La Signorina Papillon: esilarante commedia di Stefano Benni

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

La Signorina Papillon: esilarante commedia di Stefano Benni

La Signorina Papillon è una commedia divertente e raffinata, uscita dalla penna del geniale e prolifico Stefano Benni: scrittore, umorista, giornalista, sceneggiatore, poeta e drammaturgo italiano.. Si tratta della  commedia più rappresentata in Italia.  In scena dall’1 al 4 febbraio, al Teatro Martinitt di Milano.

Con Valeria Monetti, Ludovica Di Donato, Mauro Conte, Piero Di Blasio, regia di Piero Di Blasio.

Ambientata nella Parigi Bohémienne e libertina di fine ‘800, come per tutte le opere di Benni, anche ne “La signorina Papillon” vivono e convivono citazioni al mondo moderno, parallelismi con la nostra cultura dilagante e sociopatica e continui rimandi al mondo politico-sociale italiano.

Se si pensa che quest’opera ha più di trent’anni e mantiene intatta la sua natura comica e dissacratoria, non si può non incoronare Stefano Benni come il padre più fortunato della critica elegante e pungente del teatro italiano.

Ogni riferimento non è mai casuale. Ogni parola ha un peso nello spazio e nel tempo. Ogni personaggio ha in sé pregi e difetti dell’odierna società. Eppure si riesce a ridere per più di un’ora. Come è possibile?

È possibile perché “La signorina Papillon” è universalmente considerato un capolavoro.

la-signorina-papillon-esilarante-commedia-di-stefano-benni

Il sottotitolo racconta ancora di più il tono e il tenore dello spettacolo: commedia scostumata per attori in costume.

È scostumata perché rompe il “costume” della società e ne rivela, attraverso le vesti, le più becere aspirazioni mostrando, nel contempo, le deboli e molli carni dell’essere umano, pavido e avido per sua stessa natura. È in costume perché la storia lo richiede.

Proprio per questo sono stati confezionati su misura quattro meravigliosi abiti di scena disegnati dalla poliedrica Francesca Grossi che, dopo aver vestito illustri personaggi come Lorella Cuccarini, Gianluca Guidi, Enzo Garinei, Francesco Pannofino, Giovanni Scifoni e tanti altri, ha realizzato quattro abiti fedeli all’epoca e con quel pizzico di modernità e divertimento che ben si sposano con la storia magica e esilarante di Benni.

Fulcro del racconto della Signorina Papillon sono, ovviamente,

i quattro personaggi protagonisti…

tutti molto diversi tra loro.

la-signorina-papillon-esilarante-commedia-di-stefano-benni

La pura e ingenua Rose, collezionista di farfalle e ammiratrice di rose di ogni forma e colore, vive nella sua casa in campagna alle porte di Parigi, lontana dal frastuono e dalla corruzione della città, un mondo che non le appartiene.
La cara amica Marie Luise, donna lussuriosa parigina. Amante di tutti quelli che contano, ma sola e sciocca.

Il poeta Millet, scribacchino bohémien redento, che crede che ricchezza e fama contino più di ogni altra cosa e che la poesia debba asservirsi ad essi. Pedante e logorroico emblema del mondo dell’arte ego riferita e fine a se stessa.

E il comandante della loggia Armand, essere spregevole devoto alla violenza e al comando, sanguinario e attacca brighe conosce solo il valore dell’onore e delle armi. Un uomo cattivo, ma stupido come la migliore cattiveria insegna.

Tutti e tre hanno un compito: corrompere Rose e ingabbiarla nel mondo moderno… per poi ucciderla e rubarle villa in campagna e cane. Riusciranno nella loro impresa?

Tutto si svolgerà secondo i goffi piani criminali dei tre corruttori o era tutto un sogno?

Non resta che venire a vedere per scoprire il finale, anche se forse è meglio pensare di sognare… dai sogni possiamo svegliarci, dalla realtà si può solo fuggire e, magari, rifugiarsi in rose colorate e in libere e svolazzanti farfalle.

ORARIO SPETTACOLO
da giovedì a sabato ore 21.00 – domenica ore 18

Per informazioni e acquisto biglietti:
TEATRO/CINEMA MARTINITT Via Pitteri 58, Milano.
http://www.teatromartinitt.it
Telefono 02/36580010

Redazione