Il cuore verde di Ruffino: tre nuove etichette certificate BIO

Di / 5 Giugno 2019 Gusto, Home Nessun commento
Ruffino-bio

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Con il lancio di tre nuovi vini dal cuore verde, Ruffino conferma il suo impegno di responsabilità ambientale. 

Ruffino torna a far sentire il suo nome.

L’azienda vitivinicola toscana, che l’anno scorso aveva rilanciato sul mercato l’etichetta Romitorio di Santedame dopo undici anni di assenza, fa nuovamente parlare di sé lanciando tre nuove etichette certificate BIO: Chianti DOCG Bio Prosecco Treviso DOC e il Pinot Grigio delle Venezie DOC.

Ruffino ha sempre prestato attenzione alla conduzione agronomica delle sue tenute, a partire dalla ideazione di un “manuale di buone pratiche agricole” per la gestione sostenibile del vigneto e del territorio.Ruffino-bio

Nel 2018 ha acquisito oltre 126 ettari di vigneti a conduzione biologica certificata, ha iniziato il processo di conversione al biologico delle tenute toscane Greppone Mazzi a Montalcino e Poggio Casciano nel Chianti Colli Fiorentini e ha ottenuto l’attestato di “Biodiversity Friend” della World Biodiversity Association.

Le risorse naturali e la biodiversità sono sempre più messe a rischio dall’impiego di tecniche agricole inquinanti e dall’eccesivo sfruttamento della fertilità dei suoli.

L’agricoltura biologica cerca di sviluppare terreni sani in grado di sopportare parassiti e di alimentarsi naturalmente, creando un ecosistema equilibrato.

Ruffino-bio

Ruffino pratica una viticultura di precisione, cioè gestisce i vigneti in base alle loro caratteristiche pedoclimatiche (suolo e clima), riducendo così l’uso di pesticidi ed erbicidi.

Non solo vigneti,  ma anche gestione biologica a 360 gradi: i flussi d’acqua in entrata e in uscita sono monitorati, i residui chimici inquinanti presenti nelle acque reflue sono filtrati e purificati da piante coltivate nei bacini di fitodepurazione, l’acqua purificata è riutilizzata nell’irrigazione.

L’azienda è anche sensibile agli effetti climatici e, a tal scopo, oltre l’85% dei materiali di scarto è riciclato e l’attenzione volge all’utilizzo di energia da fonti rinnovabili.

La tutela dell’ambiente si impone sempre più sull’opinione pubblica internazionale con il manifestarsi di problemi climatici di carattere globale. Ed è proprio la tutela dell’ambiente e della sua biodiversità, sia in vigneto sia nella gestione della cantina, un elemento imprescindibile per Ruffino, un’azienda in cui la responsabilità sociale poggia su tre pilastri: la sostenibilità, il bere responsabile e la beneficenza (“giving back”). 

 

Marta Bocca

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.