Eau de Memo: scrigno misterioso, custode di emozioni

Eau de memo

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Solo chi ha seguìto istintivamente una scia speziata, affondato il viso in un indumento intriso di calde fragranze, chi si è commosso nell’incontro inaspettato con un effluvio, chi ha cercato nelle pagine di un libro il passato lontano, sa spostarsi nello spazio-tempo sulle ali dei sensi. Chi si abbandona alla malìa del profumo è un viaggiatore, anche se resta apparentemente fermo in un luogo fisico. La fragranza è il mezzo per intraprendere un percorso magico. Annusare un profumo significa accettare di lasciare la propria zona di sicurezza, abbandonandosi a nuove sensazioni, accendere un entusiasmo simile a quello della partenza, aprirsi a una nuova esperienza sensoriale.

Su questi presupposti è nato Eau de Memo, molto più di un semplice profumo. L’iconografia è il volo di un uccello, il battito d’ali, il fruscio delle piume. Lasciar andare la fantasia e trovarsi a sorvolare Parigi. Ascoltare il mormorio della città dal cielo, scrutare nuovi orizzonti. Partire, poi tornare. Affrontare leggerezza e profondità. Sperimentare contrasti che riempiono l’aria e fanno emergere l’essenza di bergamotto, l’assoluta di gelsomino egiziano, l’accordo di cuoio.Eau de Memo

MEMO è una collezione di profumi che scaturisce dall’incontro (a bordo di una seggiovia!) di Clara e John Molloy. Lì, sospesi tra cielo e terra, i fondatori della maison iniziano un tragitto condiviso e danno vita a un proficuo percorso creativo. La conoscenza con Aliénor Massenet fa scattare la magia. Aliénor lavora al fianco del grande profumiere Sophie Grojsman. Molte e celebri sono solo le sue creazioni. L’incontro tra lei e Clara dà la spinta per alzare l’àncora e salpare.


Nasce MEMO, il cui spirito è perfettamente delineato dalla definizione “il viaggio è la destinazione”. Clara e Aliénor collaborano in piena sintonia, disegnando la mappa sensoriale di un itinerario condiviso.


Eau de memo MEMO trova la sua raffinata ‘casa’ in rue Cambon a Parigi; la creazione è affidata a India Mahdavi, architetto e designer, pluripremiata artefice di progetti internazionali di origine anglo-persiana. L’atmosfera sposa essenziali elementi grafici e raffinate fragranze, scorci di vedute come sguardi lanciati dal finestrino di un treno in sosta, la cui prossima meta è un traguardo ancora da scoprire, un’emozione profumata tutta da vivere.

Eau de Memo è una pozione magica che cattura anche lo sguardo

La sua scatola musicale è un piccolo gioiello per sognare, tornare indietro nel tempo, rivivere i sogni dell’infanzia e lasciarsi andare alla fantasia. Uno scrigno misterioso custodisce minuscoli uccellini che, aprendo le porte, cantano e liberano lo spirito dell’essenza.Eau de memo

Per chi desidera sapere di più c’è il sito www.memoparis.com e per chi non resiste alla suggestione numerosi sono i punti vendita nel mondo. A Milano MEMO è da Campomarzio 70, in via Brera 2.

Maria Marinoni