Saint-Paul de Vence: il villaggio degli artisti

Di / 30 Luglio 2015 Viaggi Nessun commento
Artisti a Saint Paul de Vence_

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

C’era una volta, anzi c’è, un piccolo e romantico villaggio medievale abbarbicato sui monti dell’entroterra mediterraneo, protetto dai bastioni eretti da Francesco I. Dalle sue mura cinquecentesche si gode una veduta spettacolare, un paesaggio degno della tavolozza di un grande pittore. Saint Paul de Vence

Il verde dei cipressi e delle palme contrasta con il rosso dei tetti e si mischia allegramente con i colori pastello delle rose e dei garofani, degli ulivi e degli aranci, mentre un profumo intenso pervade l’aria.

Siete a Saint-Paul de Vence, gioiello della Costa Azzurra, a una manciata di chilometri da Cannes. Un luogo affascinante, ricco di contrasti, una galleria d’arte a cielo aperto che possiede un patrimonio architettonico tra i più eccezionali del mondo. Un paese che schiude al visitatore deliziose piazzette e rivela angoli di fascino provenzale, la cui bellezza ha colpito poeti e artisti del nostro secolo. Saint-Paul-de-Vence è conosciuto infatti come il “paese degli artisti”, perché sulle sue strette e acciottolate stradine in pietra si affacciano più di sessanta tra gallerie, laboratori e atelier di pittori, scultori, incisori e fotografi. Saint Paul de Vence
Ma la sua fama in tal senso risale ad almeno mezzo secolo fa, quando qui arrivarono grandi nomi del circuito artistico internazionale. Basti pensare che nella locanda La Colombe d’Or si può pranzare circondati da una collezione privata con, tra l’altro, una colomba di Braque, una pittura murale di Leger e opere di Chagall, Matisse e Picasso. All’epoca questo albergo con ristorante, divenne luogo di ritrovo di scrittori, poeti, attori e artisti da tutto il mondo, che spesso pagavano vitto ed alloggio con le proprie opere. La Colombe d’Or in passato si chiamava le Robinson e ha ospitato star del cinema del calibro di Yves Montand, che qui festeggiò le nozze con Simone Signoret, Romy Schneider e Tony Curtis.

La Fondation Maeght, conserva un’eccezionale raccolta di opere di grandi artisti come Chagall, Giacometti, Mirò, Matisse esposte a rotazione oltre a mostre temporanee sempre di grande livello. Saint Paul de VenceBellissimo il labirinto di Mirò, un sentiero che si snoda nel lussureggiante giardino del museo dove sono collocate le sculture dell’artista spagnolo. Mentre passeggiate tra le viuzze della cittadina non perdete l’occasione di ammirare la Place de l’Eglise, in cui si trova oggi il vecchio torrione del castello e proseguire la visita con il Museo storico e la Chapelle du Rosaire, cappella interamente realizzata da Henri Matisse, o la Chapelle des Pénitents Blancs.Saint Paul de Vence

     A pochi passi dalla strada principale Rue Grande, si può ammirare anche una delle fontane più famose di Francia Saint Paul de Vence_La Fontanache, costruita nel 1850, è il simbolo di questo borgo e luogo d’incontro. Nella piazzetta subito fuori delle mura, c’è la pista delle “Pétanque” (gioco delle bocce) che risulta essere la pista da bocce più celebre del mondo: tutti i personaggi famosi passati da queste parti, hanno giocato in questa piccola piazza.

www.rendezvousenfrance.com

Foto di Vittorio Puggioni

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.