Delta del Po: scopriamolo pedalando su due ruote

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Scopriamo il Delta del Po su due ruote

Quanta strada nei miei sandali, quanta ne avrà fatta Bartali ? Non sandali però, ma nemmeno scarpette da ciclista: non sono necessarie. I percorsi ciclabili del Delta del Po sono davvero ideali per tutti !

Il panorama da Mesola a Cervia si sviluppa in modo completamente pianeggiante, in un contesto ambientale unico al mondo.

E’ un territorio che si presenta come un’immensa pista ciclabile in cui la bicicletta è, ovviamente, lo strumento perfetto per comprenderne e viverne fino in fondo le caratteristiche.

Delta del Po: ecologica, sostenibile e sana, la vacanza sui pedali sarà uno dei trend della stagione estiva.

Il paesaggio è quello tipico del Delta, ricco di suggestioni differenti, in cui la terra e l’acqua aprono sempre nuove strade da percorrere.

Centinaia di chilometri si affacciano su una terra segnata da una rete di percorsi cicloturistici che si snodano tra la città e le campagne, tra oasi protette e borghi di pianura.

I percorsi sono perfetti per un weekend, ma anche per escursioni e gite giornaliere.

E volendo …. si è poco lontani dai centri storici come Ferrara, Ravenna, Mantova, Venezia, Comacchio, o dalle ville e dalle Delizie Estensi.

Delta del Po: gli itinerari

delta-del-po-scopriamolo-pedalando-su-due-ruote

Itinerari brevi e sicuri per pedalare comodamente con le famiglie, o percorsi ad anello ideali per esplorare i dintorni.

Oppure lunghi tratti da spalmare su più giorni per scoprire il territorio in tutte le sue sfaccettature. Sono decine gli itinerari proposti, rivolti a qualsiasi tipo di target, alla scoperta di percorsi nell’arte e nella natura che vi riempiranno di soddisfazione.

Potrete, ad esempio, cimentarvi in un originale “Bike & Spritz” nel territorio mesolano, un percorso ad anello che vi permetterà di conoscere la storia e la natura di alcuni luoghi simbolo.

Come la cinquecentesca Torre Abate, il Castello Estense con la sua bella corte, i possenti argini del Po di Goro ed il Bosco della Fasanara, testimonianza delle antiche selve, e che si conclude con aperitivo a base di prodotti tipici.

Oppure a Comacchio, tra le varie possibilità, è imperdibile il tour in Salina, alla scoperta di uno scrigno di storia, tradizione e biodiversità, con alle spalle il scenografico volo di fenicotteri rosa, avocette e decine di altre specie di avifauna.

Spostandosi, invece, nel ravennate da segnare in agenda l’escursione guidata all’interno della “divina foresta spessa e viva”, fonte di ispirazione per il Sommo Poeta nella scrittura della Commedia.

O ancora potrete spingervi fino alle montagne di sale di Cervia, percorrendo anche un tratto di una nuova pista ciclabile che vi consentirà di raggiungere la torretta di avvistamento ed ammirare un panorama speciale.

Non resta, allora, che decidere quale itinerario fa più al caso vostro e programmare l’escursione.

Gli itinerari in bicicletta ed il calendario delle escursioni in programma durante la “Primavera Slow” sono consultabili sul nuovo portale realizzato con la Regione Romagna https://deltadelpo.eu/it/5-cicloturismo.

Da soli, in famiglia o con gli amici non rimarrete delusi: constaterete che c’è un po’ di vento, i giornali svolazzano, abbaia la campagna e c’è una luna in fondo al blu.

Mario Conti