Formentera: l’isola da vivere a piedi scalzi

Formentera: l'isola da vivere a piedi scalzi

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Formentera: l’isola da vivere a piedi scalzi

Formentera, la più piccola isola dell’arcipelago delle Baleari, è un luogo magico dove, tutt’ora, è possibile stare a contatto con la natura, staccare la spina, rilassarsi e vivere a piedi scalzi per tutta la vacanza.Formentera: l'isola da vivere a piedi scalzi

È una meta molto facile da raggiungere, in quanto vi basterà prenotare un volo per Ibiza e poi, recandovi al porto, prendere uno dei numerosi traghetti che effettua la tratta Ibiza-Formentera.

In circa 30 minuti di navigazione sarete arrivati nel vostro “buen retiro”.

Ma cosa la rende così speciale?

Innanzitutto il suo mare! Spiagge bianche e acque trasparenti dominano quest’isola che ha saputo conservare un’allure selvaggia nonostante il passare del tempo.

Ancora adesso sono molto poche le strutture turistiche sulle spiagge e le più storiche non sono cambiate negli anni.

La zona che forse più rappresenta quest’anima hippy (Formentera negli anni ‘70 è stata una nota meta per i figli dei fiori in Europa) è quella di Playa de Migjorn.Formentera: l'isola da vivere a piedi scalzi

Questo tratto di costa, situato a sud (Migjorn significa “mezzogiorno”) ospita le spiagge più ampie di tutta l’isola. Intervallate da calette, pinete e zone un po’ più rocciose, questo litorale offre indimenticabili scenari da cartolina.

Il mare ovunque è azzurro e limpido e,

se non amate posizionarvi nelle spiagge più affollate,

potrete fare qualche passo in più

e trovare il vostro angolo di paradiso.

Tutto questo anche in altissima stagione come nei mesi di luglio ed agosto.

La bellezza di Migjorn risiede proprio nella sua particolare conformazione: esploratela, camminate e non sarà difficile scovare il luogo più adatto a voi. Una volta che troverete il vostro rifugio non dovrete far altro che abbandonarvi al fruscio delle onde.

Ma Migjorn non è solo mare: ospita alcuni dei chiringuito più “wild” dell’isola!

Dovete sapere che a Formentera l’aperitivo è un rito a cui nessuno rinuncia e ci sono alcuni posti che lo celebrano in modo veramente speciale.

Uno tra i tanti è il Piratabus: questo piccolo bar che un tempo era un vero e proprio bus, propone mojito da urlo e la possibilità di godersi il tramonto seduti su una grande scogliera che guarda il mare.Formentera: l'isola da vivere a piedi scalzi

Tantissime sono le persone che, poco prima del calare del sole, fanno anche lunghe file per assaggiare i loro cocktail. Non vi spaventate però, l’attesa sarà ben ripagata!

Una volta che avrete preso da bere non vi resterà che aspettare il calar del sole: sarà proprio in quel momento che, dagli altoparlanti vicino al bar, verrà diffusa la celebre canzone “Con te partirò” di Bocelli.

Questo dettaglio,

assolutamente da non sottovalutare,

accrescerà di pathos l’esperienza del tramonto.

Un altro posto molto bello in cui si respira la spensieratezza dell’isola è il Kiosko 62: più che un bar assomiglia ad un rifugio per naufraghi e la loro specialità è un cocktail che si chiama “pomada”.

Se amate il gin vi consigliamo di assaggiarlo! Anche qui sarete a due passi dal mare e potrete godere del tramonto seduti ai tavolini oppure direttamente sulla spiaggia.

In una settimana a Formentera le cose da fare però sono molte: oltre alle lunghe giornate in spiaggia sarà bello anche frequentare i suoi graziosi centri abitati.

Es Pujols

Es Pujols per esempio è il centro turistico per eccellenza: è un ottimo punto di partenza per vivere l’intera settimana di vacanza.

Di giorno gode di una spiaggia molto bella e piena di servizi: solo qui troverete una grande quantità di bar e ristoranti.

Inoltre è molto comodo per chi la sera non ha voglia di spostarsi ulteriormente; in alta stagione ogni sera c’è il mercatino hippy e la maggior parte dei ristoranti è situata sul lungomare.

Se invece preferite luoghi più decentrati e la sera non vi spaventa spostarvi in motorino (in macchina d’estate farete fatica a trovare parcheggio) anche Sant Ferran è un posto molto carino dove trovare una sistemazione.

Di giorno il piccolo centro è praticamente disabitato ma la sera, nella sua piccola piazza e nella stradina pedonale, c’è un mercatino artigianale che richiama tantissime persone. Anche qui ci sono diversi ristoranti in cui cenare e dove respirare l’autentica anima di Formentera.

Il primo fra tutti, il più emblematico è il Fonda Pepe.

Questo luogo è stato uno dei primi ritrovi hippy dell’isola e, ancora adesso, lo spirito che aleggia tra le mura vi riporterà indietro nel tempo.

Di giorno invece, magari prima di recarvi al mare, vi suggeriamo di fare un giro nella vivace Sant Francesc. È il capoluogo dell’isola dove, oltre ad ammirare la piccola chiesa in calce bianca, potrete perdervi tra le sue stradine ricche di negozi e bar.

Un ottimo indirizzo dove poter fare una ricca colazione prima della lunga giornata di mare è il Cafè Matinal: un luogo storico dell’isola che propone ottimi brunch in un’atmosfera conviviale e genuina.

Se invece una sera avete voglia di cenare in un ristorante di lusso recatevi nella zona del porto, a La Savina e, tra il luccichio dei numerosi yacht ormeggiati avrete solo l’imbarazzo della scelta.

Durante l’estate è sempre presente anche un bel mercatino dove fare un po’ di shopping prima del rientro dalle vacanze.

Formentera però non finisce qui… dovremmo parlare dei suoi imponenti fari, dei suoi coloratissimi mercatini hippy e della magia della disabitata isola di Espalmador… lasciamo a voi il gusto di scoprirla una volta che sarete arrivati.

Redazione

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.