Test a test: un libro da utilizzare per fare il punto su noi stessi

Test a test:

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Test a test: un libro da utilizzare per fare il punto su noi stessi e sul rapporto con i genitori

Prendiamo in mano questo libro per farci vivere un momento piacevole e utile.

A casa con i familiari, ma anche e soprattutto soli con noi stessi.

Le riflessioni che ne ricaveremo ci aiuteranno ad acquistare consapevolezza. Partendo dal rapporto che abbiamo avuto o abbiamo con i nostri genitori.

Da “Test a test. Conosci davvero te stessa?”

di Chiara Bettelli Lelio (Morellini Editore)

Il libro è in vendita nei negozi e online di: Feltrinelli-Hoepli-IBS – Amazon

Test a test:

Nel libro – con l’introduzione del famoso sociologo Francesco Morace – troverete riflessioni, quiz e profili psicologici su vari aspetti della nostra vita. Amore, il sesso questo sconosciuto, casa e famiglia, il rapporto con i genitori (sul quale zoomiamo in questo articolo).

E poi: il bene degli altri, lavoro: chi è costui?, beauty, fashion & benessere, strettamente personale. Sono test rivolti al femminile ma per par conditio vanno bene a tutti…e alle coppie.

Il rapporto tra noi e i nostri genitori

Si ereditano i lineamenti (croce o delizia) – e i colori della pelle, degli occhi e dei capelli – dai genitori e dai nonni. Chi è fortunato ha ricevuto un mix tra il meglio dei parenti stretti.

Pero’, poiché la natura ha una sua ferrea logica, ereditiamo anche il carattere, le inclinazioni e la maggior parte degli stress e delle ansie che hanno subito mamma, papà e antenati. Infatti possediamo inizialmente molto meno di nostro, rispetto a quanto abbiamo ricevuto da loro.

Poi sta a noi, attraverso il metabolizzare le esperienze, rielaborare ciò che sentiamo come piovutoci addosso, se seguiremo quell’onda o se andremo controcorrente.

Le discipline delle costellazioni familiari e della psico-genealogia insegnano che dovremo tenere soltanto quello che ci fa stare bene, insieme a ciò che può esserci utile, anche – se e quando – saremo diventati genitori a nostra volta.

Come vivere e superare i conflitti

I conflitti con le figure genitoriali sono in ogni caso necessari, in epoca adolescenziale, per crescere e per ‘staccarsi’ da loro conquistando autonomia. Parola preziosa e difficile oggi, quando la crisi economica rende lentissimo raggiungere l’indipendenza materiale, facendo rimanere i giovani degli eterni ragazzi.

E da adulti? I conflitti con la madre e il padre diventano una ‘rogna’, una fonte di costante irritazione. Forse potremo imparare il ‘perdono’ e dare più spazio alla tenerezza. Fatto sta che il rapporto con i genitori ci condiziona tutta la vita continuando a essere un minestrone di sensi di colpa, recriminazioni, confronti spesso difficili.

I profili psicologici. Quale è il nostro?

I nostri quiz possono avere il merito – con lo strumento ‘leggero’ dell’ironia – di farci riflettere sul fatto che abbiamo soprattutto il dovere di regalarci serenità.

Attraverso i profili scopriremo se stiamo procedendo in modo giusto oppure se è meglio cambiare percorso e che c’è un modo per rapportarsi con mamma e papà con una maturità interiore e consapevole.

Proviamo a fare due test? (gli altri li trovate nel libro)

Che cosa del tuo passato ti fa ancora male?

Ci sono ferite – piccole o grandi – di anni lontani o addirittura dell’infanzia che ci impediscono di vivere serenamente. Approfittate di una pausa per scoprirle con noi…

1. Cosa vi sarebbe piaciuto sentirvi dire dai genitori?
A) Non è colpa tua.
B) Sei capace di farlo da sola.
C) Non aver paura, ci siamo noi.

2. Fai un incubo, c’è un mostro che:
A) Ti spaventa ma non ti uccide.
B ) Ti obbliga a obbedirgli.
C) Non sa che fare di te.

3) Vorresti avere più…
A) Fiducia negli altri.
B) Ottimismo.
C) Autostima.

4. La critica che ti darebbe più fastidio ricevere?
A) Sei una manipolatrice.
B) Sei insicura.
C) Sei troppo ingenua.

Profili

Maggioranza di A
Da piccola hai avuto l’impressione di non essere ascoltata, ma anche di non aver soddisfatto i desideri, tuoi e dei genitori. Poi si è presentato spesso il problema su quali decisioni prendere. Cerca di ‘lanciarti’ senza temere troppo le reazioni degli altri e gli eventuali insuccessi.

Maggioranza di B
L’ambiente familiare ti ha trasmesso ansia e troppa paura dei possibili pericoli. In seguito puoi aver sofferto anche di fobie e di insofferenza rispetto ad ambienti nuovi. Invece di lamentarti prova a vedere il bello e il buono in ciò che ti circonda.

Maggioranza di C
Ti sei sentita trascurata da bambina, in modo particolare non considerata come avresti voluto. Ne è derivata una scarsa capacità a far valere i tuoi diritti ed esigenze. Per rinforzare l’autostima cerca di dedicarti – per quanto è possibile – ad attività gratificanti.

Ribelle o perfezionista?

Quale bambina c’è in voi?

Scoprite chi siete, oltre le apparenze: in voi dorme un’adolescente ribelle, una prima della classe o un’ingenua?

1. Che serve per avere successo?
A) Essere determinati e imporsi.
B) Coltivare ‘buone’ conoscenze.
C) Dare il meglio di se stessi.

2. Sorprendete il partner di un’amica con un altro…
A) Cercate di farglielo capire, criticando lui.
B) Lo dite a tutti, ma non a lei.
C) Non raccontate niente a nessuno.

3. Come reagite se vi passano avanti in una fila?
A) Fate il sorpasso anche voi.
B) Non ve ne accorgete neppure.
C) Dite le vostre ragioni cortesemente.

Profili

Maggioranza di A
Sei una ragazza ribelle. Come un’adolescente in fase di affermazione contesti tutto e non sopporti l’autorità. Un consiglio: qualche volta mettiti nei panni degli altri.

Maggioranza di B
Come una brava bambina, non ami i conflitti, giochi serenamente e vedi tutto con ottimismo. Ma cerca anche di prenderti sul serio se vuoi essere considerata nel tuo giusto valore.

Maggioranza di C
Prima della classe a scuola e da adulta. Perfezionista e ambiziosa, senti la fatica di dover essere sempre al top. Rilassati: non è necessario vincere sempre.

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.
error: Content is protected !!

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.