Il Capofamiglia: l’uomo che si trasformò in un pollo

Di / 17 Marzo 2023 Video Nessun commento

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Il Capofamiglia: una favola tra realismo e magia

Dopo aver stregato la critica internazionale e aver vinto numerosi premi, è uscito nelle sale italiane con Wanted Cinema,  il Capofamiglia  (titolo originale Feathers), promettente esordio alla regia dell’egiziano Omar El Zohairy.

IL CAPOFAMIGLIA  è un film in cui magia e realtà si fondono per raccontare la vita di una famiglia in Egitto oggi.

Una  favola nera moderna che non mancherà di colpire lo spettatore, grazie anche alla straordinaria e pluripremiata interpretazione dell’attrice esordiente Demyana Nassar.

Il CAPOFAMIGLIA racconta…

Il CAPOFAMIGLIA  è la cronaca semplice di una famiglia ordinaria che lotta per sbarcare il lunario e sopravvivere in un misero appartamento di un quartiere popolare e proletario, quasi ai confini del mondo.

il-capofamiglia-luomo-che-si-trasformo-in-un-pollo

Il film non dona nessun nome ai suoi personaggi, nessuna geografia ai luoghi, nessun altro orizzonte che l’edificio fatiscente in cui alloggiano, nessun altro paesaggio che le architetture industriali e le ciminiere di una compagnia mineraria.

Durante una festa di compleanno in casa, per colpa di un mago ciarlatano, un incantesimo va storto e il padre, un uomo autoritario e brutale, viene trasformato in un pollo.

il-capofamiglia-luomo-che-si-trasformo-in-un-pollo

Tra toni surreali e inaspettati accadimenti, il film racconta il difficile percorso di emancipazione femminile nell’Egitto patriarcale, in cui la madre – la cui vita prima era interamente dedicata all’accudimento del marito e del figlio – diventa decisiva nel prendere in mano la situazione e provvedere da sola alla sua famiglia, combattendo contro una società che non mostra alcuna empatia nei confronti della sua situazione e che in generale discrimina pesantemente la donna.

Il regista Omar El Zohairy

Nato al Cairo nel 1988, Omar El Zohairy ha studiato regia cinematografica presso l’Istituto Superiore di Cinema del Cairo. Durante i suoi studi ha lavorato come assistente per Yosry Nasrallah e Ahmed Abdallah tra molti altri importanti registi in Egitto. Il suo primo cortometraggio Zafir (Breathe Out) è stato presentato in anteprima all’8°

Feathers è una coproduzione tra Francia, Egitto, Olanda e Grecia, di Still Moving, coprodotto da Film Clinic, Lagoonie Film Production, Kepler Film, Heretic e Verona Meier.

Nei cinema dal 16 marzo

Redazione