Il cotechino: le ricette innovative di Casa Citterio

cotechino

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Il cotechino, figlio dello zampone,  vanta origini antichissime che risalgono agli inizi del 1500.

In quel tempo le truppe di Papa Giulio II Della Rovere assediano Mirandola, presso Modena: la patria di Giovanni Pico, alleata fedele della Francia. Alla fine dell’assedio i mirandolesi erano alla fame. Restavano loro soltanto dei maiali. Non macellarli era un peccato: significava regalarli al nemico, ormai prossimo ad entrare in città. L’idea giusta venne ad uno dei cuochi di Pico della Mirandola, “Macelliamo gli animali, e infiliamo la carne più magra in un involucro formato dalla pelle delle sue zampe. Così non marcirà, e la potremo conservare. Per cuocerla più avanti”. Questo stratagemma non permise agli assediati di godere di questa intuizione gastronomica, visto che la città capitolò di lì a poco, tuttavia, l’originalità della formula, consacrò la fortuna di questo prodotto nei secoli successivi.cotechino

Qualche secolo più tardi, infatti, anche sulle tavole dei nobili è confermata la presenza di questo salume da alcune ricette tradizionali che prevedono di accompagnarlo con lo zabaione, una crema che, dati i suoi ingredienti – uova, zucchero, vino liquoroso – era destinata al desco dei più abbienti.

La tradizione culinaria e le nuove ricette creative di casa Citterio 

Le vacanze natalizie portano con se una serie di tradizioni e di riti. Fra i molti, uno non può non avere che un posto speciale: il cotechino con le lenticchie, come un auspicio di abbondanza e ricchezza, per l’anno nuovo. Cotechino Citterio

In occasione del Natale 2016, il classico Cotechino Citterio Igp sarà disponibile in una veste innovativa, attraverso tre esclusivi pack personalizzati. Sul pack del prodotto, sarà infatti possibile trovare delle ricette creative per rendere questa specialità tutta italiana protagonista della tavola delle feste!

Cotechino
Crostone di polenta con cotechino, lenticchie e puré, Gnocchi di patate e ragù bianco di cotechino, rosmarino e cannella e Cotechino in crosta con lenticchie, sono solo alcune delle proposte disponibili sul sito www.citterio.com

Crostone di polenta con cotechino, lenticchie e puré:  ecco a voi la ricetta

Tempo di preparazione: 1 ora – Difficoltà: media
Ingredienti per 4 persone
• 1 cotechino Citterio
• Farina per polenta istantanea
• 1 sacchetto di lenticchie secche o 2 scatole di lenticchie pre cotte
• 3 patate
• Latte
• Burro
• Sale
• Olio extravergine di oliva
• 1 cipolla
• Passata di pomodoro
• Porcini sott’olio
Esecuzione
• Preparare la polenta, stenderla su un tagliere con uno spessore di circa 2 centimetri e lasciarla raffreddare.
• Far bollire le patate, schiacciare, incorporare il latte bollente, il sale, il burro, fintanto che non si sarà ottenuta una consistenza cremosa.
• Far cuocere il cotechino per 20 minuti.
• Nel frattempo preparare le lenticchie (se secche, precedentemente ammollate). Preparare un soffritto con olio extravergine di oliva, sale, cipolla, rosmarino. Una volta che il soffritto sarà dorato aggiungere le lenticchie e lasciar cuocere per qualche minuto. Incorporare poi 2 cucchiai da tavola di passata di pomodoro. Lasciar cuocere per circa 15/20 minuti, fintanto che il pomodoro sarà rappreso e le lenticchie cotte e morbide.
• Tagliare la polenta con un coppapasta per ottenere dei dischi rotondi e grigliarli da ambo i lati su una piastra da cucina.
• Montare le porzioni su una teglia da forno disponendo 3 cucchiai da tavola di lenticchie, il crostone di polenta grigliata, 2 cucchiai di purè, la fetta di cotechino, scaldare al forno per 5/10 minuti, guarnire con 2 funghetti sott’olio, impiattare e servire ben caldo.

Maggiori informazioni sulla storia dell’azienda Citterio e i suoi prodotti: • sito ufficiale www.citterio.com – • Facebook https://www.facebook.com/giuseppecitteriospa – • Instagram https://instagram.com/citterio_italia #citterio

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.