Aldo Mondino a Genova: una mostra “diffusa”

Aldo Mondino a Genova: una mostra “diffusa”.

Inaugurata a Genova il 24 settembre scorso, l’interessante e importante mostra intitolata ‘Aldo Mondino. Moderno, postmoderno, contemporaneo’ sarà fruibile al pubblico fino al 27 novembre. Una grande antologica che presenta le qualità della poliedrica produzione di quest’artista piemontese per comprenderne l’importanza.

La mostra, a cura di Ilaria Bonacossa, è stata realizzata dal Museo di Villa Croce, in collaborazione con l’Archivio Aldo Mondino e Palazzo della Meridiana e si sviluppa in due sedi prestigiose nelle quali si possono ammirare le molteplici, originali e varie opere di Mondino: produzioni pittoriche, scultoree e ambientali realizzate in quarant’anni di ricerche le cui qualità formali e concettuali sembrano frutto di differenti personalità artistiche. Aldo Mondino a Genova: una mostra "diffusa"

Al Museo di Villa Croce è presente la prima produzione di Aldo Mondino con le straordinarie installazioni ambientali dell’artista, le opere di matrice Pop (presentate alla biennale di Venezia del 1964) e i lavori creati con il cioccolato e le caramelle come risposta alle ricerche dell’Arte Povera.

Palazzo della Meridiana, invece, presenta gli importanti cicli pittorici legati alla sua fase più matura, opere nate dai suoi viaggi nel bacino del Mediterraneo, come i ‘dervisci’ che, catturati nel loro roteare mistico, gli valsero numerosi riconoscimenti e un padiglione monografico alla biennale di Venezia del 1993.

Artista tra i più eclettici della sua generazione, Aldo Mondino è il più significativo rappresentante della poetica Post-Moderna italiana. Attraverso il suo lavoro egli si è riappropriato delle ricerche stilistiche e formali delle avanguardie artistiche, citando e scherzando allo stesso tempo con le opere dei suoi contemporanei. I riferimenti presenti nei suoi lavori spaziano dal Surrealismo alle ricerche Dada, dal Pop al Concettuale fino a citare e stravolgere le opere di grandi maestri come Casorati, Degas, Picasso, Giacometti o Capogrossi.

Aldo Mondino ha sperimentato tutto e il contrario di tutto, mescolando tecniche, materiali e generi, modificando il modo di vedere le cose e la loro funzione (esemplari i tappeti dipinti su eraclite). Dai primi anni ‘80, realizza sculture di cioccolato, dipinti su linoleum, mosaici di marshmallow, tappeti di caffè e granaglie, lampadari di penne Bic oltre a sculture di bronzo, vetro, ceramica e legno. Il suo lavoro è giocoso e infantile, appassionato ed emotivo, introspettivo e drammatico, ma sempre irriverente e ironico.

La mostra è arricchita inoltre da sei interventi monumentali installati in alcune delle più importanti istituzioni museali genovesi, articolati in un percorso sorprendente in cui nulla è come appare e in cui la grandiosa e storia della città è reinterpretata dall’ironia dissacrante di quest’artista: dalle sale neoclassiche di Villa Croce alla medievale Casa di Colombo, dalla monumentalità di Palazzo Ducale ai Palazzi di Strada Nuova; dalle terrazze di Palazzo Reale alle sale dell’Acquario, fino al meraviglioso atrio liberty di Palazzo della Meridiana, in una ‘caccia al tesoro’ per scoprire altre opere suggestive in questo percorso che, come fu l’artista, è decisamente originale e fuori dagli schemi.

In occasione della mostra, l’Archivio Mondino pubblica il primo volume del catalogo generale dell’opera di Aldo Mondino, edito da Allemandi, Torino

 

Aldo Mondino. Moderno, postmoderno, contemporaneo’

24 settembre – 27 novembre 2016Aldo Mondino a Genova: una mostra "diffusa"
MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA DI VILLA CROCE
Opere 1960 – 2004

PALAZZO DELLA MERIDIANA
Opere 1980 – 2004

Installazioni Site-Specific
Palazzo Ducale / Palazzo Rosso / Palazzo Bianco / Palazzo Reale / Casa di Colombo / Aquario di Genova

www.aldomondino.it

viviana spada

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.