Villa Durazzo Pallavicini: Il parco pubblico più bello d’Italia

Parco

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Per secoli l’Italia è stata definita Giardino d’Europa grazie alla bellezza dei suoi paesaggi, frutto di un armonica interazione tra uomo e natura. Ma la definizione è appropriata anche per la quantità e la qualità dei suoi giardini e dei suoi parchi, molti dei quali traggono fascino e respiro proprio del contesto in cui sono inseriti. Non c’è regione che ne sia priva: una prodigiosa ricchezza nata dalla varietà di situazioni politiche, culturali climatiche e paesaggistiche. Ecco allora succedersi nel tempo e nello spazio modelli sempre più diversi, rinascimentali, manieristi, barocchi, esoterici. all’inglese, contemporanei.

“Il Parco più Bello d’Italia” è un concorso nazionale dedicato a parchi e giardini, che ha lo scopo di valorizzare l’inestimabile patrimonio di parchi e giardini presenti nella nostra penisola, contribuendo a stimolare l’interesse e la sensibilità verso il verde nelle sue forme più eccelse. La XV edizione di questo premio è stata vinta da Villa Durazzo Pallavicini a Genova Pegli, nella categoria Parchi Pubblici e Villa La Foce in Val d’Orcia, nella categoria Parchi Privati.

Villa Durazzo Pallavicini

Considerato uno dei parchi romantici più originali del mondo, il parco di villa Durazzo Pallavicini, voluto dal marchese Ignazio Pallavicini, fu ideato e realizzato nel 1840 dallo scenografo Michele Canzio. Ne scaturì non solo un parco in stile romantico, ma un itinerario composto da scenografie legate una all’altra da una traccia narrativa: il Viale Classico, la Coffee House, l’Arco di Trionfo, la Casa dell’Eremita, le Grotte, il Lago Grande con la Pagoda Cinese, il Tempio di Diana, il Ponte Romano, i Giardini di Flora, il Gazebo delle Rose. Non mancano esemplari vegetali di grande pregio botanico-paesaggistico: in particolare spicca tra tutte la collezione di antiche camelie, alcune delle quali ultracentenarie, che ogni primavera costituisce una vera attrazione con la sua particolare fioritura.  www.lamialiguria.it

Villa La Foce

Parco

Villa La Foce e il suo straordinario giardino sono fortemente legati a Iris Cutting che, con il marito marchese Antonio Origo, decise di trasferirsi qui dopo il matrimonio negli anni Venti del secolo scorso; l’architetto paesaggista inglese Cecil Pinsent venne incaricato dei lavori – che continuarono fino al 1939 – per i quali si ispirò ai giardini formali della tradizione classica italiana. La casa è circondata da un giardino formale diviso in “stanze” da siepi di bosso, con piante di limoni in vasi di terracotta. Scale di travertino portano al roseto e a un pergolato ricoperto di glicine e delimitato da siepi di lavanda. Pendii terrazzati salgono dolcemente su per il colle, dove ciliegi, pini e cipressi crescono tra la ginestra selvatica, il timo e il rosmarino, e un lungo viale di cipressi porta ad una statua di pietra del XVII secolo. www.ilparcopiubello.it

Un Percorso Gourmet Tra Arte, Storia E Champagne

Lunedì 25 Settembre, dalle ore 18, presso il Parco di Villa Durazzo Pallavicini a Genova Pegli, appuntamento con FoodArt. Un Percorso Gourmet Tra Arte, Storia e Champagne. FoodArt è uno degli eventi del Fuori Salone 2017 durante il Salone Nautico 2017. Un percorso itinerante, firmato dalla Chef Tina Cosenza. Un evento esclusivo per scoprire il Parco più bello d’Italia assaporando i sapori della sua terra, in perfetto stile Ristorante Teresa. Protagonista dell’evento sarà Veuve Clicquot, servito durante tutto il percorso.  info@ristoranteteresa.com – oppure telefonare -010 6973774

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.