Pelle secca: come proteggerla dagli attacchi del “generale Inverno”

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Pelle secca: come proteggerla dagli attacchi del “generale inverno”

La pelle secca. Non solo quella del viso, delle mani e dei piedi, ma di tutto il corpo – in inverno diventa più secca e screpolata. Le temperature più rigide e il vento tagliente, combinati con il caldo secco degli ambienti riscaldati, possono ridurre l’umidità presente nello strato più esterno dell’epidermide, lasciandola molto meno radiosa del normale, specie laddove è più esposta agli elementi.

Vi sono alcuni accorgimenti che è possibile adottare per mantenere la pelle sana e luminosa anche quando le temperature scendono e l’inverno non ci lascia scampo.

Ecco alcuni consigli per evitare la pelle secca durante l’inverno

Idratare subito dopo il lavaggio : ogni volta che ci laviamo il viso, il corpo o le mani, spogliamo l’epidermide del suo strato di olio naturale. Poiché è questo strato che aiuta a trattenere l’umidità, è importante usare una crema idratante subito dopo. Tenere un flacone di crema idratante vicino al lavabo in bagno e un formato da viaggi in borsa può essere un utile promemoria.

pexels-shvets-production

2. Applicare quotidianamente la protezione solare: anche in inverno i raggi UV sono in grado di stressare la barriera protettiva dell’epidermide. Per tale ragione, è importante aggiungere una crema solare alla beauty routine del mattino oppure scegliere prodotti contenenti un filtro solare adeguato.

3Usare trattamenti notturni: ecco un ottimo modo per rivitalizzare l’epidermide in profondità, prevenendo i danni peggiori. Le creme notte, particolarmente emollienti, sono pesanti e hanno bisogno di più tempo per essere assorbite completamente. Se applicate un olio su mani e piedi, potete indossare guanti e calzini di cotone per evitare di combinare disastri con lenzuola e coperte.

4. Adattare la beauty routine: se la pelle del viso appare particolarmente sensibile o irritata, è consigliabile semplificare, riducendo i prodotti utilizzati. La barriera protettiva, infatti, deve essere sana per consentire all’epidermide di rispondere bene a sieri, tonici e altri trattamenti e, in caso di irritazioni, aumenta il rischio che alcuni ingredienti – che normalmente andrebbero bene – si trasformino in agenti “peggiorativi”.

pelle-secca-come-proteggerla-dagli-attacchi-del-generale-inverno

pexels-shobhit-bajpai

5. Usare un umidificatore: trattandosi di strumenti che re-integrano l’umidità nell’aria, gli umidificatori possono diventare i nostri migliori alleati per aiutare la pelle a restare elastica e soffice, specie quando il riscaldamento degli ambienti in cui viviamo sale.

6. Abbassare le temperature: fare una doccia tiepida (e non bollente) potrebbe essere più utile per mantenere la pelle morbida e nutrita. L’acqua calda infatti può rimuovere gli olii naturali più velocemente e, a volte, rischia di causare danni. Oltre a ciò, è bene fare attenzione quando ci si asciuga dopo il bagno o la doccia: invece di strofinare energicamente, è preferibile tamponare la pelle con un asciugamano morbido, aiutando così l’umidità a penetrare più facilmente attraverso lo strato più esterno del derma.

7. Usare con parsimonia esfolianti e scrub: l’esfoliazione, se aiuta a rimuovere le cellule morte, quando viene effettuata troppo spesso rischia di indebolire la pelle. Meglio optare per un delicato esfoliante chimico anziché uno scrub con granuli di grosse dimensioni, che risulterebbe decisamente più aggressivo.

8. A casi estremi…: se gli emollienti non sembrano fare il loro dovere, è possibile “forzare la mano” aggiungendo degli oli o burri naturali per rinforzare la barriera e intrappolare l’umidità all’interno dell’epidermide. I migliori sono il burro di karité, il burro di cacao, l’olio di jojoba e l’olio di rosa mosqueta. Il modo migliore per utilizzarli è applicarli una o due volte al giorno, dopo l’idratante.

pelle-secca-come-proteggerla-dagli-attacchi-del-generale-inverno

pexels-kallie-calitz-

9. Idratare dall’interno: non assumere abbastanza liquidi (e parliamo di acqua, non di caffè o tè) può influire parecchio sull’aspetto della nostra pelle ed esporla notevolmente alla disidratazione. Oltre a ciò, può essere utile consumare cibi ricchi di antiossidanti e acidi grassi omega-3: entrambi questi nutrienti, infatti, possono proteggere le cellule dai danni ambientali e aiutare l’organismo a produrre nuove cellule sane.

 10. Scegliere l’abbigliamento giusto: una buona regola quando si hanno problemi di pelle è evitare di indossare materiali aggressivi. Preferite abbigliamento comodo, ampio, in tessuti naturali.

I consigli della redazione

Crema K di Dora Bruschi- una formulazione originale e altamente performante, rimedio perfetto per la pelle secca in inverno

Spalmarsi una crema prima di andare a dormire, e svegliarsi al mattino con una pelle luminosa e rigenerata, da non riconoscersi quasi allo specchio: parola di chi l’ha provata. La Crema K Dorabruschi è quasi una magia.

Una formula esclusiva ideata oltre settant’anni fa, e rimasta praticamente inalterata nel “cuore attivo”, seppur sia stata arricchita di qualche piccolo ritocco, ricchissima di ingredienti nutrienti, acqua e lipidi, un vero e proprio booster di nutrimento capace di ripristinare la barriera cutanea.

Cera d’Api, Olio di Jojoba e Olio di Mandorle Dolci: un tris d’ingredienti naturali in alta concentrazione per un’azione elasticizzante e nutriente.

È una crema dalla texture estremamente ricca, ideale per la pelle molto secca e arida. Questa formula originale tramandata dalla tradizione Dorabruschi, conserva inalterate tutte le caratteristiche e le proprietà ristrutturanti e lipidizzanti ricercate dalla sua creatrice.

Gli ingredienti fortemente nutrienti e dermoaffini rendono la pelle morbida e perfettamente distesa: una vera coccola che avvolge completamente in un “allure retrò” che ricorda una cosmesi d’altri tempi e allo stesso tempo attualissima.

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.