Polonia da scoprire: natura e cultura nella regione Lubelskie

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Polonia da scoprire nella regione Lubelskie

Polonia da scoprire: natura, cultura e divertimento nella regione Lubelskie. Non è una delle solite destinazioni per l’estate.

E proprio per questo la Polonia ha una marcia in più per chi cerca esperienze nuove e interessanti.

Soprattutto se si parte alla scoperta della regione Lubelskie, intorno a Lublino, piccola e magica città a est della Vistola che custodisce gelosamente la sua Città Vecchia, uno tra i borghi medievali meglio conservati d’Europa.

Una zona della Polonia particolarmente suggestiva che è da secoli un crocevia di culture, terra di incontro tra l’Oriente e l’Occidente.

Dove non mancano città d’arte, come la perla rinascimentale Zamość. E nemmeno una natura incontaminata e spazi per rilassarsi o divertirsi.

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

Zamosc @marina moioli

Il Carnevale dei Giocolieri. Dal 27 al 30 luglio c’è una buona scusa in più per volare fin là con Ryanair (che garantisce comodi e veloci voli diretti trisettimanali da Bergamo Orio al Serio).

Sono infatti i giorni del “Carnaval Sztukmistrzów” (il Carnevale dei Giocolieri), l’appuntamento estivo con gli artisti di strada.

Per quattro giorni la città intera si trasforma in un palcoscenico per acrobati, prestigiatori, giocolieri, attori e musicisti che creano un’atmosfera fiabesca e spensierata.

Un evento che è il biglietto da visita di Lublino e che si ispira al protagonista del romanzo “Il mago di Lublino” di Isaac Bashevis Singer che nella traduzione polacca si intitola “Sztukmistrz z Lublina”.

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

Lublino angolo della Città Vecchia Copyright Foto Lublin City Marketing

L’ingresso per la maggior parte delle esibizioni è gratuito; il programma completo si trova sul sito www.en.sztukmistrze.eu/programme/.

Polonia da scoprire: avventure nei dintorni

Dopo aver dedicato un giorno o due alla visita del capoluogo, ricco di monumenti e memorie, si parte per l’esplorazione dei dintorni, cominciando dall’interessante Museo della Campagna di Lublino.

Situato all’aperto nella pittoresca valle del fiume Czechówka, attraverso una ricca collezione di oggetti e costruzioni mostra la varietà culturale di questa regione.

Un museo da vivere girando tra le casette in legno dove sono state ricostruite in ogni particolare le tradizioni e le usanze degli abitanti di un tempo. Una visita imperdibile. (Info: www.skansen.lublin.pl/).

Altri luoghi e attrazioni interessanti da visitare per una settimana di vacanza nella provincia di Lublino non mancano davvero, come il Parco Nazionale Poleski dove meravigliosi bacini acquatici attraggono uccelli di ogni tipo.

Un vero paradiso per ornitologi amatoriali che vogliono osservare gli uccelli nel loro habitat naturale. Polesie è una zona che offre ai viaggiatori ottime occasioni sia per riposo sia per il turismo attivo.

Mentre le Foreste Włodawskie, Sobiborskie, Parczewskie e Sosnowickie sono famose per rari esempi di flora e fauna. (Info: www.www2.poleskipn.pl/).

Altra meta raccomandata per la sua atmosfera unica, i boschi, il silenzio e il contatto diretto con la natura è Roztocze, territorio di eccezionale valore naturalistico per il Parco Nazionale (Info: www.roztoczanskipn.pl/), che dal 2019 è stato iscritto nell’elenco delle riserve della biosfera transfrontaliera dell’UNESCO.

Oltre a un incontro ravvicinato con i celebri pony polacchi chiamati Konik in questa zona, vicino a Zwierzyniec, si può fare un piacevole pic nic sull’erba in riva a un suggestivo laghetto a base di snack regionali.

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

Zwierzyniec Pic nic Echo-Ponds-Zwierzyniec

Tra questi “cebularz” (una focaccia rotonda con cipolla e semi di papavero), “piroghi” di grano saraceno e lardo con cetriolo sottaceto (li prepara il ristorante Sonata di Zwierzyniec (Info: www.sonatazwierzyniec.pl/).

E per smaltire il tutto si può fare un bel giro in bici sulle due piste ciclabili che attraversano Roztocze: Central Cycling Route of Roztocze e Green Velo (Info: www.lubelskietravel.pl/en/percorsi/percorsi-in-bicicletta/3251-verde-velo).

I più sportivi scelgono lunghi giri in canoa sul fiume Wieprz nei pressi del villaggio di Kosmin. Qui il Gruppo di Azione Locale Green Ring organizza al meglio il percorso di rafting che regala anche avvistamenti di aironi, cigni, cicogne o rondini.

Kayaking-Lubelskie

Il fiume Wieprz è lungo circa 350 km e scorre interamente attraverso la provincia di Lublino. Le sue sorgenti si trovano a Roztocze e sfocia nella Vistola vicino alla città di Deblin (Info: www.facebook.com/zielonypierscien/).

Una tappa che piacerà molto ai bambini ma che entusiasma sempre anche gli adulti è sicuramente quella dei Magical Gardens, i Giardini magici di Janowiec (in polacco: Magiczne Ogrody w Janowcu) vicino a Kazimierz Dolny sul fiume Vistola.

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

magdalena błachuta fotografia-

Costruita sulla base di una storia fiabesca locale, questa attrazione rappresenta il primo parco sensoriale tematico in Polonia, dove tra centinaia di fiori, alberi e arbusti, i visitatori scoprono terre favolose abitate da creature straordinarie.

tulipan Magiczne Ogrody

Nei Giardini Magici sono stati creati parchi giochi insoliti, adatti all’età e alle capacità dei bambini. Per le persone avventurose sono stati preparati luoghi interessanti per giocare, inclusi parchi giochi, altalene, giostre e un enorme scivolo.

Magiczne Ogrody Janowiec (1)

Gli esploratori trovano tunnel sotterranei, ponti tibetani, tunnel nascosti tra le radici di enormi alberi, una funivia nella Flower Valley e persino… giganteschi draghi! (Info: www.magiczneogrody.com/)

Tra arte e storia

Non solo natura, sport e attrazioni. In Polonia, nella regione di Lublino si trovano anche emozionanti scoperte culturali.

Prima fra tutte la perla rinascimentale Zamość, progettata dall’architetto italiano Bernardo Morando su commissione del magnate nella Confederazione Polacco-Lituana Jan Zamoyski nella seconda metà del XVI secolo.

Una piccola “città ideale” a 90 chilometri da Lublino, con tanto di castello/municipio, case porticate, una grande piazza del mercato e i resti di una fortezza dove i turisti possono provare l’ebbrezza di sparare a salve con un vero cannone contro le sagome di soldati in costume d’epoca.

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

Renaissances_houses_in_Zamość @wikimedia Commons

La zona del centro storico è iscritta nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO e visitare questa suggestiva cittadina consente di fare un vero viaggio nel tempo. (Info: www.turystyka.zamosc.pl/en).

Da non perdere anche la visita di Kazimierz Dolny, la più famosa destinazione turistica della regione, una località particolarmente amata dagli artisti.

Kazimierz Dolny deve la sua fama alla perfetta armonia tra la meravigliosa natura e l’architettura rinascimentale.

Kazimierz_Dolny @wikimedia Commons

Nel XVI e XVII secolo Kazimierz Dolny subì un grande sviluppo del commercio e del porto sulla Vistola e a quel periodo risalgono la chiesa di Santi Giovanni Battista e Bartolomeo (con battistero dell’italiano Santi Gucci), la chiesa di sant’Anna, il palazzo Przybyłów e Celejowska.

Intorno alla città si estende il Parco Paesaggistico Kazimierski, località perfetta per passeggiate in mezzo alle alte Gole del Loess con particolari conformazioni naturali da cui ammirare il panorama del fiume (Info: www.kraina.org.pl/pl/kazimierz-dolny).

Infine, merita senz’altro una visita anche il castello di Janowiec, costruito tra il 1508 e il 1526, per scoprire, nel bel museo del territorio, il curioso legame tra questo maniero e Bona Sforza e ammirare un magnifico panorama sulla Vistola dall’alto.

polonia-da-scoprire-natura-e-cultura-nella-regione-lubelskie

Castello Janowiec-

Info utili
Tutte le località della regione si raggiungono facilmente da Lublino, quindi il consiglio è di soggiornare in città e affittare un’auto per i trasferimenti.

Un buon indirizzo è il confortevole e moderno LubHotel, ben collegato al centro con il bus 156.

Lublino si raggiunge direttamente con Ryanair  in circa 2 ore da Milano/ Orio al Serio (lunedì, venerdì, domenica per la stagione estiva).

Per informazioni in loco: lublininfo.com/en (per la città) e lubelskietravel.pl/en (per la regione).

immagine di copertina -Lublino-Festival-Artisti-di-strada-Copyright-Foto-Lublin-City-Marketing

marina moioli