Oro anti age? E’ Gold Infusion di diego dalla palma

oro

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Oro. Il metallo nobile per eccellenza, simbolo dell’immortalità e del potere presso numerose civiltà antiche perché non si corrode e perché è raro. Il suo valore e la sua bellezza ne hanno da sempre fatto il materiale perfetto per oggetti che avevano un particolare significato religioso e politico – scettri, corone, statue, coppe libatorie e offerte votive – ma anche per straordinari gioielli, allo scopo di incutere soggezione e trasformare in divinità uomini e donne, tanto in questa vita che nell’al di là. Oro. Desiderato dagli uomini oltre ogni ragionevolezza – pensiamo agli Spagnoli sbarcati in Sud America, all’inseguimento del mito di Eldorado – e ritenuto così prezioso che, per secoli, schiere di alchimisti hanno perso la ragione cercando inutilmente di produrlo, grazie alla famosa pietra filosofale

Per tutte queste ragioni, da sempre, all’oro sono state attribuite anche qualità curative.

Gli alchimisti di Alessandria d’Egitto producevano un elisir a base di oro liquido, che si riteneva fosse in grado di ringiovanire, stimolare le energie vitali e curare diverse malattie. Si narra poi che Cleopatra dormisse con una maschera di oro puro per preservare la sua celebre bellezza, mentre nell’antica Roma i sali d’oro erano indicati per trattare vari problemi della pelle. Oggi sappiamo che l’oro è resistente ai batteri e per questa ragione è utilizzato per gli impianti che sono a rischio d’infezione, come nel caso dell’orecchio interno, o nei fili dei pacemaker e degli stent per il trattamento dei problemi cardiaci (che, inoltre, hanno una migliore visibilità ai raggi x).

Se, sul fronte medico, l’uso dell’oro è ancora oggi in fase di studio, su quello della bellezza pare invece che faccia davvero meraviglie e, infatti, viene sempre più spesso inserito nelle formule dei cosmetici di lusso. L’oro è in grado di rallentare il consumo del collagene e la riduzione dell’elastina, prevenendo il rilassamento cutaneo e l’inaridimento. Migliora la circolazione sanguigna e stimola il metabolismo cellulare nei livelli più profondi del derma, contribuendo a riempire i tessuti e a preservare l’elasticità. Inoltre, riduce le infiammazioni e rallenta la secrezione della melanina, limitando la comparsa di macchie dovute all’età.

L’ultimo nato fra gli elisir di bellezza, che promette risultati degni di una moderna Cleopatra, è “Gold Infusion”, firmato da diego dalla palma, Milano: un prezioso siero anti-age nato dal perfetto bilanciamento di foglie di oro puro immerse in uno straordinario olio naturale a base di fiori polinesiani.

La formulazione 100% naturale (certificata Ecocert Greenlife, privo di profumo, paraffina, oli minerali, siliconi) di questo siero ha un’azione nutriente intensiva e favorisce la rigenerazione profonda della pelle, regalando istantaneamente al viso un aspetto più uniforme, fresco e radioso. L’oro puro, grazie alle sue molecole piccolissime, penetra in profondità e va a stimolare i processi di riparazione delle cellule liberando la loro naturale energia, amplificando la produzione di collagene ed elastina per una pelle più rimpolpata ed elastica. L’olio naturale, dal canto suo, è composto da ben 30 olii preziosi, fra cui spiccano la vaniglia di Tahiti (che protegge dai radicali liberi e dalle aggressioni degli agenti esogeni), e poi ylang-ylang, gardenia, ninfea, frangipani e arancio dolce, tutti caratterizzati da un effetto potentemente nutriente e idratante.

www.diegodallapalma.com/it

testo Alessandra Corrias (www.braingymschool.it)

 

 

Alessandra Corrias

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.