Il 20 settembre è la Giornata Mondiale della Paella

Di / 11 Settembre 2019 Gusto Nessun commento
20 settembre: Giornata Mondiale della Paella

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

La città di Valencia promuove la Giornata Mondiale della Paella per condividere col mondo la sua ricetta più internazionale.

Il prossimo 20 settembre si celebra la Giornata Mondiale della Paella.

La giornata, che celebra il piatto più famoso della gastronomia spagnola, è dall’anno scorso un appuntamento fisso nel calendario internazionale.

In occasione di questo appuntamento i “Valencianos” abbandonano il loro ruolo di guardiani della ricetta originale e sospendono per una giornata, in maniera simpatica e amichevole, l’eterno dibattito sull’autentica paella.

Il 20 settembre Valencia invita il mondo a “poner su grano de arroz” (dare il suocontributo)e, oltre a ricette ed ingredienti, a condividere le proprie paellassui social conhashtag #WorldPaellaDay per celebrare insieme il fatto di come una ricetta umile abbia oltrepassato confini e frontiere locali per diventare una prelibatezza internazionale.

L’iniziativa parte dalla città di Valencia,

culla della paella, e di una serie di enti locali che hanno come obiettivo

condividere con tutti questa straordinaria ricetta che unisce tradizione,

cultura ed eccellenza culinaria.20 settembre: Giornata Mondiale della Paella

http://worldpaelladay.org/en/home/

Ed ecco la ricetta de “l’autentica¨ paella valenciana

A Valencia, culla della paella, ci sono anche numerose versioni di questo gustoso piatto, che per molti è uno dei più complicati della gastronomia nazionale.

Per la maggior parte dei valenzani la miglior paella che hanno mangiato nella loro vita è quella della madre, della nonna o del padre, elaborata in base alla ricetta dell’”autentica” paella valenciana.

Se non avete nessuno che vi prepari una buona paella e volete provarci, qui vi spieghiamo la ricetta più utilizzata a Valencia e nei ristoranti della città in cui si servono tipici piatti di riso valenciani.

Indossate il grembiule e iniziamo!20 settembre: Giornata Mondiale della Paella

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
1 Bicchiere di Olio extravergine di oliva.
1 Pollo a pezzi.
1 Coniglio a pezzi
300 grammi di fagiolini piattoni freschi.
1 Pomodoro medio.
1 Cucchiaio di peperoncino dolce.
Zafferano.
6 bicchieri di acqua.
200 grammi di Garrofó (fagiolo di Lima).
Sale a piacere.
3 bicchieri di riso.
Un rametto di rosmarino.

A Valencia è tipico aggiungere lumache, carciofi o anche anatra. C’è anche chi la serve con rondelle di limone e chi aggiunge un po’ di aglio al soffritto, anche se su questi ultimi punti ci sono opinioni discordanti. Tutto dipende dal gusto del consumatore.

PREPARAZIONE IN 12 FACILI PASSAGGI:
1.- Riscaldare l’olio nella paella (recipiente largo e poco profondo) a fuoco basso.
2.- Rosolare il pollo e il coniglio per circa 5 minuti.
3.- Aggiungere la verdura lavata e tagliata a pezzi, i fagioli, i carciofi e il pomodoro grattugiato. Friggere alcuni minuti fino ad ottenere un soffritto omogeneo.
4.- Aggiungere il peperoncino e friggere a fuoco molto basso per un minuto, poi versare l’acqua.
5.- Aggiungere lo zafferano, il garrofó e il sale a piacere.
6.- Alzare il fuoco e lasciar bollire per circa 15 minuti.
7.- Aggiungere le lumache, se si desidera.
8.- Distribuire il riso su tutta la padella.
9.- Lasciar bollire altri 15 minuti e provare il brodo. Aggiungere sale se necessario.
10.- Gli ultimi 7-8 minuti aggiungere il rosmarino, lasciarlo cuocere circa 5 minuti e poi toglierlo.
11.- La paella sarà pronta quando l’acqua sia evaporata, ma non sia completamente secca.
12.- Affinché si formi il ‘socarrat’ (abbrustolito) sul fondo della paella (padella), cuocere ancora qualche minuto a fuoco basso.

Quando la paella sia pronta, ci sono alcune usanze molto valenzane, come mangiarla con un cucchiaio di legno o direttamente dalla padella. Ma ciò dipende dal contesto.

Redazione

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.