Grand Hotel Gardone: icona di charme

Grand Hotel Gardone

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Grand Hotel Gardone: una storia di charme. 1884: Vittorio Emanuele II di Savoia è il re d’Italia, nascono due grandi protagonisti del panorama artistico come Ettore Petrolini e Amedeo Modigliani, viene fondata la Piaggio e apre i battenti la grande Esposizione Generale di Torino, antesignana della recente Expo. Nello stesso anno, l’ingegner Luigi Wimmer inaugura il Grand Hotel di Gardone Riviera, prima struttura ricettiva costruita sulle sponde del Lago di Garda. Comincia così la moda mitteleuropea del turismo lacustre, con benefici e piacevoli soggiorni di salute invernali.

Non è difficile immaginare la clientela raffinata e salottiera del tempo, intenta a passeggiare lungo i luminosi corridoi lanciando sguardi alle stupende vedute: il lago morbidamente increspato, le coste traboccanti di vegetazione, i gabbiani in volo e il cielo terso incorniciato dalle grandi vetrate. Un’atmosfera magica che si può ancora intuire nelle prospettive dell’Hotel tra lampade di Murano, ferri battuti e originali elementi d’arredo.Grand Hotel Gardone

Sulla fine del XIX secolo, la grande affluenza porta a vari ampliamenti della struttura; nel 1891 il Grand Hotel è il primo albergo della Riviera dotato di elettricità e nel 1900 inizia la sua epoca d’oro (proprio come d’oro è il mosaico che orna il suo nome in cima alla torre). L’albergo cambia più volte proprietà, denominazione e aspetto e accoglie grandi personaggi: sovrani, intellettuali, scienziati. L’élite internazionale occupa le sue stanze ariose, già dotate di ogni confort e ricche di charme. Tra i visitatori illustri c’è Gabriele D’Annunzio, che qui alloggia durante i lavori a villa Cargnacco.

Ciò che segue è la storia del periodo bellico in cui l’Hotel si trasforma in ospedale e riporta ingenti danni strutturali. Passati i venti di guerra viene sottoposto a lavori di restauro e riconsegna la consueta ospitalità ai suoi clienti. Nel 1949 è Sir Winston Churchill ad attrarre l’attenzione di cronisti e villeggianti, soggiornando al Grand Hotel. Proprio a lui è dedicata la zona destinata ai cocktails, oggi detto Winnie’s Bar. Qui, tuttora, si serve il suo champagne preferito Pol Roger, oltre ad altre delizie (tra cui il Dannunziano, con ricetta esclusiva ispirata al Vate).Grand Hotel Gardone

Nel 1957 l’albergo viene acquisito dalla famiglia Mizzaro – tutt’oggi rappresentata dai fratelli Orietta e Federico – che ne preserva le caratteristiche valorizzando architettura, qualità del servizio e ambientazione ed esaltando l’eccellenza dell’habitat nel quale è perfettamente inserito.Grand Hotel Gardone Giardino_Dei_Limoni

Attività culturali (nelle immediate vicinanze ci sono il Vittoriale degli Italiani e il MUSA, Museo di Salò) e imperdibili prelibatezze eno-gastronomiche sono al centro della proposta esclusiva dell’Hotel, che vive in costante evoluzione e rinnovamento (tra le novità il nuovo sito e il ‘GHG Blog’ che fornisce informazioni per soggiorni piacevoli e interessanti).

Pur in questo spirito moderno e lungimirante, al Grand Hotel si respira ancora l’atmosfera scintillante della Belle Epoque. Dopo una giornata di relax in piscina e una colazione vista lago si può ricevere un sapiente massaggio o un trattamento estetico a base di cosmetici innovativi e tecniche per viso e corpo dai risultati sorprendenti.Grand Hotel Gardone Junior Suite D'Annunzio

La cena à la carte si degusta al ristorante ‘Giardino dei Limoni’, dove il menù omaggia il territorio con ingredienti a chilometro-zero e una carta dei vini attenta alle etichette della riviera bresciana del Garda. A seguire, si sorseggia un drink al Winnie’s Bar, tra le note del pianobar e i racconti del Barman Massimo Mannella.Grand Hotel Gardone cocktail dannunzianoWinnie's Piano Bar

Il Grand Hotel Gardone è aperto da aprile a ottobre, ha 167 tra camere e junior suite, con terrazze panoramiche sul lago. Garantisce un perfetto soggiorno di piacere o lavoro. Ristoranti, centro congressi, salone delle feste, piscina esterna riscaldata con sdraio e lettini, spiaggia privata, terrazza solarium a sbalzo sul lago con possibilità di attracco delle imbarcazioni e zona benessere sono valori che non fanno certo passare inosservati i sorrisi garbati alla reception, il talento e la competenza nella ristorazione, la gentilezza del personale di servizio, l’affascinante intrattenimento al bar e la costante e attenta presenza dei proprietari, ottimi padroni di casa che fanno di questo luogo storico e prezioso un rifugio accogliente, informale e unico per soggiorni indimenticabili.

www.grandhotelgardone.it

Testo di Maria Marinoni – www.scrittoitaliano.it 

Maria Marinoni

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.