Lago d’Orta: regno di silenzio e di spiritualità

lago-dorta-regno-di-silenzio-e-spiritualita

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Lago d’Orta: regno di silenzio e spiritualità

Innamorarsi del lago d’Orta per colpa (o merito) di un ciak.

È quello che mi è accaduto guardando la pellicola, di qualche anno fa, del regista Giuseppe Tornatore: La Corrispondenza.

Un film introspettivo che parla di una relazione sublime e forte dal punto di vista psicologico, una trama, questa, che rappresenta appieno il luogo, con un Jeremy Irons ineguagliabile e magnifico nella sua interpretazione.

Lago d’Orta: la vita slow

Una storia che ti fa scoprire la vita slow di questo lago piemontese, tra nebbia e lunghi silenzi, uno dei laghi, forse, meno conosciuto di tanti altri, uno specchio d’acqua con la sua incantevole isola, l’Isola di San Giulio, sulla quale è stata costruita una basilica romanica, di proprietà delle Suore Benedettine.

Il lago d’Orta è sicuramente uno dei luoghi del cuore,

ma anche della mente.

lago-dorta-regno-di-silenzio-e-spiritualita

Un piccolo spazio immerso nella quiete assoluta, seppur i turisti arrivino a migliaia per ammirare il borgo e gli scorci panoramici, per affittare un’imbarcazione o affidarsi al barcaiolo e raggiungere l’isolotto.

Una destinazione da annotare nel taccuino dei sogni, per riscoprire il lato slow della vita

Un itinerario dove rigenerarsi e ricaricarsi perché, che lo si voglia o no, dà carica ed energia.

Con i suoi borghi, le sue piazze, il lungolago e l’isola con la sua spiritualità lascia che il turista si abbandoni e vaghi con la mente.

Dove dormire sul lago d’Orta

Da non dimenticare poi il lato più goliardico di una gita sul lago d’Orta: Villa Crespi, con la cucina dello chef Antonino Cannavacciuolo.

Camera con vista lago a Casa Fantini

E, per chi vuole trascorrere un fine settimana, il suggerimento è quello di prenotare una camera con vista a Casa Fantini per vivere, come amano definire in hotel: un’esperienza lake time che si traduce nel riposarsi e vivere l’esperienza con un “ritmo lento” e rilassante, come il movimento delle acque del lago, cartolina naturale insieme alla suggestiva Isola di San Giulio che si può ammirare da tutte le sue sistemazioni.

lago-dorta-regno-di-silenzio-e-spiritualita

La struttura ha riaperto per la stagione estiva con 11 camere, declinate in uno stile che lascia spazio ad un mix equilibrato di design e dettagli d’epoca.

Cuore della casa la lounge e il giardino progettato da Paghera, oltre alla piscina con la sua ‘cascata’, colonna sonora naturale che dialoga con il silenzio del borgo.

Sono gli ospiti a scegliere come trascorrere il proprio soggiorno. – commentano dalla direzione – A casa Fantini il servizio è à la carte a 360°, ogni singolo dettaglio viene disegnato su misura. Scegliere quando e dove fare colazione, rigorosamente con prodotti del territorio dolci, salati e homemade. Decidere che cosa si desidera assaporare per cena, confrontandosi con lo chef, Paolo Bullone che, oltre a suggerire una selezione di proposte del giorno, è a completa disposizione per assecondare le aspettative del vostro palato”.

Spa personalizzata

La gratificazione a Casa Fantini arriva con una suite spa personalizzata perché propone un menu di trattamenti ensuite, nella propria camera o in base al meteo sulla vostra terrazza, con una terapista specializzata nel metodo Comfort Zone. (www.casafantinilaketime.com)

Lago d’Orta: scoprire il borgo

E se il soggiorno potrà trovare un aspetto piacevole e di completo rilassamento, ecco cosa fare una volta arrivati nel borgo.

Oltre alla visita a Villa Crespi, con un pranzo o una cena facendosi coccolare da Antonino Cannavacciuolo, si potrà proseguire per una visita ai giardini del palazzo comunale a contemplare da lì il lago sotto il pergolato di glicini.

Il giardino, come una terrazza,  si affaccia sull’Isola di San Giulio.

lago-dorta-regno-di-silenzio-e-spiritualita

La passeggiata continua nel borgo tra i vicoli e le stradine con piccole botteghe artigiane che arrivano direttamente nella piazza con l’imbarcadero per l’Isola è a pochi metri.

La vera ricerca di spiritualità si completerà sull’Isola di San Giulio, immersi nel silenzio e nella riservatezza.

Qui l’unica certezza è quella di godersi la pace e il silenzio del posto, quel silenzio invocato ogni 50 metri da insegne metalliche e che si espande tra le magnifiche dimore storiche.

Il lago d’Orta è un sogno, un piccolo quadro che cambia in ogni stagione, ma che raccoglie in sé un profondo significato fatto di riflessioni e di silenzi

Arianna augustoni

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.