La Via Silente: cicloturismo ‘protetto’ in Cilento con APP dedicata

la-via-silente-cicloturismo-protetto-in-cilento-con-app-dedicata

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

La Via Silente: cicloturismo ‘protetto’ in Cilento con APP dedicata

Il cicloturismo – speciale come quello de La Via Silente – è diventato da alcuni anni, anche in Italia, una forma di vacanza alternativa, grazie alle sue molteplici peculiarità.

Viaggiare in bicicletta, infatti, consente di “vivere” i percorsi, apprezzandone le singolarità ambientali e culturali, entrando in contatto più profondo con il paesaggio, la sua cultura, la sua tradizione e, soprattutto, con le persone che lo abitano.

Il Cilento, caratterizzato da straordinari paesaggi, clima mite, identità umana e sociale radicata, tradizioni culturali antiche e prodotti tipici di pregio, è uno dei territori che hanno sviluppato un’accoglienza dedicata agli appassionati delle due ruote.

la-via-silente-cicloturismo-protetto-in-cilento-con-app-dedicata

In particolare, la Via Silente è uno dei cammini, o delle pedalate, più interessanti a livello nazionale e non solo: questa forma di turismo sostenibile, macinando chilometri in armonia con la natura e gli ambienti rurali, è cresciuto esponenzialmente in questa zona.

La Via Silente è, probabilmente, l’unico esempio di tracciato ciclo-turistico

che si sviluppa interamente in un’area protetta,

condensandone ogni aspetto.

I periodi migliori per percorrerla sono sicuramente da aprile a giugno, quando si assiste al risveglio della natura, e da settembre a novembre, con i boschi che si colorano di arancio, rosso e giallo.

Pianura, collina, montagna, mare, oasi verdeggianti, rocce carsiche e una molteplicità di testimonianze storiche non comuni: le antichità di Velia e di Roccagloriosa, l’aura imperiale di Teggiano e Padula, i tratti orientaleggianti di Morigerati, la testimonianza millenaria della Civitella

L’associazione La Via Silente e i suoi percorsi

L’Associazione “La Via Silente” prende vita il primo dicembre 2014, grazie a un gruppo di ragazzi cilentani impegnati in un progetto di valorizzazione e promozione della loro terra.

Questi decidono d’impegnarsi per realizzare, monitorare e promuovere un ciclo-percorso che attraversi l’intero territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

la-via-silente-cicloturismo-protetto-in-cilento-con-app-dedicata

La Via Silente è oggi un ciclo-percorso ad anello lungo 592 km. che, partendo da Castelnuovo, si snoda per lo più su divertenti saliscendi collinari; opzionali le due salite sulle vette del Cervati (1898 m.) e del Gelbison (1705 m.), mentre meraviglioso è il valico degli Alburni da Petina a Roscigno, cosi come il passaggio dal Cilento propriamente detto al Vallo di Diano, attraverso la Sella del Corticato.

Pur inoltrandosi all’interno, il percorso costeggia il mare in più punti: da Pioppi a Castellabate e da Policastro fino a Scario, Marina di Camerota e Palinuro.

la-via-silente-cicloturismo-protetto-in-cilento-con-app-dedicata

L’associazione Via Silente, nel proprio sito www.laviasilente.it, suggerisce al ciclo-viaggiatore di percorrere il tracciato in 15 giorni per poter godere a pieno delle sue bellezze e interagire con il territorio e le numerosissime attrattive che offre.

Con una media di circa 35 km a tappa, traffico a volte inesistente e il 90% di asfalto la Via Silente è un percorso adatto a persone con un allenamento medio/alto ed è perfetto per chi decidesse di muoversi in e-bike.

La Via Silente e la sua APP dedicata

Dal sito è anche possibile scaricare le tracce GPS dell’intero tracciato e il PDF delle strutture ricettive convenzionate con l’associazione.

Dal 2020 è disponibile un’APP dedicata che permette di navigare direttamente sul percorso mentre la pagina Facebook è aggiornata quotidianamente

All’info-point Km. 0 a Velina, paese di partenza, si procede alla registrazione sul percorso.

Al viaggiatore sono fornite tutte le spiegazioni necessarie, la mappa cartacea fronte retro, la ‘Silentina’, passaporto che attesta la sua presenza sulla Via Silente e garantisce vitto e alloggio ai prezzi concordati e l’elenco dei servizi di riparazione lungo l’intero percorso.

I proprietari delle strutture ricettive, nel momento in cui accoglierà il visitatore, dovrà apporre sulla Silentina un timbro con data di arrivo e nome del paese in cui la struttura risiede.

Un accorgimento che permette di controllare la presenza dei visitatori lungo il percorso e operare un monitoraggio costante sull’andamento complessivo dell’infrastruttura con grande vantaggio per fruitori e operatori.

Associazione di Promozione Sociale “La Via Silente” – Tel. +39 339 5803913 – Sito web: www.laviasilente.it – Indirizzo email: info@laviasilente.it

viviana spada