Monte Isola, perla del Lago d’Iseo

Monte Isola

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Incastonato tra i monti ed abbracciato da colline che digradano dolcemente verso la Franciacorta, terra di vini straordinari, il lago d’Iseo, chiamato dai Romani Sebinus Lacus, ribattezzato Lago dei Celti, è una gemma incantevole che regala panorami di grande bellezza. Un territorio d’arte da vivere e da scoprire, un’anima che prende vita cangiante a suon di cromie.

La perla del lago d’Iseo è Monte Isola, uno dei borghi più belli d’Italia, una montagna verde che affiora al centro del lago d’Iseo. Quest’isola lacustre più grande d’Europa, regala un paesaggio particolare, bellissimo e suggestivo da godere in ogni stagione. Soprattutto ora, da quando si sono spenti i riflettori su The Floating Piers, l’opera costituita da una serie di passerelle che permettevano di camminare sull’acqua, realizzate dall’artista Christo nel 2016, che ha attirato un milione e 300mila spettatori provenienti da ogni parte del globo.Monte Isola

L’isola,  luogo sospeso tra cielo, terra e acqua,  immerso in un teatro naturale, ricco di storia, tradizione e cultura, racconta attraverso i suoi caratteristici borghi e sublimi scorci, storie di vite passate,  che si rispecchiano nel presente, regalando a coloro che la vivono un angolo di cielo.

Due le cime di questa particolare in montagna, con alla sommità i monumenti storici più importanti. A 600 metri, tra i boschi di castagne e antiche rocce dolomitiche sorge il Santuario della Madonna della Ceriola ( XIII secolo), la prima chiesa dell’isola. Questa cima è il punto più panoramico del lago dove è possibile vedere quasi tutti i paesi delle due sponde sebine, oltre alla Riserva Naturale delle Torbiere a gran parte della Franciacorta. Sul promontorio più basso, coperto da coltivazione di ulivi e viti, c’è la Rocca Oldofredi- Martinengo, un antico castello costruito dagli Oldofredi d’Iseo nel XIV secolo, come punto strategico di avvistamento e difesa, trasformato in dimora dei Martinengo nel Rinascimento. 

I retifici di Monte Isola

Monte IsolaFino a non molti anni fa era impossibile entrare in una casa di Monte Isola e non trovarvi una rete da pesca. La sua fabbricazione comporta un lavoro lungo e minuzioso, in quanto ne vanno studiate le misure delle maglie, la lunghezza e la larghezza, tanto che la quantità e la qualità del pesce pescato dipende appunto solo dalla rete stessa.  Nel Settecento il reddito derivante dalla lavorazione delle reti superava già quello proveniente dalla pesca. Nel 1857 nacque il primo vero retificio a Monte Isola, il “Retificio Mazzucchelli” che vedeva impegnati 70 operai.  L’industrializzazione e la concorrenza dei paesi asiatici ha provocato un brusco calo di questa produzione che però, ultimamente, si sta riprendendo grazie ad alcune imprese artigianali a conduzione familiare che, oltre alle tradizionali reti da caccia e da pesca, fabbricano reti per lo sport che vengono esportate anche a livello mondiale: le reti degli ultimi Mondiali di calcio erano una produzione montisolana.

A Monte Isola sono da sempre vietate le automobili e il turista può utilizzare solamente il mezzo pubblico o la bicicletta. Da aprile a ottobre è possibile noleggiare biciclette tandem presso i punti di noleggio situati in località Peschiera Maraglio a Carzano.

Esplorare Monte Isola: in bici o a piedi

La conoscenza di Monte Isola si può iniziare con un giro in bici del perimetro (9 km) che si compie in un’ora circa. A piedi, oltre a percorrere lo stesso giro in due ore circa, si possono esplorare le mulattiere e sentieri che dal lago portano alla cima dell’isola, dove si trova il Santuario. Nei percorsi verso il Santuario è essenziale fermarsi nelle antiche frazioni più in quota dell’isola, dove si sono maggiormente conservate le caratteristiche di una millenaria cultura contadina: artistiche chiesette circondate da piccole piazze, case di pietra bianca locale, portici, cortili e panorami stupendi.Monte Isola

A Monte Isola non manca la possibilità di sostare in piccoli e silenziosi alberghi o fermarsi in deliziosi ristorantini per assaggiare i buonissimi piatti di pesce di lago cucinati in modi particolari e gustosi.

Prodotti tipici di Monte Isola

Monte IsolaMolte le specialità da comperare come: olio extravergine d’oliva, sardine di lago sott’olio salate ed essiccate al sole, e non ultimo il salame nostrano di Montisola, che ha un sapore e una consistenza unici, grazie al particolare taglio della carne a coltello e dal processo di affumicatura.

L’isola è collegata alle sponde del lago da un efficiente servizio di battelli di linea: il punto più comodo e vicino per raggiungerla è Sulzano. www.visitmonteisola.it

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.