Dolpo: l’ultimo rifugio dei tibetani

Dolpo:l'ultimo rifugio dei tibetani.

Dolpo: l’ultimo rifugio dei tibetani

Sacrificata tra l’altopiano del Tibet e l’ostica catena del Dhalaugiri, la regione nepalese di Dolpo è una delle aree più selvagge e meno conosciute al mondo. E’ la meno accessibile e popolata, così che le parole ‘remoto’ e ‘misterioso’ assumono un significato quasi mistico: 8000 chilometri quadrati abitata da circa 30.000 abitanti, rappresentano un’area inesplorata e incontaminata che si estende lungo il confine con il Tibet cinese. ‘Aperta’ agli stranieri dall’inizio degli anni Novanta, è una terra da visitare in punta di piedi con massimo rispetto.

I suoi paesaggi sono tra i più spettacolari della Terra, con una natura inviolata – i residenti vivono tra i 3660 e i 400° metri di altitudine – e il popolo Dolpo è strettamente connesso con il Tibet da cui ha origine e di cui preserva fisionomia, rituali religiosi e il retaggio culturale. Qui, si venera il Dalai Lama e su questo territorio vi sono ben 130 ‘gompa’- tipici templi tibetani. Il Lago Phoksundo è una tra le meraviglie nascoste di questa regione segreta: un piccolo specchio d’acqua cristallina in una posizione incantevole, le cui acque turchesi sono simili ad una gemma preziosa incastonata in una corona di rade conifere, il tutto contornato da un orizzonte di cime rocciose e ghiacciai.Dolpo: l'ultimo rifugio dei tibetani Phoksundo è anche il nome del Phoksundo National Shey Park, il più grande parco nepalese che si estende parzialmente anche in Cina. Prende il nome dallo Shey Gompa, un luogo sacro dove ogni anno, per tre giorni, si celebra la luna piena d’agosto. Un posto ideale per praticare trekking e avere al contempo la possibilità di ammirare le carovane di yak che ancora oggi si spostano su questi territori impervi alla ricerca di cibo.

Dolpo:l'ultimo rifugio dei tibetani.La stagione migliore per visitare Dolpo è senza dubbio l’autunno. In questo periodo un viaggio così affascinante potrà fornire una grande ispirazione del punto di vista etnografico, utile per incontrare popolazioni che seguono uno stile di vita tradizionale. E poi, ancora, si rimarrà ammaliati dalle sublimi vedute delle montagne nepalesi. Questi splendidi paesaggi sono anche raccontati tramite le immagini del film ‘Himalaya- L’infanzia di un capo’- un lungometraggio del regista francese Eric Valli, che ha vissuto a lungo in Tibet e che ha voluto raccontare usi e costumi delle popolazioni seminomadi del luogo. Per gli abitanti di Dolpo questo film – che nel 1999 ha ricevuto la candidatura come Miglior Film Straniero – rappresenta il namdar: libro delle memorie.

www.welcomenepal.com

Maria Grazia Lucchese

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.