Vigevano: la città del Palio, della cultura e della tradizione

Di / 3 ottobre 2017 Viaggi Nessun commento
Palio

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Vigevano, in provincia di Pavia, a soli 30 km da Milano, è una destinazione da non perdere. Soprattutto famosa per la sua Piazza Ducale, una delle piazze più belle d’Italia, e  delizioso salotto urbano godibile nelle giornate di sole, riserva numerose sorprese. Qui hanno lavorato e lasciato la loro impronta artistica i più grandi pittori da Leonardo da Vinci al Bramante.Palio- Vigevano

Città di origine medievale, e gioiello rinascimentale, Vigevano è strettamente legata alle sue origini, ancora presenti nelle strutture del centro storico e rappresentate nelle occasioni culturali e ricreative organizzate, primo fra tutti il Palio delle Contrade, l’occasione perfetta per trascorrere un weekend insolito e divertente, alle porte di Milano.

Il Palio dei Fanciulli di maggio, ha fatto come da tradizione da apripista per i grandi giochi del Palio di ottobre, sabato 7 e domenica 8 ottobre 2017, un weekend in cui la città farà un salto indietro nel tempo, con le corti cittadine che si esibiranno e sfideranno negli antichi giochi medievali per aggiudicarsi il cencio della vittoria.

Il Castello Sforzesco sarà il cuore della manifestazione: dalle ore 17,00 alle ore 23,00 di sabato 7 ottobre,  si potrà visitare il Borgo delle Corporazioni alla scoperta delle tradizioni dell’epoca e degli antichi mestieri. Dalle 19:30, l’appuntamento è a tavola, con la Cena nel Borgo e i sapori delle ricette medievali, rigorosamente rispettate negli ingredienti e nella preparazione,  per offrire ai visitatori un’esperienza autentica e originale. Tra le pietanze più curiose, il vino “Rosso del Duca“, il “Sacchetto del pellegrino”, la tradizionale “Zuppa” cotta nei pentoloni di bronzo, pasta di pane fritta, vivande a base di riso la cui coltivazione fu riportata in queste terre proprio in epoca sforzesca, specialità con le rane, il “Salame di testa” una vera prelibatezza alla corte del Duca, il dolce del Palio “La Cotignola” impasto di nocciole e miele con farcitura di confettura di mele cotogne, simbolo di nobile casato degli Sforza. Il tutto cucinato e servito proprio come avveniva nelle cucine del Rinascimento lombardo.

Il Castello ospiterà poi dalle 21:30 la Notte Sforzesca, un’esibizione di danze e musiche dell’epoca, con spettacoli di sbandieratori e mangiafuoco.

Cuore del Palio sono le Dodici Contrade, che animano la sfilata storica e si affrontano nei giochi medievali il melocotogno, la corsa con le carriole, corsa con il cerchio e la costruzione della torre; ogni contrada rappresenta un’arte o mestiere del tempo, riportando in vita la società medievale.

 Vigevano è anche la capitale della scarpa – “Una Vetrina per le Calzature”

Vi sorse nel 1866 il primo calzaturificio a modello industriale, aprendo una stagione che nel secolo successivo avrebbe portato il capoluogo lomellino a produrre decine di milioni di scarpe esportate in tutto il mondo, guadagnandosi l’appellativo di “capitale della scarpa”. 

Fino al 30 dicembre 2017 si terrà, nella Seconda Scuderia del Castello Sforzesco di Vigevano, ci sarà la mostra “Una Vetrina per le Calzature”, dedicata alla storia dei settori calzaturiero e meccano-calzaturiero. Il percorso espositivo si snoda dal 1931, anno di fondazione dell’Esposizione, ad oggi e si compone di una sezione storico-documentaria tradizionale, con testimonianze di documenti, fotografie e manifesti, e di una sezione multimediale. La mostra vuole proporre un percorso in cui si presentano intrecciati vari tipi di storie, da quella economica a quella della moda e del costume e delle trasformazioni sociali, dell’evoluzione della grafica (relativamente ai manifesti della Rassegna e ai manifesti pubblicitari) e delle nuove tecnologie.

Una Vetrina per le Calzature – 13 settembre – 30 dicembre 2017
Seconda Scuderia del Castello Sforzesco di Vigevano – www.officinavigevano.wordpress.com

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.