Sexual Dependency: mostra in Triennale a Milano

Sexual Dependency

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Negli anni ’70 e ’80, dopo la liberazione sessuale, le dipendenze c’erano tutte (tranne quella da internet): da droghe, alcool e sesso. Le racconta – nella mostra The Ballad of Sexual Dependency, in Triennale a Milano sino al 26 novembre dopo la tappa al MoMA di New York – la fotografa statunitense Nan Goldin. Un work in progress continuamente aggiornato costituito da 700 immagini montate in sequenza filmica di 45 minuti con una colonna sonora che spazia dal punk all’opera. Un diario della fragilità umana, dove le dipendenze diventano solitudine.Sexual Dependency

Le dipendenze – dal cibo, dal gioco, dall’alcool e dalle droghe, ma anche dal sesso (la sexual dependency descritta da Nan Goldin) – e da internet, compreso il cybersex – vanno oltre le ‘abbuffate‘ di trasgressione ‘una tantum’. Diventano patologia quando non si può fare a meno del comportamento compulsivo.

Così la sexual addiction non va confusa con una condotta passionale e un forte appetito sessuale: è una impossibilità di controllare l’impulso, che condiziona l’esistenza e procura un tormento continuo, se non è soddisfatto. Per Martin P. Kafka della Harvard Medical School “Il segno distintivo di questa disinibizione, quello che le dà lo status di una condizione clinica, è la compromissione della volontà, la quantità di tempo sprecata in impulsi, attività e fantasie sessuali non relazionali e le conseguenze personali e psico-sociali sfavorevoli che l’accompagnano”. Si tratta di un disturbo che ha basi neurobiologiche. Il che non esclude che la sexual addiction abbia una componente culturale.Sexual Dependency

La ricerca ossessiva di un partner sessuale può portare anche a comportamenti rischiosi o illegali, a molestie come il frotteurismo (lo strofinamento dei genitali su una persona non consenziente), perfino allo stupro. Conun ingiustificato disinteresse per le conseguenze, che può configurarsi come una alterazione cognitiva che porta a sottostimare problemi come le malattie sessualmente trasmissibili o le gravidanze, per citarne solo due”, precisa lo psichiatra Ezio Manzato, della Commissione nazionale sulle dipendenze. E anche per le conseguenze penali, quando la sexual addiction diventa pericolosa (in questi soggetti l’uso di alcol o droghe risulta un importante fattore disinibente), conduce alla violenza per essere soddisfatta, e può sfociare in aggressione e reato sessuale. Come, purtroppo, ci racconta la cronaca di questi ultimi mesi.

 

The Ballad of Sexual Dependency – Palazzo della Triennale -Viale Alemagna,6 – 20121 Milano – www.triennale.org/nan-goldin

 

Chiara Bettelli Lelio Se desiderate chiarimenti su problemi di natura sessuale (maschile o femminile) potete scrivere alla dottoressa Bettelli Lelio a: cbchiachia7@gmail.com  

 

Chiara Bettelli Lelio

Assistente psicologa, direttore di psicodramma moreniano e counselor in sessuologia clinica di FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica), è giornalista professionista nell’area del benessere psico-fisico. E’ esperta in consulenze su difficoltà individuali e di coppia riferite a disturbi psico-sessuali o a problemi relazionali.