Per Andrea Casali la cucina è un inno al Tricolore

Di / 7 Ottobre 2020 Gusto, Home Nessun commento
per-andrea-casali-la-cucina-e-un-inno-al-tricolore

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Dal menù dai profumi autunnali all’aperitivo “KK” per Andrea Casali la cucina è un inno al Tricolore, all’insegna del made in Italy

Prodotti di stagione, un orto da curare ogni giorno, tanta fantasia e una passione irrefrenabile: una carriera sfavillante tra i fornelli.

I nuovi diktat della moda in tavola parlano di cucina fast gourmet e, in un certo qual modo, Andrea Casali, segue questa tendenza, ma non osserva rigorosamente i canoni in quanto per lui, al centro della proposta eno gastronomica ci sono le esigenze del cliente.

per-andrea-casali-la-cucina-e-un-inno-al-tricolore

Rispettoso dei suoi commensali, li osserva e guarda con attenzione le singole scelte per trasformarle in suggerimenti e in nuovi piatti.

Andrea Casali è così un fantasista della cucina.

Ventisette anni, di origine comasca da parte di padre e siciliana per quella di madre, dopo sette anni al fianco dello chef Franco Caffara, del ristorante ai Tigli, unica stella Michelin della città di Como, ha cambiato direzione e si è portato con sé consigli e segreti del mestiere intraprendendo un nuovo percorso.

Da sempre per lui la regola di base per la buona riuscita del proprio lavoro si traduce nel rispetto per la materia prima.

Lui infatti ha un approccio fast con la cucina, ma non ha mai perso quello stile ricercato e di livello, al contempo dinamico che, da subito, appena terminata la scuola, lo ha caratterizzato.

Insomma il giovane chef del Kitchen di Como è decisamente un asso della ristorazione moderna, ma si definisce un artigiano perché i suoi menù rispettano le esigenze del cliente, sono tagliati su misura e non sono solo improntati sulle tendenze del momento.

Andrea Casali e le novità in cucina

Tra le novità di quest’anno l’orto “Le luci del Kitchen” perché su questo piccolo appezzamento di terra di design, Andrea sceglie cosa cucinare per i propri ospiti e, anzi, cerca di far vivere il giusto connubio tra buon cibo e un’esperienza nel verde, a due passi dal centro città.

Immerso nel verde di un parco privato,

il ristorante Kitchen

è un dolce rifugio per i piaceri del palato

per-andrea-casali-la-cucina-e-un-inno-al-tricolore

Si tratta di un progetto che abbiamo voluto avviare per ripartire con dei piatti creativi, utilizzando verdure ed erbe a chilometro zero. – spiega Andrea Casali – Così il momento di difficoltà è diventato fonte di creatività pensando non solo alla clientela locale, ma anche a chi viene da fuori, dedicando come sempre la massima attenzione alle esigenze dei nostri ospiti”.

I piatti creativi di Andrea Casali 

Tra i piatti signature del menu per l’autunno inverno sono il Petto di piccione al rosa, topinambur con le sue cosce in sfoglia al burro, Rognoncino di vitello purea di cavolo cappuccio, sesamo e aceto di lamponi, oltre ai Moscardini di “Santo Spirito” in umido, vellutata di carciofo, yuzu, nero di seppia.

A dar enfasi alla nuova carta il dessert “Le luci del Kitchen”, creato dal pastry chef Pietro Cherici, in cui la dolcezza del latte di mandorla si sposa con la fresca nota del limone, dando vita ad un vivace accostamento cromatico.

L’altro volto dell’orto, inteso come spazio di relax è caratterizzato dall’aperitivo KK, un luogo d’incontro dove poter gustare vini italiani e gustose tapas e poi il flan di verdure di stagione, gel di soia e zenzero, chips di polenta, burro della Normandia e acciughe.

Tra le novità di cucina, un posto privilegiato lo detiene il menu “L’Italia secondo noi”.

“Ho creato il menu insieme alla brigata, – conclude Andrea Casali – pensando all’Italia che riparte. Un vero e proprio viaggio in Italia, basato sulla materia prima italiana ed una cucina più diretta alle persone e ai sapori del mediterraneo con piatti all’insegna non solo dell’italianità, ma dell’ottimismo”.

Tra i nuovi piatti dal sapore mediterraneo Bianco di baccalà in tempura croccante, porro, patata, limone dolce, il coniglio di Carmagnola, carota, olive nere e prezzemolo. “Gamberi rossi alla pizzaiola, salsa di alici e origano” ed ancora “Triglia alla livornese, cavolo nero e limone” piatto di pesce, semplice e gustoso.

Tra i primi piatti il trionfo il riso Acquerello, peperone arrosto, lime, robiola di Roccaverano o lo spaghettone “Monograno Felicetti” allo zafferano, capesante in crudo, burro acido e alloro.

Info: www.kitchencomo.com – Tel. (+39)031516460

Arianna augustoni

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.