QOCO Un filo d’Olio nel piatto: rassegna gastronomica

Di / 10 Marzo 2023 Gusto, Home Nessun commento
qoco-un-filo-dolio-nel-piatto-rassegna-gastronomica

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

QOCO Un filo d’Olio nel piatto: rassegna gastronomica

QOCO è una rassegna gastronomica dedicata ai viaggiatori curiosi di esperienze insolite che si svolgerà ad Andria, nel cuore della Puglia.

qoco-un-filo-dolio-nel-piatto-rassegna-gastronomica

QOCO Un filo d’Olio nel piatto, il Concorso Internazionale per Giovani Cuochi dell’Euro Mediterraneo, nato nel 1999, rinasce dal 24 al 26 marzo prossimi, dopo dieci anni di assenza, per forte volontà del comune di Andria e dell’organizzazione dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio con la collaborazione di Slow Food Puglia.

L’importante evento si terrà ad Andria e in uno dei luoghi prediletti dall’imperatore Federico II di Svevia, Castel del Monte, celebrando così anche la grande e geniale apertura sull’universo che contraddistinse il suo genio assoluto.

Egli, infatti, fu anche autore di un trattato gastronomico con ricette dal mondo, costituite da differenti sovrapposizioni di culture, influssi e suggestioni.

Dieci gli chef in concorso, in gran parte appartenenti alla ‘Generazione Y’, quasi tutti al di sotto dei 30 anni e provenienti, oltre che dall’Italia, da Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna, Turchia.

qoco-un-filo-dolio-nel-piatto-rassegna-gastronomica

Selezionati da J.R.E. – Jeunes Restaurateurs d’Europe, saranno affiancati da cuochi tutor del territorio con cui lavoreranno insieme per rendere ancora più forti i legami e lo scambio: la provincia di Andria-Barletta-Trani si pone così come snodo e crocevia di culture gastronomiche tra Castel del Monte e il mare.

Venerdì 24 marzo, tutti i concorrenti, al termine del briefing mattutino con Alfonso Iaccarino, presidente di giuria, si suddivideranno in dieci ristoranti del territorio dove, in serata, contribuiranno alla preparazione di un menù a quattro mani.

I gemellaggi gastronomici, che prendono il nome di ‘QOCO Fusion’, saranno frutto di confronto e di suggestive contaminazioni gastronomiche, forti di una visione contemporanea, nel segno dell’olio extravergine pugliese, testimone di una profonda cultura mediterranea.

Il palcoscenico principale dell’evento sarà Villa Carafa, un’antica masseria nel cuore della Murgia, a pochi chilometri da Castel del Monte, rinnovata nel segno dell’ospitalità.

Per tre giorni diverrà una vera e propria “Corte del cibo” dove gli chef si cimenteranno ai fornelli e presenteranno i loro piatti alla Giuria, presieduta da Alfonso e Ernesto Iaccarino, chef e padroni di casa del tri-stellato Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi.

La giuria di QOCO Un filo d’Olio nel piatto

La giuria è composta da Nino Di Costanzo, chef patron bi-stellato di Danì Maison di Ischia; Giuseppe Iannotti, chef patron bi-stellato del ristorante Krèsios di Telese e Felice Sgarra, chef patron stellato di Casa Sgarra di Trani.

I giudici saranno chiamati a valutare i piatti in base a parametri di gusto, originalità, presentazione, equilibrio generale e, in particolare, alla valorizzazione ed esaltazione che sarà riservata all’impiego dell’olio EVO.

Al termine della ‘Cena di Gola’, che si terrà presso Villa Carafa, nella serata di sabato 25 marzo, saranno rivelati i nomi dei primi tre classificati: aperto al pubblico, l’evento vedrà tutti gli chef in gara presentarsi e raccontare il proprio piatto in un appassionante percorso da nord a sud del Mediterraneo e viceversa.

QOCO è una rassegna gastronomica dedicata ai viaggiatori colti e curiosi: una meraviglia insolita che vedrà la Puglia dialogare a tavola con paesi e culture gastronomiche profondamente distinti, ma fortemente affascinanti, in un’atmosfera contemporanea, giovane, frizzante e dall’impronta assai cosmopolita.

Un sentimento che si respirava già alla corte dello Stupor Mundi, l’imperatore buongustaio, che era anche salutista, molto attento alla cucina, come dimostrano i suoi due celebri ricettari.

In definitiva, un felice connubio tra territorio e apertura al mondo, sempre seguendo il filo conduttore di ‘…un filo d’olio nel piatto’.

Tre giornate di ‘fuori QOCO’

Molte le iniziative programmate per ‘Il fuori QOCO’ nelle tre giornate: cene stellate; lancio di nuovi piatti.

Escursioni nella Murgia alla scoperta di erbe spontanee e della flora arborea accompagnati da una guida ambientale.

Una degustazione al Museo Diocesano che unirà in abbinamento i dolci tipici delle monache, preparati secondo antiche ricette nei conventi del territorio, a vini da dessert, tra cui in particolare il Moscato di Trani, nell’ideale congiunzione tra tradizione e spiritualità.

Infine, il Mercato della Terra e dei Presìdi del Gusto a cura di Slow Food Puglia.

Una ghiottissima occasione per scoprire o riscoprire piatti e ricette dove, partendo dalla memoria che diviene germe creativo e fermento, sarà dato libero spazio all’esplorazione e alla creatività individuale.

Sul filo d’olio le storie e gli stili s’intrecceranno volgendo idealmente lo sguardo al futuro, ma senza scordare il prezioso tesoro del passato…

Info: www.qoco.info

viviana spada