Spelacchio, fenomeno social, ora anche un libro

Spelacchio

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Spelacchio, fenomeno social, ora anche un libro.

Parliamo di Spelacchio, il contestatissimo (con mille e una ragione) albero di Natale a Roma. La nostra capitale rappresenta un vero miracolo: riesce caparbiamente ad essere la città più bella del mondo nonostante venga trattata in maniera infame, dalle amministrazioni e dalla gestione del turismo di massa che la invade senza ritegno. Incredibile questo albero di Natale che finalmente è sparito.Spelacchio

L’albero di Natale più brutto al mondo

Nessun abete in natura è così brutto, in più i rami erano spezzati e pendevano tra tristissime palline. E il contrasto con la magnificenza del luogo dove si trovava era imbarazzante: Piazza Venezia, il Milite ignoto, i Fori romani, la via Sacra e il Colosseo, splendori deturpati da un povero albero-spazzatura.

Vero è che la tradizione natalizia romana (e del sud) è sempre stata quella dei presepi, delle bancarelle e degli zampognari e che l’albero di Natale è un’usanza nordica e relativamente recente ma – forse proprio per questo – per farlo di mala voglia era meglio desistere. Vero anche che i romani e chi visita Roma è abituato alla bellezza ma anche in questo caso – forse proprio per questo – la bruttezza di Spelacchio è stata ancora più evidente.

Pare che dorme….

Per conoscere i retroscena dell’abete ‘spelacchiato’ ma vero fenomeno social, e di cui tutti i media hanno già scritto, leggiamo il libro ‘Pare che dorme…L’iperbolica parabola di Spelacchio, l’abete più sfigato di Roma’ di Merangoli Editrice con postfazione di Stefano Crivellicurato da Easterino Alive, misterioso nickname di un autore che ha raccolto parole, post, fotografie su Spelacchio e sul suo singolare fenomeno comunicativo. Spelacchio, alla maniera di Pasquino, parla in prima persona, ma più spesso a lui sono stati regalati disegni e affidati pensieri in rima o in prosa, in italiano, in romanesco e nelle più svariate lingue del mondo. e come per la statua parlante, così per Spelacchio nottetempo la siepe ai suoi piedi  viene ricoperta di ogni tipo di messaggi e oggetti, ma guarda caso la mattina successiva, come allora, vengono eliminati ‘per far pulizia‘.

Un libro divertente, irriverente, con un retrogusto amaro. Un po’ come #Spelacchio….

Disponibile in libreria e in e-commerce www.deimerangoli.it

 

Chiara Bettelli Lelio

Assistente psicologa, direttore di psicodramma moreniano e counselor in sessuologia clinica di FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica), è giornalista professionista nell’area del benessere psico-fisico. E’ esperta in consulenze su difficoltà individuali e di coppia riferite a disturbi psico-sessuali o a problemi relazionali.