Nuova Zelanda: magica terra di mezzo

Nuova Zelanda

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

 

Il Paese dell’avventura tra Avatar e Il Signore degli Anelli

Spazi incontaminati, verde a perdita d’occhio e natura al 100%: questa è la Nuova Zelanda, la terra che ha fatto innamorare milioni di persone. Una regione selvaggia caratterizzata da spiagge straordinarie e ghiacciai imponenti. E’ anche una terra di frontiera e di avventura che ha attirato migliaia d’immigrati da tutto il pianeta, rendendola un interessante mix di culture. Inoltre, il fascino della Nuova Zelanda ha colpito anche Hollywood: qui sono stati girati Avatar e Il Signore degli Anelli. Quindi, prepariamoci ad addentrarci in questo spettacolare viaggio nella magica ‘Terra di mezzo’. Prima tappa è Auckland the City of Sails – dove è possibile visitare l’edificio più alto di tutto l’emisfero meridionale, lo Sky Tower . In soli 40 secondi si può salire sulla piattaforma panoramica e godere della vista della città. Poi, vale la pena fare una passeggiata al Waterfront, una zona ricca di ristoranti e locali. Nuova Zelanda

Dai grattacieli alla campagna

Così, si procede per Matamata – pittoresca cittadina rurale, che è sempre piena di turisti grazie al fatto che qui si sono svolte le riprese de Il Signore degli Anelli, girato in una piccola tenuta privata, trasformata nel villaggio di Hobbington. Il tour – della durata di 2 ore e mezzo, in lingua inglese – prevede la visita dei 37  ‘pertugi’ degli hobbit, del ponte del doppio arco e di altri luoghi celebri del film.Nuova Zelanda

Tappa successiva sarà Rotorua – città sulfurea e principale centro termale e vulcanico della Nuova Zelanda: si potrà ammirare il Waimangou Cauldron – il più vasto lago al mondo di acque bollenti – e l’Inferno Crater Lake – il cui livello aumenta e diminuisce di 10 metri. Poi si va al Tamaki Maori Village per una cena tipica con prodotti cucinati sottoterra con il tradizionale metodo Maori, l’Hangi. Attraversiamo un paesaggio di verdi pianure e di splendidi laghi e foreste e giungiamo a Waitomo. Qui si trova una rete di grotte sotterranee, lunga ben 45 km e poi rimarremo estasiati alla vista del Glow Worm Caves – caverne abitate da insetti luminosi simili a lucciole – che con la loro bio-luminescenza intermittente, creano uno spettacolo speciale simile a un cielo stellato.Nuova Zelanda

Nella località costiera di Kawhia, sarà invece possibile scavare la propria piscina termale, per la fuoriuscita di acqua calda dalla sabbia. Prendiamo allora un aereo per arrivare a Christchurch con il suo Lake Tekapo, famoso per le sue acque turchesi. Non possiamo tralasciare una visita al Mount Cook Village, che sorge ai piedi dell’omonima montagna, la cima più alta della Nuova Zelanda.Nuova Zelanda

Quindi procediamo per il Mount Cook National Park ad ammirare il ghiacciaio Tasman, il Terminal Lake e diverse specie di fiori. Per concludere il tutto in bellezza, concediamoci un volo panoramico in elicottero e atterriamo su cime innevate.

Voglia di avventura o sport estremi?

A Queenstown potrete provare il brivido del bumpee jumping, mentre a Milford Sound è d’obbligo una crociera su un famoso fiordo fino al Mar di Tasmania, alla scoperta di cascate e pareti rocciose, dalla vetta del Mitre Peak, alla cascata di Bowen e branchi di foche e delfini.Nuova Zelanda

Eccoci giunti alla fine di questo tour in un luogo magico e leggendario, che vi regalerà grandi emozioni. 

Per chi ama partire organizzato – c’è un viaggio di  13 giorni, 9 notti   proposto da Eden Made,  la linea di prodotto Eden Viaggi dedicata ai viaggiatori che ricercano esperienze di viaggio costruite su misura delle proprie esigenze e servizi di alta qualità. www.edenviaggi.it

 

 

Maria Grazia Lucchese

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.