le spezie erano considerate addirittura più preziose dell’oro. Tra queste spicca la noce moscata, un piccolo seme ‘avvizzito’ ricavato dal frutto della Myristica fragrans, il quale secondo le credenze dell’epoca era considerato un miracoloso rimedio contro la peste. Cresceva però solamente sulle Maluku e per questo motivo era conteso dai ricchi mercanti cinesi e arabi, che affrontarono avventure bizzarre ma anche crudeli per conquistare l’isola del tesoro.Molucche

I profumi dell’Indonesia

Sono state queste isole il punto di partenza delle grandi scoperte geografiche e in breve tempo divennero il luogo più conosciuto al mondo. In particolare, i conquistadores portoghesi, olandesi e inglesi si sono battuti strenuamente – sia per mare sia per terra – pur di conservare l’egemonia su questi territori. Dal punto di vista storico, si assiste alla lotta tra gli Inglesi e gli Olandesi per il predominio di Run. Gli Olandesi hanno avuto la meglio nel 1667, cedendo all’avversario inglese New Amsterdam, l’odierna New York.Molucche - isola -spezie

Al giorno d’oggi, le isole Molucche sono escluse dalla rotta del turismo di massa, ma rappresentano sicuramente una tra le mete marine più affascinanti dell’Indonesia. Incantevoli ambienti naturali, dove spiagge paradisiache di sabbia bianca e finissima vengono accarezzate da un mare cristallino. Per non parlare poi, dei fondali‘giardini’ mozzafiato di coralli multicolori – che costituiscono un’imperdibile attrattiva per gli amanti dello snorkeling.Molucche

Non si può perdere la visita al Parco Nazionale di Manusele, la prima riserva naturale delle Molucche, inaugurata nel 1997.

Un caleidoscopio di biodiversità. Comprende, infatti, più fasce di foresta pluviale, per l’avvicendarsi di habitat appartenenti alle coste, ai laghi, alla pianura e alla montagna. I vari ecosistemi – costituiti da mangrovie, palme, muschi e felci – sono abitati dalla fauna della cosiddetta ‘linea di Wallace’, tipica dei luoghi umidi, rendendo questi luoghi delle vere perle della natura. Per fare degli esempi, si potranno trovare maiali selvatici, cervi, coccodrilli, marsupiali e differenti tipi di volatili. Tra gli altri ‘tesori’ si annoverano orchidee selvatiche, pappagalli e cacatua. L’isola, infatti, ricopre una certa importanza per l’avifauna. Si segnalano il pappagallo reale delle Molucche dal piumaggio variopinto, così come il cacatua moluccensis dalle piume bianche con sfumature rosee e la cresta color salmone.

Una vacanza indimenticabile in luoghi ricchi di storia e profumi speziati, i quali fanno da cornice ad una natura ancora incontaminata.

La propone Viaggi Levi: un’esperienza unica, di 17 giorni, lungo le rotte della Compagnia delle Indie Orientali, tra storia e ambienti marini dell’arcipelago dimenticato nel Mar di Banda. Programma dettagliato: Le leggendarie isole delle spezie  Data unica di partenza: 14 aprile 2018, con accompagnatore dall’Italia.

 

Maria Grazia Lucchese

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.