Bad Ischl in Alta Austria: Capitale Europea della Cultura nel 2024

bad-ischl-in-alta-austria-capitale-europea-della-cultura-nel-2024

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Bad Ischl in Alta Austria: Capitale Europea della Cultura nel 2024

Bad Ischl nella regione alpina dell’Alta Austria sarà Capitale Europea della Cultura nel 2024, insieme a 22 comuni rurali del Salzkammergut, il territorio delle miniere di sale.

Questa scelta vuole proprio valorizzare quei luoghi turisticamente forse meno frequentati ma altrettanto meritevoli di essere conosciuti per la bellezza e la varietà dei paesaggi, e il patrimonio culturale. Il motto è infatti “La cultura è il nuovo sale”.

La città termale di Bad Ischl in passato fu scelta dai regnanti e dai nobili per la villeggiatura estiva.

Lo testimoniano le antiche ville, tra cui la Kaiservilla, regalo di nozze per il matrimonio tra l’imperatore Francesco Giuseppe I ed Elisabetta di Baviera (Sissi) (1854), successivamente ampliata e modernizzata, e la Lehárvilla, residenza del compositore Franz Lehár.

Kaiservilla_Bad_Ischl

Conosciamo l’Austria come “il paese della musica“, basti pensare infatti a Mozart, Haydin, Schubert, Malher e molti altri: proprio nel 2024 in Alta Austria si celebrano gli anniversari di Anton Bruckner (Ansfelden,1824-1896), nativo di questa regione, e di Arnold Schoönberg (Vienna, 1874-1951).

bad-ischl-in-alta-austria-capitale-europea-della-cultura-nel-2024

BrucknercOesterreich-Werbung_Cross-Media-Redaktion

Concerti e mostre nel cuore culturale della città alla Trinkhalle, la sala pompe (1829-31).

Per alternare le visite culturali a piacevoli soste, ristoratrici e non solo, il consiglio è di recarvi al Kurpark, con alberi secolari, giochi per i bambini e un padiglione musicale, e poi sedervi nella storica pasticceria caffetteria Zauner (Pfarrgasse) con le sue 250 torte e, poco distante ma sempre Zauner, il Grand Café Restaurant Esplanade (1940) con il bellissimo giardino sul Traun.

A nord di Bad Ischl, sempre in Alta Austria, vi aspetta sul Danubio la bella Linz, che dal 2014 è UNESCO City of Media Arts, dove visitare l’Ars Electronica Center che da fuori brilla con i suoi 38.500 LED e che dentro riserva un autentico viaggio nel futuro, dai robot, all’intelligenza artificiale, alla biotecnologia, fino all’individuazione del DNA!

Ma Linz è anche storia e tradizione: dalla grandissima barocca piazza principale, l’Hauptplatz con la Colonna della Trinità, potrete girare per i vicoli del centro storico, vedere il Castello rinascimentale (Schloss) e il neogotico Duomo nuovo (Mariendom), dalla cui torre ammirare l’intero panorama urbano.

E molto altro vi aspetta poi in città, dallo shopping della Landstrasse alla Linzer Torte, considerata la più antica torta al mondo (1654).

Bad Ischl e, dopo Linz, si arriva a Salisburgo

Spostatevi infine in direzione sud-ovest verso il confine con la Germania, per arrivare nella barocca Salisburgo, la città di Mozart, della musica e dell’arte.

bad-ischl-in-alta-austria-capitale-europea-della-cultura-nel-2024

Per scoprirla camminate lungo il percorso museale del Dom Quartier, con gli edifici storici e le piazze, iniziando dall’ Alte Residenz, per proseguire con il Duomo, la Lange Galerie e ìl Museo dell’Abbazia di St. Peter.

In occasione del 10° anniversario del Dom Quartier sarà allestita la mostra “I colori della Serenissima“. Maestri veneziani dal Kunsthistorisches Museum di Vienna” (21 giugno ‘24 / 6 gennaio ‘25), che oltre ai quadri vedrà l’esposizione di vari oggetti artistici di diversi generi.

Non può certo mancare una visita alle case di Mozart e all’università musicale Mozarteum ma neppure alla Fortezza di Hohensalzburg e poi cambiate decisamente scenario con la scoperta degli angoli più belli e più nascosti della città attraverso l’arte contemporanea con il progetto “Walk of Modern Art”.

www.austria.info/it/austria-capitale-europea-della-cultura-2024/bad-ischl

credito immagine di copertina – Bad_Ischl_Traunufer_Winter(c)Leitner_Daniel

Raffaella Airaghi