Innamorarsi: il fascino dell’uomo maturo

Innamorarsi: il fascino dell’uomo maturo

Innamorarsi è un momento di passione, a qualsiasi ètà, ma è soprattutto ‘drammatico’ per i giovanissimi quando l’esperienza sentimentale è stata solo virtuale (molto virtuale nell’ultimo decennio).

L’adolescenza è un’età colorata a forti tinte, dove i cambiamenti fisici e ormonali guidano i comportamenti, spesso registrati come eccessivi.

innamorarsi La seduzione si mescola all’esplorazione, il desiderio alla dimostrazione che si riesce a trasgredire le regole. Le ‘bad girls’ di oggi sembrano ancora più ribelli di un tempo per la maggiore conflittualità con genitori ‘sempre giovani’ che fanno anche loro fatica a crescere.

kubrick-11E la ribellione è anche conquistare un partner grande: significa vincere una gara con le donne adulte. Del resto il fascino dell’uomo maturo (lo stesso vale per i ragazzi verso le signore.

In ‘Elogio delle donne mature’  Stephen Vizinczey racconta la sua educazione sentimentale: “con il tempo cominciai ad aspettare con sempre maggiore impazienza i pomeriggi in cui sarebbero arrivate le amiche di mia madre“) ha sempre colpito le ragazze facendole scoppiare di desiderio per le figure del professore o per gli amici del padre.Elogio delle donne mature

Molto frequentemente, pero’, la passione si esaurisce altrettanto velocemente di come è arrivata.

La società della gratificazione istantanea (Schulze) obbliga a ricercare un piacere immediato, che non include un progetto di vita, che è connotato da sentimenti volatili, e dimostra anche che l’appagamento si sperimenta di continuo ma non si raggiunge mai.

La cultura dell’hook up – acchiappo – (Anzil) sancisce tra i ragazzi nati dopo il 1980 la separazione tra sesso e amore. Sesso senza implicazioni e complicazioni che si esemplifica anche nell’elevata frequentazione della pornografia on line da parte degli adolescenti.

innamorarsi

Da vedere il film Un momento di follia  di Jean-Francois Richet. 

Lolitama quasi maggiorenne‘ rivive di nuovo nel film Un momento di follia  di Jean-Francois Richet . Antoine (Francois Cluzet) e Laurent (il fascinoso Vincent Cassel) sono amici di vecchia data e decidono di passare le vacanze estive in Corsica con le giovanissime figlie. Quella di Antoine si prende una solenne cotta per Laurent, il quale cede alle esplicite e continue seduzioni di Louna. Il pentimento arriva subito dopo, l’uomo interrompe la liaison con la ninfetta ma il senso di colpa descritto è comunque superato dall’individualismo, dal narcisismo, dall’edonismo di ogni personaggio: le ragazze e i padri. Tutti ossessionati dalla giovinezza. Ma, in fondo, la ricerca del piacere e il fatto di essere prede di innamoramenti folli è eternamente inevitabile.

Chiara Bettelli Lelio

Assistente psicologa, direttore di psicodramma moreniano e counselor in sessuologia clinica di FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica), è giornalista professionista nell’area del benessere psico-fisico. E’ esperta in consulenze su difficoltà individuali e di coppia riferite a disturbi psico-sessuali o a problemi relazionali.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.