Hotel Ville sull’Arno, un soggiorno di charme a Firenze

Firenze-Hotel Ville sull'Arno

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Firenze, culla del Rinascimento italiano, è una delle città d’arte più visitate nel nostro Paese. Tra le ragioni per trascorrere un week end nel capoluogo toscano, c’è anche quella di non perdersi una delle tante mostre esposte all’interno di prestigiosi musei.

Aperta il 21 settembre (con chiusura il 20 gennaio 2019), la mostra Marina Abramović. The Cleaner, è una grande retrospettiva, interamente dedicata all’artista di Belgrado, la prima in Italia, che si tiene a Firenze a Palazzo Strozzi. Firenze-Palazzo Strozzi

Rhytm 4-Giovanna Dal Magro

La mostra si presta a tre livelli di lettura. Il primo è quello delle opere più tradizionali, come i video, i dipinti, le fotografie, le installazioni. Il secondo sono le opere interattive e il terzo sono le performance, proposte da attori appositamente selezionati. Tra le sue performance due, in particolare, Rhytm 4 e Imponderabilia, sono state esclusivamente realizzate negli anni 70 da Giovanna Dal Magro e adesso trasformate da Marina in opere uniche.

Per soggiornare a Firenze non c’è che l’imbarazzo della scelta ma.…..Firenze-Hotel Ville sull'Arno

Per chiunque desideri visitare il capoluogo toscano e vivere un’esperienza straordinaria, l’Hotel Ville sull’Arno è una delle soluzioni di maggior fascino ed impatto scenico: ospitato in una storica villa in riva al fiume, l’hotel 5 stelle accoglie con tutti i comfort e con la raffinata eleganza che si attendono da un city resort di lusso.

Le dolcissime rive dell’Arno ospitarono fin dal Quattrocento le nobili famiglie fiorentine per i periodi estivi e, fra queste, anche la famiglia Alighieri. Un luogo particolare sulla riva destra del fiume, conosciuta come La Bella Riva, fu chiamato Villa della Casaccia ed in seguito assiduamente frequentato dai pittori Macchiaioli per la speciale luce, che si rifletteva nelle acque , conferendo ai paesaggi una lucente morbidezza. Firenze-Hotel Ville sull'Arno

Già nel 1500 Leonardo da Vinci aveva riportato nei suoi manoscritti tracce della Casaccia, durante le ricerche dedicate al corso dell’Arno, allo scopo di progettare possibili deviazioni e regimentazioni del fiume. Nell’Ottocento la proprietà passò alla famiglia Tommasi: questa vi creò un ”salotto “aperto ad artisti, letterati e amici, divenuto sempre più importante come cenacolo culturale, a cui parteciparono attivamente Giosuè Carducci e, fra i maggiori esponenti dei Macchiaioli, Telemaco Signorini e Giovanni Fattori.

Terminato questo illuminato periodo, la Casaccia, passata di proprietà, è stata trasformata in un prestigioso complesso alberghiero, l’ Hotel Ville sull’Arno, nel 2006 acquisito da Planetaria Hotels. L’atmosfera del luogo non è cambiata nel corso dei secoli, la luce è sempre morbida e avvolgente, le serafiche acque dell’Arno scorrono sotto le finestre e rilassano lo spirito dal primo momento in cui ci si affaccia dalle stanze eleganti, con arredi e tessuti di pregio.Firenze-Hotel Ville sull'Arno

I confort dell’Hotel vanno dalla piscina all’aperto alla Spa , dotata di un’altra scenografica piscina, calidarium, doccia emozionale, cromoterapia, cabine Terracqua e Rasul, Vasca idromassaggio e Cascata di ghiaccio. Specialissima è la prima colazione, con prodotti bio, dolcezze di ogni genere e persino champagne. Dall’autunno, per una domenica al mese, questa si arricchirà , trasformandosi in Brunch.

Firenze centro e le meraviglie della sua arte, raggiungibili con una breve e piacevole passeggiata, faranno il resto.

Per informazioni sulla mostra Marina Abramović. The Cleaner –  www.palazzostrozzi.org.

Testo e foto Giovanna Dal Magro

Giovanna Dal Magro

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.