Londra e le vertigini

Di / 21 Giugno 2015 Gusto Nessun commento

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

L’estate è arrivata anche qui. Te ne accorgi dalle infradito invadenti, dagli occhiali da sole sfoderati in ogni occasione, dalle cabriolet che sfrecciano per le strade di Londra..e dai locali che inaugurano i propri dehors letteralmente presi d’assalto. Perché il momento conviviale non é solo il weekend, ma dalle 5 di pomeriggio un’ondata di yuppies della City si riversa nei locali giusti di Londra alla ricerca di una chiacchiera, una risata, Mr./Mrs. Right ma anche dell’avventura di una sera. La tendenza, ultimamente, è quella di ritrovarsi in posti glamour ‘panoramici’.
Sushisamba-0035 I cari vecchi pub esistono sempre ed hanno comunque i loro clienti affezionati, ma i nuovi londinesi sembrano orientarsi di più verso cocktail – music bar che permettano di ammirare lo skyline della City…e come dare torto? Iniziamo appunto dalla City e dal super glamorous Sushi Samba. Non fatevi ingannare dal nome, al Sushi Samba il menù non si compone di solo sushi, ma la cucina SONY DSCfusion giapponese – brasiliana – peruviana é tutta da scoprire. image-1

Locale con soffitti altissimi e di design, atmosfera elegante e moderna allo stesso tempo. Situato al 38 piano della Heron Tower nel bel mezzo della City, offre panorami mozzafiato a 360 gradi sul favoloso skyline. img_5541É già un’esperienza in sé raggiungere il locale: due ascensori panoramici portano in vetta in meno che non si dica. Astenersi se soffrite di vertigini.

Se, invece, siete amanti delle metropoli ma non rinunciate alla natura. Londra offre anche uno dei giardini pensili più alti del mondo. Lo Sky Garden situato all’ultimo piano del 20 di Fenchurch Street (il tanto controverso Walkie Talkie londinese) vi accoglierà con le sua macchia mediterranea e sudafricana: lavanda, rosmarino, strelitzia e agapanthus vi daranno il benvenuto con i loro inconfondibili profumi e aromi. La serra, tra le più alte del mondo, può essere visitata gratuitamente a patto di prenotare diligentemente online qualche settimana prima. Accanto alla serra, una bellissima ed altissima terrazza en plein air vi permette di respirare l’aria (un po’ più rarefatta forse?) di Londra. Per i veri foodie le opzioni sono ben tre: il Fenchurch Bar and Grill, La Darwin Brasserie e lo Skypod Cocktail Bar. Se volete farvi sorprendere da un’elegante selezione di seafood e meat, la Darwin Brasserie fa decisamente per voi.

Sushisamba-1023.jpgBasti citare le altre location del gruppo: Hong Kong, Beijing. Basti citarne il nome, essenziale e chic: Aqua Spirit. Siamo nell’ambito dei veri cocktail bar…i puristi saranno soddisfatti. Qui nessun cibo (escluso l’amato / odiato bar food), solo cocktail eseguiti ad arte da barmen esperti. Un po’ scuro, ma elegante e glamour, come la zona in cui sorge: Regent Street. Le sue due terrazze garantiscono incontri intriganti mentre lo sguardo spazia sui tetti di Mayfair e Soho. Il post lavoro sicuramente più di tendenza per l’estate alle porte. Nessuna prenotazione accettata, quindi accertatevi di arrivare in tempo per il vostro tavolo in terrazza.
skypodmain
Ma se vi sentite imprenditori rampanti con la “I” maiuscola, se volete gettarvi nel jet set più sfrenato e Sir Richard Branson é il vostro guru…non potete non unirvi al party Spirit dei Roof Gardens in Kensington High Street. richardbranson1I giardini sono impressionanti e lussureggianti…se siete fortunati trovate anche dei fenicotteri! Due sono le opzioni: farvi trasportare dall’atmosfera di fiesta del club ad accesso limitato (la famigerata lista ritorna!) partecipando ad uno degli scenografici bbq estivi, se si desidera, oppure optare per una cena più classica ed elegante al Babylon…il tutto mentre si osserva Londra dall’alto! In ogni caso, sarà un’esperienza unica ed indimenticabile, proprio come nello spirito Virgin! Enjoy! original

Testo di Ginevra Schneider

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.