Goteborg: fuga tra arte e natura

Se la nostalgia delle vacanze, definitivamente archiviate, è ancora molto forte, niente paura, l’autunno è la stagione ideale per concedersi ‘brevi fughe’ dalla quotidianità e qualche giorno di pausa per ritemprare corpo e spirito. Una destinazione ancora non molto battuta, ma perfetta per un lungo weekend, dove si riesce a conciliare arte e natura, è Goteborg, sulla costa occidentale svedese. Città portuale, nota per essere la porta principale della Svezia, Goteborg si trova a metà strada tra Oslo e Copenhagen ed indubbiamente molto ricca di vita culturale.

göran_assner-the_gothenburg_museum_of_art-3738

Gli amanti d’arte, hanno ancora qualche giorno di tempo per non  mancare all’ottava edizione del GIBCA – Biennale Internazionale di Arte Contemporanea – che si terrà fino al 22 novembre. L’evento ha luogo nella Rode Sten Konstall, galleria allestita in una vecchia caldaia industriale, e ovviamente in altri luoghi della città. Tra le altre istituzioni culturali, create grazie alle ricche donazioni degli imprenditori della città, ricordiamo il Konstmuseet – collezione d’arte nordica – e lo Jarnhallen Ringshorn art centre, un’innovativa scena per opere contemporanee in un distretto industriale poco conosciuto. Se si vuole trascorrere una giornata in piena spensieratezza, a sud-est dal centro di Goteborg, si va a Liseberg, il parco divertimenti più grande di tutto il Nord Europa, una delle attrazioni più popolari della Svezia.

L’autunno è anche il periodo dove si possono assaporare le saporite prelibatezze del mare: Goteborg e la costa occidentale della Svezia offrono soggiorni gastronomici che combinano l’assoluto relax del mare ed escursioni in paesini suggestivi. Safari ai crostacei e frutti di mare, aperitivi sul molo a base di prosecco e gamberetti sono una specialità di Fiallbacka, un pittoresco villaggio di circa mille abitanti, raggiungibile da Goteborg in circa un’ora e mezza.

Località estiva prediletta da Ingrid Bergman, dove era solita trascorrere le vacanze e a cui è dedicata anche la piazza principale, Fiallbacka è nello stesso tempo il luogo dove la scrittrice Camilla Lackberg ha ambientato tutti i suoi gialli: nelle casette in legno di questo paesino si consumano efferati delitti e storie d’amore.

Gli appassionati dei suoi thriller, avranno la possibilità di visitare i luoghi citati nei libri, grazie alle visite guidate organizzate dall’ente turistico locale. Hanno la durata di circa 45 minuti e partono ogni giovedì e sabato dell’anno alle ore 14. Fjällbacka-by-Bruno-Cordioli1
Inoltre, per un pasto ancora a tema, si può cenare al ristorante Bryggan con le ricette tratte dal libro Flavours of Fiallbacka scritte dalla Lackberg e dallo chef, suo amico d’infanzia. Immancabile il giro dell’arcipelago: su rocce granitiche si gode di una vista mozzafiato che ci fa immergere nella natura e ci fa riappacificare con il mondo intero. www.vastsverige.com/en/

Maria Grazia Lucchese

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.