Isola d’Elba: itinerari per vivere un magico autunno

Di / 29 Settembre 2020 Home, Viaggi Nessun commento
isola-delba-itinerari-per-vivere-un-magico-autunno

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Isola d’Elba: itinerari per vivere un magico autunno

L’autunno non sempre è la fine delle vacanze.

Anzi, al contrario, per molti rappresenta la stagione ideale per visitare luoghi che in estate sono inaccessibili non solo per il prezzo, ma anche per il troppo caldo o l’eccessiva confusione.

Viaggiare in autunno è meno costoso, meno caotico

e si può scegliere fra tante destinazioni stupende:

tra queste la bellissima e selvaggia Isola d’Elba!

Narra l’antica leggenda che quando la Venere Tirrenica emerse dagli abissi marini, ella indossasse una collana di perle che rompendosi si sparsero nel mare dando vita alle isole dell’Arcipelago Toscano, tra queste l’Isola d’Elba.

isola-delba-itinerari-per-vivere-un-magico-autunno

Cuore del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, l’Isola d’Elba è ora un’area protetta che si estende per circa 180 kmq. e fa parte della Riserva della Biosfera MaB Unesco, il prestigioso programma dedicato alle risorse della biosfera e alla tutela delle riserve naturali.

I profumi della macchia mediterranea fanno dell’isola una vivace e originale oasi che custodisce numerose varietà di fauna selvatica: dai fenicotteri ai rapaci, come il falco pellegrino, alle operose api; dalla piccola lucertola muraiola, endemica dell’isola, alle coloratissime e allegre farfalle.

Scendere nella pancia dell’isola d’Elba

Molto famose anche le sue miniere, come quella di magnetite del Ginevro (unica in galleria ancora visitabile), che rappresenta il giacimento più grande d’Europa ed è considerata e tutelata dallo stato italiano per la sua importanza come riserva strategica di ferro.

isola-delba-itinerari-per-vivere-un-magico-autunno

Attrezzati con caschetto e spirito d’avventura, accompagnati da guide esperte, qui si potrà scendere “nella pancia dell’isola” immergendosi in una visita esperienziale in un percorso articolato lungo cunicoli e spazi comuni della miniera.

Le più antiche dell’isola sono invece le Miniere di Rio che, assieme a quelle del Calamita, sono state il bacino di estrazione più importante del Mediterraneo fino agli anni ’80: qui le visite guidate si svolgono a piedi, con e-bike o con trenino, attraverso i cantieri e gli scenari lunari fra minerali brillanti come l’ematite e la pirite.

Itinerari per godere della natura.

Un altro interessante percorso è quello del Museo Diffuso lungo gli itinerari napoleonici da vivere anche qui utilizzando le e-bike o camminando per godere della natura e per raggiungere mete nascoste come monumenti, chiese e santuari, colonne romane, fonti battesimali etrusche, mostri di pietra, minerali, spiagge uniche, testimonianze storiche e musei veri e propri.

Anche il mare all’Isola d’Elba resta una tappa fondamentale fuori stagione; il clima mite, infatti, regala piacevoli passeggiate lungo la spiaggia o gite alla scoperta di romantiche calette: da La Biodola a Cavoli, da Padulella a Sansone, dalla sabbia alle rocce.

Specialità gastronomiche autunnali dell’Isola d’Elba

Per gli appassionati di enogastronomia, invece, è possibile godere delle specialità gastronomiche autunnali dell’isola, dai sapori e dai profumi accattivanti, degustando vini d’eccellenza come, per esempio, l’Aleatico, il passito che stregò anche Napoleone, vera DOCG elbana.

Gli amanti delle bellezze naturali possono godere del panorama della Fortezza del Volterraio, il sito più suggestivo e magico dell’isola, soprattutto se raggiunto al tramonto: con i suoi 395 metri essa è incastonata nella roccia da cui emerge come per incanto diventando una suggestiva terrazza sull’Elba e sulle altre isole dell’Arcipelago Toscano.

Una vista mozzafiato mostra il profilo della dorsale orientale e all’orizzonte la forma esile dell’isola di Pianosa e l’austera sagoma di Montecristo; di fronte la parte centrale dell’isola con le morbide colline, gli ampi golfi meridionali e l’inimitabile morfologia del golfo di Portoferraio con alle spalle il massiccio imponente del monte Capanne, mentre più a destra si può scorgere la selvaggia isola di Capraia e, sullo sfondo, le montagne della Corsica con Capo Corso, proteso verso nord.

Come raggiungere l’isola d’Elba

Sono quindi molteplici le ragioni per concedersi un viaggio all’isola d’Elba, approfittando di prezzi molto più convenienti, sia per gli alloggi, sia per gli spostamenti via mare. Un particolare non di poco conto. L’Isola d’Elba e i suoi porti: Portoferraio, Cavo e Rio Marina, sono facilmente raggiungibili in traghetto da Piombino: tutti i traghetti trasportano sia passeggeri, sia veicoli.

Non vi resta che scegliere la destinazione in base alla zona dell’isola che volete visitare e prenotare il vostro traghetto per l’isola d’Elba.

viviana spada

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.