Madonna di Campiglio: Carnevale Asburgico alla corte di “Sissi”

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

A Madonna di Campiglio un fiabesco Carnevale asburgico alla corte di “Sissi”. Per un tuffo indietro nel tempo tra balli, carrozze, feste, perfino un musical e una sciata in costume d’epoca.

Non solo neve e piste di sci. Madonna di Campiglio, la famosa località turistica trentina nel cuore delle Dolomiti di Brenta ha anche tanti ricordi storici da raccontare, dal momento che è legata a filo doppio agli Asburgo, che furono i primi estimatori famosi di questa vera e propria perla della montagna.

Se a intuire le potenzialità del luogo fu nel 1868 un certo Gianbattista Righi di Strembo, che allestì il primo albergo in un ex-monastero, fu soprattutto Franz Josef Oesterreicher, già proprietario del Grand Hotel Trento, a fare la fortuna di Madonna di Campiglio a partire dal 1882.

Si diceva che fosse figlio illegittimo dell’imperatore d’Austria e Ungheria, Francesco Giuseppe, di cui portava lo stesso nome. Sia come sia, trasformò Madonna di Campiglio nel ricercatissimo luogo di soggiorno per la nobiltà e la ricca borghesia austriaca e mitteleuropea.

«Sulle cime più alte e solitarie io riesco a respirare più liberamente, mentre altri si sentirebbero perduti». Così Elisabetta d’Austria, conosciuta e amata in tutto il mondo con il nome di “Sissi”, descrisse il suo profondo legame con queste montagne, tra le più amate, dove l’Augusta Sovrana soggiornò la prima volta nel settembre 1889.

La moglie dell’imperatore d’Austria trascorse una settimana intera alla scoperta dei meravigliosi paesaggi, delle fresche acque e dell’aria salubre ai piedi delle Dolomiti di Brenta. Una montagna che rimase impressa nell’animo di colei che fu chiamata “l’eroina del sogno”. Tanto che dopo poche stagioni, nel 1894, ci fu ritorno in grande stile.

Un ricordo ancora celebrato nel Grand Hotel Des Alpes, l’ex antico stabilimento alpino, che conserva il prestigioso Salone Hofer, salone delle feste della famiglia Asburgo.

Nessuna meraviglia quindi se da anni proprio Madonna di Campiglio celebra un Carnevale scenografico, tutto dedicato agli Asburgo, dove la storia diventa un’esperienza da vivere e condividere.

madonna-di-campiglio-carnevale-asburgico-alla-corte-di-sissi

Carnevale Asburgico_Madonna di Campiglio ph. P. Bisti

Madonna di Campiglio e i momenti del Carnevale

L’appuntamento quest’anno è dall’11 al 16 febbraio: una grande rievocazione storica collettiva, un rito irrinunciabile per gli abitanti e i turisti.

Nel centro cittadino, presso i rifugi e perfino sulle piste da sci prende vita una storia che è entrata nell’immaginario popolare, quella di una principessa che più di un secolo fa ha saputo conquistare le folle e le cronache mondane.

La località sciistica trentina si trasforma infatti in un set: un quadro vivente e colorato di personaggi che riportano indietro le lancette del tempo.

Si potrà ammirare il passaggio di carrozze, dame e ussari a cavallo, sciando con dame di compagnia e ufficiali in alta uniforme, gustando i dolci della pasticceria viennese.

Carnevale Asburgico_Madonna di Campiglio _ph. P. Bisti

Il culmine sarà il ballo in maschera con la Corte Asburgica al gran completo nel Salone Hofer, ricordo dei soggiorni della Principessa Sissi a Madonna di Campiglio, accolta dalla popolazione in festa.

Sono tre i momenti principali della manifestazione in una settimana fitta di appuntamenti: innanzitutto il corteo inaugurale, l’11 febbraio, con i figuranti in scena e uno sfarzoso corteo di carrozze accolto da due ali di folla.

I calessi tirati da pariglie di cavalli aprono la strada alla carrozza imperiale, che trasporta la coppia più attesa: Francesco Giuseppe e la Principessa Sissi, di ritorno a Madonna di Campiglio.

Questa celebrazione è infatti la rievocazione di un fatto storico: nel 1889 Elisabetta di Baviera soggiornò a Madonna di Campiglio, e rimase molto colpita sia dall’accoglienza ricevuta che dai paesaggi da sogno, incorniciati dalle Dolomiti.

Convinse il marito a tornare nel 1894: l’arrivo della coppia imperiale fu salutato dalla popolazione festante con 33 colpi a salve sparati dalle batterie di cannone. Lo stesso entusiasmo circonda il Carnevale Asburgico, che a distanza di 130 anni esatti trasforma in palcoscenico tutta Madonna di Campiglio.

Un altro momento clou della festa è la “Sciata Asburgica”, su prenotazione, un’esperienza unica nel suo genere. Si possono noleggiare costumi d’epoca per scendere con gli sci insieme alla coppia imperiale, alle dame di compagnia, ai membri della corte e ai maestri di sci.

madonna-di-campiglio-carnevale-asburgico-alla-corte-di-sissi

Carnevale Asburgico_Madonna di Campiglio ph. P. Bisti

Tra ampie gonne, colbacchi e giacche con alamari, le piste si animano di colori e magia. Nei giorni successivi non mancano sfilate colorate, rappresentazioni teatrali e momenti dedicati ai bambini, oltre ad approfondimenti storici.

Ma il momento forse più atteso è il gran finale del Carnevale con il fastoso Gran Ballo dell’Imperatore nello storico Salone Hofer dell’Hotel Des Alpes, lo stesso albergo in cui alloggiarono i reali asburgici.

Tra soffitti decorati, in una scenografia degna del celebre film con Romy Schneider, l’orchestra dal vivo suona polke e valzer e le danze ci trasportano nell’800. I corsetti, le divise, i costumi ricreati alla perfezione, seguendo le mode dell’epoca, rendono l’illusione perfetta.

Un viaggio nel tempo accompagnato dal Bistrot Asburgico, calici di vino e dolci classici della pasticceria viennese.

Non mancherà infine una grande novità dell’attesa nuova edizione 2024: il musical “La Principessa Sissi” che sarà presentato mercoledì 14 febbraio. Un nuovo allestimento in esclusiva nazionale con la Compagnia Corrado Abbati.

Info e programma: www.campigliodolomiti.it/it/eventi-top

marina moioli