TAP: diventano 100 gli aeromobili della sua flotta

tap

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

TAP: diventano 100 gli aeromobili della sua flotta.

Per recarsi nel bellissimo Portogallo o per volare…nel mondo.

Un nuovo traguardo perché la linea aerea portoghese riceve un ulteriore Airbus A330ne il CS-TUI, battezzato con il nome di D. Afonso Henriques.

TAP è stata la compagnia aerea europea con il maggior incremento sulle rotte tra Europa e Stati Uniti negli ultimi 4 anni. Per la prima volta in 74 anni di storia salgono a 100 gli aeromobili in flotta

Il rinnovo della flotta – con 71 nuovi aeromobili previsti entro il 2025 – è uno dei cardini del piano strategico di TAP dopo la privatizzazione avvenuta nel 2015. Passa proprio attraverso l’acquisizione di questi nuovi velivoli all’avanguardia, che garantiscono una maggiore offerta di posti e costi inferiori, il processo di trasformazione e modernizzazione del vettore.

I nuovi aeromobili e le nuove rotte

I nuovi aeromobili hanno permesso a TAP di aprire nuove rotte e di diversificare ulteriormente i propri mercati. Questa ha, infatti, continuato a crescere in Brasile, dove mantiene la leadership nei collegamenti dall’Europa, con un aumento del 22,8% dei passeggeri trasportati tra il 2015 e il 2018 e, in aggiunta, ha puntato fortemente sul Nord Atlantico, con una crescita del 176,5% dei passeggeri trasportati tra il 2015 e il 2018, generata dall’offerta di posti che è praticamente quadruplicata in 4 anni.

TAP è stata la compagnia europea che è cresciuta di più sulle rotte verso gli Stati Uniti e ora offre 245 mila posti in più rispetto al 2015.

Secondo i dati di Flight Global, negli ultimi 4 anni TAP è cresciuta al di sopra della media delle altre compagnie aeree europee di riferimento: la crescita della flotta dal 2015 al 2018 è stata del 21%, mentre gli altri vettori europei sono cresciuti in media del 13%. jTAP è uno dei vettori con la flotta più moderna al mondo e l’arrivo del centesimo aeromobile è un altro tassello nell’attuazione concreta dei propri piani strategici

Per quanto riguarda i passeggeri trasportati, TAP ha registrato tra il 2015 e il 2018 un aumento del 39%, rispetto a una media del 19% nello stesso periodo da parte altre compagnie aeree europee concorrenti.

Stati Uniti e Italia

Entro la fine di quest’anno TAP continuerà a ricevere ulteriori aeromobili, per servire le nuove rotte che verranno inaugurate – negli Stati Uniti, Chicago, San Francisco e Washington saranno le prossime a giugno – e per portare più turisti in Portogallo a godersi natura e cultura di questo splendido Paese.

Nel 2018 TAP ha trasportato 4 milioni di turisti in Portogallo.

E l’Italia?

Il nostro Paese è fondamentale nei piani di crescita e grazie agli investimenti sul nostro territorio TAP questa estate opererà dall’Italia al Portogallo oltre 16 voli giornalieri – fino a 115 frequenze settimanali – serviti direttamente da Roma, Milano, Bologna, Venezia, Firenze e, dal 15 giugno, anche da Napoli verso Lisbona, oltre che da Malpensa verso Porto, dando ai passeggeri la possibilità di proseguire il proprio viaggio verso le tante destinazioni oltre Atlantico.

TAP Air Portugal è la compagnia aerea portoghese leader di mercato e dal 2005 è membro di Star Alliance, l’alleanza di vettori con la più ampia rete di collegamenti a livello globale. Operativa dal 1945, la linea aerea ha visto completato il suo processo di privatizzazione con il consorzio Atlantic Gateway come nuovo azionista nel 2015, anno in cui ha celebrato il suo 70° anniversario.

Con hub a Lisbona, un punto di snodo privilegiato da e per l’Europa, all’incrocio con l’Africa e le Americhe, TAP è leader nelle operazioni tra Europa e Brasile.

Attualmente il network di TAP copre 92 destinazioni in 36 Paesi in tutto il mondo. Con una media di circa 2.500 voli settimanali, dispone di una flotta di 79 Airbus e 21 aeromobili per TAP Express il brand della compagnia per la sua rete di collegamenti regionali.

Chiara Bettelli Lelio

Assistente psicologa, direttore di psicodramma moreniano e counselor in sessuologia clinica di FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica), è giornalista professionista nell’area del benessere psico-fisico. E’ esperta in consulenze su difficoltà individuali e di coppia riferite a disturbi psico-sessuali o a problemi relazionali.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.