Georgia, gioiello del Caucaso: una meta da scoprire

Georgia, gioiello del Caucaso: una meta da scoprire

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Georgia, il gioiello del Caucaso, una meta da scoprire

Situata nel Caucaso meridionale, bagnata ad ovest dal Mar Nero lungo una costa di 310 km, con un territorio prevalentemente montuoso, la Georgia ponte e crocevia di civiltà, detiene un patrimonio architettonico e artistico straordinari lasciati in eredità dalle complesse vicende storiche vissute nei secoli passati. Questo paese mistico vi affascinerà con il mix dell’enigma dell’Est e l’eleganza dell’Ovest, qui si incrociano le tradizioni Orientali ed Occidentali formando una cultura unica al mondo.

La leggenda 

C’è una leggenda che descrive adeguatamente la grande bellezza naturale della Georgia: “Mentre il Dio stava distribuendo le terre a tutti i popoli del mondo, i Georgiani arrivarono in ritardo. Quando il Signore chiese loro il motivo del ritardare, i Georgiani risposero che erano fermati per bere e brindare alla Sua salute. Dio rimase talmente soddisfatto della risposta che concesse a loro quella parte della Terra che aveva riservata per sé”.Georgia, il gioiello del Caucaso

Con le sue chiese antiche e i paesaggi pittoreschi, le valli coperte da vigneti, le sue rinomate specialità enogastronomiche e le 2.400 fra sorgenti e acque minerali conosciute sin dai tempi degli zar, il paese ha un elevato potenziale turistico, tutto da scoprire. Tanto è che nel 2015 la Georgia si è posizionata al 25esimo posto nella classifica dei 52 luoghi al mondo dove andare, stilata dal New York Times. Grazie al nuovo collegamento aereo operato da Wizz Air da Milano Malpensa a partire dal 25 settembre 2016, Kutaisi, capitale della regione occidentale dell’Imerezia, è ora più vicina all’Italia.

Eccovi allora 10 validi motivi per visitare la Georgia….

1.Terra del Vello d’Oro – Il regno della Colchide, l’incantevole Medea e il leggendario Giasone, gli Argonauti e il preziosissimo Vello d’Oro non sono solo i personaggi di un mito greco. La Colchide è veramente esistita, nell’antichità fu un vero e proprio calderone di civiltà. Oggi la regione appartiene alla Georgia occidentale. Le numerose scoperte archeologiche e la tradizione dell’estrazione dell’oro con le pelli ovine, ancor oggi praticata nella regione dell’alta Svanetia, confermano la leggenda.Georgia, il gioiello del Caucaso vellofinale

2. Il primo Europeo è georgiano?! – A pochi chilometri dalla capitale Tbilisi, si trova uno dei siti archeologici più straordinari del mondo: Dmanisi. Qui infatti secondo gli archeologi circa 1,8 milioni di anni fa si stabilì l’Homo Georgicus, il più antico uomo europeo. I resti fossili, gli utensili ed i manufatti di questo sito sono i più antichi ritrovati finora fuori dall’Africa.

3. Tbilisi – Un’espressione del felice incontro tra Est e Ovest. Tipici balconi di legno, terme sulfuree del XVII secolo, botteghe e caffè artigianali, cortili italiani, edifici moderni e soprattutto il suo popolo caldo e ospitale creano un’atmosfera speciale in questa città. È storicamente nota anche per la sua tolleranza religiosa, particolarmente evidente nel centro storico, dove la moschea, la sinagoga, chiese cattoliche, ortodosse e armene si trovano insieme. Per questo è anche denominata la “Piccola Gerusalemme”.Georgia, il gioiello del Caucaso

4. Vino – Si dice spesso che a Georgia è la culla del vino. Le ricerche archeologiche e paleobotaniche hanno confermato che la cultura del vino in Georgia risale a 7.000 anni fa. Sono ancora visibili i resti della prima cantina del mondo, datata 4.000 A.C. Perfino la parola vino deriverebbe dal georgiano “gvino”. Il simbolo della vinificazione georgiana è la qvevri, anfora interrata dove avviene la fermentazione e la macerazione naturale. I tour enogastronomici in Georgia permettono di scoprire il vero sapore dei vini e la particolarità della loro produzione. Soprattutto quella dei bianchi, per i quali la fermentazione della vinaccia insieme al mosto avviene in grandi anfore di terracotta chiamate “Kvevri”, che dal dicembre 2013 sono entrate a fare parte del patrimonio dell’Unesco come patrimonio intangibile dell’umanità. Le anfore vengono interrate, consentendo così la fermentazione e la macerazione. Visitare il Paese, significa anche gustarne la rinomata cucina, fatta di sapori ricchi e genuini.

  1. Georgia, il gioiello del Caucaso
    5. “Ogni piatto georgiano è una poesia” – diceva lo scrittore russo A.Pushkin. La cucina georgiana è il frutto di un terreno fertile, ricco di minerali, alimentato da acque pure delle montagne del Caucaso. La Supra, la tavola imbandita con piatti georgiani, è una delle tradizioni più importanti. Assolutamente da provare Mtsvadi – spiedini georgiani di carne, Khinkali – ravioli, Khachapuri – focaccia con formaggio fresco) e Pkhali – verdure con le spezie e noci. Ogni regione, infatti, come Kakheti, Imereti, Samegrelo, Guria, Acharia si caratterizza per le proprie specialità.Georgia, il gioiello del Caucaso ushguli-svanetiya
    6. L’enigma della lingua – La lingua georgiana (ქართულიენა) appartiene al gruppo sud-caucasico (cartvelico). L’alfabeto georgiano unico nelle sue peculiarità grafiche è fra i 14 alfabeti deda_enaesistenti al mondo.
    7. I villaggi delle torri – Silenzioso e remoto villaggio nella selvaggia regione dello Svaneti, Ushguli rappresenta la località più elevata d’Europa abitata in modo permanente, trovandosi tra 2200 e 2410 m sul livello del mare, dotato di splendide torri medievali, parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. La catena montuosa del Gran Caucaso è incantevole. Vi possiamo trovare cime alte oltre i 5000 m.

    8. Le grotte di Prometeo – Sono una delle meraviglie naturali della Georgia e tra le più grandi al mondo. Le sue caratteristiche uniche includono una varietà di sale e la diversità di paesaggi. Quattro strati distinti sono stati formati durante le diverse fasi di sviluppo della Terra, comprendendo vari tipi di stalattiti, stalagmiti, cortine, cascate pietrificate, perle di grotta, fiumi sotterranei e laghi.Georgia, il gioiello del Caucaso grotte-di-prometeo
    9. L’Angolo di Dio – La Chiesa georgiana è una delle più antiche chiese cristiane al mondo, fondata nel I secolo d.C. dall’apostolo Andrea, il Primo chiamato. Nel 326 d.C. il Cristianesimo venne ufficialmente adottato come religione di stato. Le chiese e i monasteri, simboli della vicinanza a Dio, sono stati costruiti in ogni dove e caratterizzano gli spazi delle città e degli ambienti rurali, affascinando per l’arte delle raffinate varietà di decoro delle facciate e per gli affreschi.grotte-di-prometeo chiesa-georgiana
    10. Infine i voli low cost di Wizzair – Milano Malpensa -Kutaisi già operativi  con i prezzi  a partire da 30 euro circa.  www.georgia.travel – www.gnta.gegeorgia_jpg

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.