Château du Rivau: la splendida magione nella Valle della Loira

Château du Rivau

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

La Valle della Loira, nota in tutto il mondo per i suoi magnifici castelli, si arricchirà dal prossimo 1° aprile di un’altra prestigiosa magione per ospitare i viaggiatori che si recano in questa splendida regione per ammirarne le bellezze artistiche, culturali, gastronomiche e naturalistiche.

Riaprirà infatti i battenti Château du Rivau, il castello medievale che, immerso in un’atmosfera da sogno e circondato da quattordici incantevoli giardini, offre anche un ristorante biologico, La Tavola delle Fate, che propone piatti semplici, freschi e sani come insalate, quiches e zuppe, realizzati esclusivamente con i prodotti del castello o delle fattorie vicine.Château du Rivau 

Sette le camere disponibili, situate nelle Scuderie Reali, ognuna dedicata a grandi re, regine e figure del passato: una diversa all’altra, sono state realizzate con materiali tradizionali come quercia, piastrelle e pietre di tufo, e ciascuna ospita opere di arte contemporanea affiancate a quadri antichi.

Si può scegliere tra le camere “Henri II”, del “Cardinale”, “Caterina de’ Medici”, “Riccardo Cuor di Leone, del “Signore di Beauveau”, “Eleonora d’Aquitania” e la suite “Roi René”, dedicata al Re Renato di Valois-Angiò detto Il Buono.

Situato a due ore e mezza da Parigi,  Château du Rivau si trova nel cuore del “Giardino di Francia” e, considerato uno dei siti più importanti della Turenna,  offre ai suoi visitatori moltissimi motivi di interesse: dalla visita al castello, costruito nel 1420  e in passato ha ospitato molti personaggi illustri come Giovanna d’Arco e Rabelais, ai quattordici giardini che hanno nomi magici come l’Orto di Gargantua, la Foresta Incantata, il Giardino dei Filtri d’Amore o il Giardino della Principessa Raperonzolo.

I giardini ideati da Patricia Laigneau, oltre vent’anni fa, sono stati classificati come “Jardin Remarquable” dal Ministero della Cultura francese e sono Conservatorio della Rosa Profumata con oltre 450 varietà di rose profumate – e Conservatorio degli Ortaggi della Regione del Centro, con la coltivazione di prodotti locali come il cavolo rapa giallo di St. Marc, il fagiolo del Barangeon, la lattughina del Berry, la zucca di Touraine.

Tulipani in insalata

Molto interessanti anche le fioriture dei piccoli tulipani botanici spontanei presenti nel Cammino di Pollicino e la grande collezione dei tulipani lungo il Cammino delle fate di cui apprezzare la diversità e molteplicità delle loro forme e dei loro colori.

Una curiosità: al ristorante La Tavola delle Fate i tulipani si potranno degustare nell’insalata, visto che alcune varietà sono commestibili!

Con l’arrivo della bella stagione si trovano altre tantissime fioriture, come le viole color malva e bianche, i muscari, gli anemoni e le fritillarie, ma soprattutto protagonista del mese di aprile è l’oceano di narcisi del parco, che offre uno spettacolo ineguagliabile. Il suggestivo percorso vegetale dei Giardini del Castello di Rivau è arricchito dalle opere di artisti contemporanei: 20 opere monumentali che, grazie alla loro originalità e singolarità, contribuiscono a distinguere questo castello medievale dagli altri, tra ironia e stupore.

Cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci 

Dal 1° aprile al 5 novembre 2019, inoltre, in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, sarà allestita una mostra concepita in modo da catturare la curiosità dei visitatori verso i differenti contributi di Leonardo, interpretato o “prolungato” da trenta artisti contemporanei che operano sulla scena internazionale.

L’esposizione presenterà anche gli scambi tra Italia e Francia verso il 1500, l’italianismo nelle arti, iniziato sotto il regno di Carlo VIII e di Luigi XII, che continua fino ai nostri giorni, con i lavori delle artiste fiorentine Antonella Bussanich, Alessandra Capodacqua e Alessandra Ragionier.

Feste ed eventi al Château du Rivau

Moltissimi gli eventi, per adulti e bambini, che il Castello di Rivau proporrà nel 2019, solo per citarne alcuni: la Caccia alle uova (20, 21 e 22 aprile), la Festa della Rosa (1 e 2 giugno), passeggiate botaniche, artistiche, ludiche e dedicate ai sapori tenute da diversi esperti,  laboratori creativi per famiglie, un atelier di creazione di profumi e una mostra mercato con più di 50 espositori tra cui coltivatori di rose, collezionisti e vivaisti;  la Festa delle Zucche e delle Verdure (8 settembre); la Festa dei Fiori d’Autunno (26 e 27 ottobre) e poi feste in costume, laboratori di cucina, laboratori per bambini, concerti e conferenze.Château du Rivau 

Trasformato dall’amore e dall’impegno della famiglia Laigneau in un luogo magico, stravagante e fatato, le Château du Rivau  soddisfa l’interesse degli appassionati di botanica, di cibo naturale, di storia e d’arte, con qualche incursione dedicata a opere d’arte contemporanea che aggiungono un tocco d’ironia e di stravaganza. www.chateaudurivau.com  

#france.Fr @atoutfrance 

viviana spada

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.