Due giorni di vacanza in Spagna: cosa fare a Madrid

Madrid

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Anche nel giro di due giorni è possibile concedersi vacanze in Spagna indimenticabili: quello che conta è ottimizzare i tempi, e soprattutto avere le idee ben chiare su quello che vale la pena di vedere e sulle attività che si è interessati a svolgere.

Se scopri di più su Madrid, per esempio, avrai l’occasione di conoscere una città cosmopolita che è in grado di dare il meglio di sé in qualunque periodo dell’anno. Non hai bisogno di aspettare la stagione estiva, quindi, per fare rotta sulla capitale del Paese iberico, che si offre sempre come una città caratterizzata da una costante evoluzione, in cui il moderno si sposa alla perfezione con l’antico. Madrid

Cosa fare a Madrid

Le vacanze in Spagna, e più precisamente a Madrid, consentono di imbattersi in una varietà meravigliosa di piazze, di musei, di palazzi e di monumenti tutti da scoprire, parti di un patrimonio decisamente ricco sia dal punto di vista artistico che sul piano culturale: in ognuno di questi edifici si nasconde e al tempo stesso si palesa una storia lunga secoli, a disposizione di chiunque abbia voglia di entrarvi in contatto.

Nel caso in cui si giunga nella capitale di sera, il consiglio è quello di recarsi subito al Barrio Embajadores: si tratta di una zona costellata di ristoranti intimi, con le strade che sono piacevolmente invase dai tavoli colorati delle taverne.

 Barrio Embajadores-Madrid

In location come queste sarebbe un delitto mettersi a dieta, tali e tante sono le pietanze della tradizione culinaria locale che vale la pena di scoprire, ovviamente innaffiate da un bicchiere di clara – la birra mescolata con la gazzosa – o, ancora meglio, da un boccale di cerveza, cioè la birra del posto.

Un giro in piazza

Le vacanze in Spagna offrono l’opportunità di vedere la vita pulsante delle piazze, come per esempio Plaza del Callao e Plaza de la Villa, dove ci sono numerosi negozi ideali per lo shopping: un’occasione da non perdere per comprare un souvenir da regalare ad amici o parenti.

Malasana e Chueca, invece, sono i due quartieri più trendy di Madrid, con strade ortogonali in cui si concentra la movida iberica, grazie all’offerta dei numerosi locali.

Plaza de la Villa_madrid

La Madrid culturale

Per un itinerario più culturale si potrebbe passare dalla Puerta del Sol, dove si trova la Casa de Correos, che un tempo fungeva da ufficio postale; ma qui ci sono molti altri edifici di valore storico, tra i quali la famosa Torre dell’Orologio. Puerta del Sol è il punto di ritrovo dei madrileni e dei turisti che scelgono di festeggiare il Capodanno all’aria aperta seguendo la tradizione dei chicchi di uva, da mangiare la notte del 31 dicembre seguendo i rintocchi delle campagne.Puerta_sol_Madrid

Nella stessa piazza c’è una statua che riproduce un orso intento a mangiare un corbezzolo, ma soprattutto è qui che si trova l’Origen de la calles radiales, vale a dire il chilometro zero: si tratta, in pratica, del punto a partire dal quale si calcolano in chilometri le distanze in tutta la Spagna.

Gli edifici di Madrid

In un paio di giorni si deve trovare il tempo di far tappa a Palazzo Reale, che è uno dei simboli della città: gli abitanti del posto lo chiamano anche Palazzo d’Oriente, dal nome della piazza che domina.

A dispetto della sua denominazione, per altro, il Palazzo Reale non è più tale, nel senso che la famiglia reale in realtà risiede fuori Madrid, nel Palazzo della Zarzuela: l’edificio viene comunque utilizzato ancora oggi, ma solo per gli atti ufficiali, per le conferenze o per le cerimonie.

All’interno si possono ammirare vasi in ceramica molto antichi e alcuni strumenti a corda di Antonio Stradivari, ma anche armature e armi che la famiglia reale ha utilizzato dal Duecento in avanti.

massimo dubini

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.