Divine e avanguardie. Le donne nell’arte russa a Milano

Divine e avanguardie. Le donne nell’arte russa a Milano

Divine e avanguardie. Le donne nell’arte russa. A Palazzo Reale fino al 05.04.2021 una mostra che arricchisce la rassegna i Talenti delle donne.

La mostra Divine e avanguardie è dedicata alle donne, a tutte le donne che dal ruolo di muse ispiratrici e icone hanno saputo diventare protagoniste e creatrici di capolavori assoluti della storia dell’arte, mettendo le basi per la libera espressione delle generazioni successive.

Divine e avanguardie – I talenti delle donne

Le donne nell’arte russa arricchisce la rassegna I talenti delle donne, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dedicato all’universo delle donne, focalizzando l’attenzione, dal 2020 e fino ad aprile 2021, sulle loro opere, le loro priorità e le loro capacità.

A Palazzo Reale si può ammirare una trilogia di mostre che comprende anche Le signore dell’arte, Storie di donne tra ‘500 e ‘600 e l’esposizione fotografica Prima, donna. Margareth Bourke-White.

Milano celebra davvero in grande, nonostante la pandemia, l’8 marzo 2021, giornata internazionale dedicata alla lotte delle donne.

Tutto ciò nonostante il passaggio in Zona Arancione della regione Lombardia, imponga, fino a nuove disposizioni, una fruizione per ora solo virtuale di queste eccezionali raccolte di opere di artiste.

Le donne nell’arte russa

È un’affascinante carrellata nell’arte russa che mette in luce il fondamentale ruolo svolto dalle donne nella storia e nella società di questo Paese per l’emancipazione e per il riconoscimento dei diritti.

Il ricco corpus di opere delinea un itinerario che porta allo sviluppo di nuovi linguaggi artistici, tramite mezzi espressivi e tecniche differenti, per rappresentare l’evoluzione culturale e sociale, in cui le donne sono protagoniste.

Circa 90 opere, in larga parte mai esposte prima d’ora in Italia, costruiscono un racconto che si dipana attraverso 8 differenti sezioni e 2 grandi capitoli.

Divine e avanguardie: le 8 sezioni della mostra

IL CIELO – La Vergine e le sante; IL TRONO – Zarine di tutte le Russie; LA TERRA – L’orizzonte delle contadine; VERSO l’INDIPENDENZA – Donne e società; LA FAMIGLIA – Rituali e convenzioni; MADRI – La dimensione dell’amore; IL CORPO – Femminilità svelata; LE ARTISTE – Realismo e amazzoni dell’avanguardia.

Sante e madonne, imperatrici, contadine e operaie, intellettuali e madri

Nella prima parte della mostra ammiriamo sacre icone che raffigurano sante e la Vergine Maria; incontriamo imperatrici, come Caterina la Grande, che ha dato una profonda impronta alla storia della Russia, e ritratti di personalità eccelse, come la poetessa Anna Achmatova immortalata con i suoi penetranti occhi chiari da Kuzma Petrov-Vodkin.

Sono opere di grandi pittori come Il’ja Repin, Boris Kustodiev e Gilipp Maljavin, il suprematista Kazimir Malevich e i maestri degli anni Dieci e Venti del Novecento, Aleksandr Dejneka, per citarne solo alcuni.

“Le amazzoni dell’avanguardia russa”

La mostra culmina con le opere delle “amazzoni dell’avanguardia russa”, attive nei primi trent’anni del Novecento, protagoniste di un’atmosfera culturale, storica e sociale straordinaria, autrici di opere originali e innovative.

Tra loro Natalia Goncharova, Ljubov Popova, Aleksandra Ekster e artiste del realismo socialista come la scultrice Vera Mukhina, di cui è esposto il modello in bronzo del complesso scultoreo “L’operaio e la kolchoziana”. Realizzato per il padiglione URSS all’Expo di Parigi del 1937, si può vedere collocato nel contesto storico attraverso uno dei filmati d’epoca che ricostruiscono l’ambiente e l’atmosfera del tempo.

Divine e avanguardie: iniziative virtuali

In attesa della riapertura delle sale, si può visitare la mostra con la guida d’eccezione di Stefano Zuffi, membro del comitato scientifico dell’esposizione, in un viaggio nell’arte russa per scoprire il fondamentale ruolo delle donne in questo Paese, il loro contributo alla Storia dell’Arte e nella lotta per l’emancipazione e per il riconoscimento dei diritti.

Visite guidate di 60’ da prenotare attraverso info@cmscultura.it
5 euro + diritti di prevendita (1 euro) https://divineavanguardie.it/davanti-e-dietro-le-quinte
Conservando l’attestazione del pagamento si ha diritto all’ingresso in mostra, a Palazzo Reale, con il biglietto ridotto a 10 euro ( invece che 14)

Zinaida Serbriakova e il Neorinascimento russo – evento digitale | il 07.03.2021

Pavel Pavlinov, nipote della pittrice Zinaida Serbriakova racconta, in diretta dalla Russia, la straordinaria avventura umana e artistica dell’antenata, una delle grandi protagoniste della mostra Divine e Avanguardie.

DIVINE E AVANGUARDIE. Le donne nell’arte russa
Milano, Palazzo Reale fino al 05.04.2021
Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale, CMS Cultura

www.palazzorealemilano.it/mostre/le-donne-nellarte-russa

In collaborazione con Museo di Stato Russo di San Pietroburgo con il patrocinio di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Consolato Generale della Federazione Russa sponsor ufficiale VTB. A cura di Evgenia Petrova, Direttore Scientifico del Museo Russo, e Joseph Kiblitsky.

Tante donne insieme per celebrare l’8 marzo 2021

Elefteria Morosini

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.