Salute a tavola: con il latte e i suoi derivati di alta qualità

salute-a-tavola-con-latte-e-suoi-derivati

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Salute a tavola: con il latte e i suoi derivati di alta qualità

I consigli della biologa nutrizionista su come inserire nella dieta i latticini per la salute a tavola

Salute a tavola?

Lo scorso 2020 ha segnato un cambio delle abitudini alimentari degli italiani, dovuto ad una sedentarietà obbligata dal Covid 19 che ha costretto, per sconfiggere la noia, ad un rapporto non equilibrato con il cibo.

Secondo l’ISTAT, i dati relativi al sovrappeso e alla obesità sono in costante aumento. Tra le persone coinvolte, 1 su 4 sono minori e il 46% circa si attesta tra gli individui di 18 anni e 60 anni.

Questi dati confermano lo squilibrio che lo scorso anno si è verificato nella maggior quantità di calorie assunte rispetto a quelle consumate. Il 2021 potrebbe quindi segnare l’inizio di un riequilibrio in termini alimentari.

dottoressa Silvia Ambrogio

La Dott.ssa Silvia Ambrogio biologa nutrizionista specializzata con master internazionale in nutrizione clinica e dietetica e consulente esperto per diverse realtà in ambito nutrizionale, ci spiega:

Per rimettersi in forma, soprattutto in un periodo in cui sport e palestra non possono essere di supporto, la soluzione più semplice è quella di togliere dalla tavola gli alimenti ricchi di calorie ma poveri di valore nutrizionale. Per far posto ad abbondanti porzioni di verdure e cibi che assicurano la salute in quanto fonti preziose di nutrienti essenziali, indipendentemente dal singolo conteggio calorico“.

Salute a tavola con il latte e i suoi derivati

La Dott.ssa Ambrogio ci esorta a non demonizzare, come spesso avviene, gruppi di alimenti come il latte e i suoi derivati ma equilibrarli scegliendo sempre la qualità.

Il latte e i formaggi freschi rappresentano una fonte importante di proteine nobili, vitamine, potassio, fosforo e zinco, oltre al calcio, tutti indispensabili per la salute, anche nella ricerca di un ritrovato equilibrio alimentare“.

Latte e derivati scegliendo sempre la qualità e il latte a Marchio di Qualità Alto Adige  rientra certamente tra le eccellenze di questo tipo di prodotti, dal latte fieno, allo yogurt, allo skyr per arrivare alla ricotta, alle mozzarelle e ai vari formaggi.

Tutti i latticini dell’Alto Adige che vantano il Marchio di Qualità sono prodotti al 100% con il miglior latte del territorio e possono essere introdotti quotidianamente , rispettando lo standard di porzioni suggerite, in una corretta alimentazione.

Calcio, aminoacidi e vitamina D

E’ dimostrato da numerosi studi scientifici che il calcio contenuto nei latticini svolge un ruolo chiave nel regolare il peso corporeo e la massa grassa, riducendo la formazione di nuovi accumuli adiposi e interferendo con l’assimilazione dei grassi alimentari.

Il latte di qualità, inoltre, come ad esempio quello a Marchio di Qualità Alto Adige, è fonte di aminoacidi a catena ramificata, di acido linoleico coniugato e di vitamina D, tutte molecole per le quali la Dott.ssa Ambrogio afferma sia stato ipotizzato un ruolo di riduzione del rischio di obesità:

Quando si vuole perdere peso, il nutriente che non deve mai mancare è proprio la proteina che regola la produzione di calore, a partire dalle calorie ingerite. Questa non solo incrementa il senso di sazietà ma. se abbinata ad attività sportiva, può anche incrementare la massa magra“.

Per rimettersi in forma, quindi, non si deve mai sottovalutare il valore nutrizionale di ciò che si sta assumendo.

Il latte è un vero e proprio alimento completo, ideale per una sana colazione, se poi si tratta del latte fieno a Marchio di Qualità Alto Adige. 

Allora i benefici possono davvero essere molteplici perché, provenendo da mucche che si nutrono principalmente di erba fresca, fieno e piccole quantità di cereali, rinunciando totalmente agli insilati (foraggi fermentati), fornisce quel sapore pieno e corposo che ne distingue la qualità.

Salute a tavola on yogurt e skyr

salute-a-tavola-con-latte-e-suoi-derivati

Oltre al latte anche lo yogurt, magro o light, è un valido alleato per l’equilibrio alimentare.

Preziosa fonte di proteine nobili e sali minerali, ricco di fermenti lattici, grandi alleati per la nostra salute.

I fermenti sono microorganismi vitali che, per esercitare un effetto benefico sulla salute, devono mantenersi in numero significativo fino al termine di conservazione e ciò dipende dal livello di qualità del prodotto“.

Lo yogurt delle Latterie Mila-Latte Montagna Alto Adige, Vipiteno e Merano viene prodotto alla temperatura di 42° al fine di moltiplicare i batteri lattici aggiunti convertendo una parte dello zucchero naturalmente contenuto nel latte (il lattosio) in acido lattico.

Lo yogurt apporta i tipici benefici di un prodotto fermentato. “I probiotici, infatti, modulano e stabilizzano la composizione del microbiota intestinale, migliorando la regolarità del transito intestinale ed oggi anche chi ha un malassorbimento del lattosio può consumare gli yogurt delattosati senza dover rinunciare ai loro benefici“.

La Dott.ssa Ambrogio consiglia anche quando consumare lo yogurt, ad esempio come spuntino a metà pomeriggio, magari con l’aggiunta di alimenti a basso indice glicemico come frutti di bosco o qualche mandorla o noce in modo da arrivare all’ora di cena senza cali di zuccheri.

Lo skyr non è altro che latte fermentato, ottimo anche a colazione, rappresenta una sinergia tra latte e batteri che mantiene la cremosità dello yogurt ma con caratteristiche nutrizionali uniche: più proteine dello yogurt tradizionale ma con zero grassi essendo prodotto con latte scremato.

L’origine dello skyr risale ai Vichinghi e alla lontana Islanda, contiene pochissimi grassi ed è ricco di proteine, cosa che lo rendono un ottimo alleato per un riequilibrio alimentare.

Tenendo anche conto del fatto che il processo di fermentazione del latte favorisce un maggior contenuto di nutrienti quali la vitamina B5 o acido pantotenico, grandi alleati per la bellezza della pelle e dei capelli.

Mozzarelle e altri formaggi

Non è sempre vero che i formaggi freschi o stagionati siano nemici di una corretta dieta, nessun alimento sano va escluso purché si rispettino le quantità consigliate e si tenga conto del loro valore nutrizionale.

La soluzione è quella di optare per prodotti a ridotto contenuto di grassi oltre che di zuccheri e sale aggiunti.

Una mozzarella con ridotta percentuale di sodio e grasso o una caciottina fresca il cui gusto è dato dalla qualità delle materie prime e non dal contenuto di sale aggiunto, possono essere introdotti, un paio di volte alla settimana, come un ottimo secondo, magari accompagnati da un’insalata.

Esempi di prodotti con queste caratteristiche li abbiamo dalle mozzarelle della Latteria Brimi fabbricate con il 100% di latte a Marchio di Qualità Alto Adige o i formaggi freschi e di diverse stagionature della Latteria Tre Cime

Questa da anni è impegnata nella produzione e vendita di formaggi spesso realizzati con solo latte fieno dell’Alto Adige che conferisce loro un gusto contemporaneamente dolce e delicato.

Sapore e qualità dei formaggi, del latte e dello yogurt dipendono direttamente da come si cibano le mucche che producono i latticini. E come è buono il fieno dell’Alto Adige…

Vittorio Lissari

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.