Domus Vinum: i colori del Sannio nel bicchiere

Di / 6 novembre 2018 Gusto Nessun commento
Domus Vinum.

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Questo è il racconto di antichi vigneti che ricamano il paesaggio che si estende  tra il pendio del monte Cicco e il corso del fiume Tammaro, nel cuore dell’antico Sannio, dove sorge sin dall’epoca romana Casalduni, incantevole borgo della provincia beneventana.

E’ qui, in questa terra incontaminata, che dal 1898 inizia la produzione di un vino eccellente che oggi è sul mercato con il nome di Domus Vinum.

Dell’eccellente “vino di beneventum”, col suo lieve aroma affumicato si hanno notizie dal IV secolo A.C., quando la città ancora non aveva tale nome, ed era già una tra le bevande più gradite al popolo sannita : definito da Orazio Carmina “rusticorum mascula militium”.

Ma questa è anche la storia di uomo, un imprenditore, Enzo Presutto, che ha deciso di portare l’esperienza e l’amore della sua famiglia per il vino oltre i confini delle sue terre.

Niente succede per caso. Tutto inizia con una  partenza per gli Stati Uniti, dove Enzo aveva deciso di trasferirsi per dare una nuova svolta alla sua vita. Così via, oltre oceano,  tra offerte di lavoro e collaborazioni varie, arriva una richiesta da un’azienda di Los Angeles. la Rock Drink. Una richiesta precisa: aggiungere ai propri prodotti un vino italiano, ma non un vino qualsiasi, una vera eccellenza Made in Italy. Così all’imprenditore sono tornati in mente i sapori e i colori della sua terra d’origine: il Sannio. Una terra popolare ma ricca di suggestioni. Così è nata Domus Vinum.   Un’azienda concepita dall’amore per la terra, dalla sinergia tra storia, lavoro e rispetto della natura, trovando il giusto equilibrio tra antica tradizione e innovazione.Domus Vinum.

Dopo aver avviato le esportazioni in terra americana, i tempi erano ormai maturi per riproporre la stessa qualità anche in patria. Nasce così la produzione dell’Aglianico, vino rosso di origine greca che i soldati romani pretendevano per le loro libagioni, la Falanghina, affiancata dalla grande novità delle bollicine con lo Spumante di Falanghina.

Capofila di vignaioli

La grande distribuzione all’estero ha reso Domus Vinum capofila per altri produttori locali. Anche il prodotto che si esporta dai confini nazionali deve avere le stesse qualità che sono alla base di questa Azienda. Così, invece di usare facili catene industriali, abbiamo preferito consorziarci con i nostri vicini di vigna. Come noi amanti della nostra tradizione locale. Gente che ama quello che fa con la nostra stessa passione” afferma Enzo Presutto.

Quando i Nomadi hanno celebrato, in Riviera Romagnola, i 55 anni di storia, per il brindisi c’era un vino speciale, quello prodotto dall’azienda Domus Vinum.

Nella foto di copertina Beppe Carletti dei Nomadi ed Enzo Presutto

 

Giovanni Forte

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.