The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

Verso la fine del 2004, il celebre duo inglese di musica elettronica dei Chemical Brothers pubblicava Galvanize, un adrenalinico inno big beat contaminato da un sampler di musica magrebina (tratto dal brano Hadi Kedba Bayna della cantante marocchina Najat Atabou) e dal rap di Q-Tip di A Tribe Called Quest.The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

Galvanize travalicò i confini delle discoteche di tutto il mondo e diventò uno dei singoli di maggior successo internazionale del gruppo di Manchester raggiungendo il N. 3 della classifica di vendita inglese ed addirittura il N. 1 di quella spagnola.

Nel video una Malaga insolita e poco riconoscibile

Non è quindi un caso se i Chemical Brothers, pur non apparendovi, decisero di girare il video in Spagna e, precisamente, a Malaga.

Una Malaga piuttosto insolita e poco riconoscibile perché il regista Adam Smith ha utilizzato un bianco e nero molto contrastato, un’ambientazione notturna e noir ed architetture spoglie ed essenziali che rimandano più ad un contesto suburbano anglosassone che alla vivace capitale balneare della Costa del Sol.

The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

Il ragazzino protagonista della vicenda (presumibilmente di origine araba, vista la lingua in cui il padre gli parla all’inizio del video), esce di casa di nascosto truccato da clown per incontrarsi con due amici e partecipare  ad una gara di Krump dance. La scappatella del trio finisce mestamente in un’auto della polizia.

Le stradine percorse furtivamente dai ragazzi per arrivare di soppiatto e sgattaiolare dentro al locale dove si svolge la battle sono quelle di El Palo,  un quartiere di pescatori che oggi è diventato una bella zona residenziale ricca di ristorantini e chiringhiti sempre affollati di turisti che, soprattutto al tramonto, si godono l’incantevole bellezza del lungomare.Malaga_el palo

Il Liceo Club

La gara di Krump dance è stata invece girata nella zona pedonale della Città Vecchia, in un luogo che è una vera istituzione della vita notturna di Malaga: il Liceo Club.

E’ situato in Calle Beatas 21, in un  bellissimo palazzo della fine dell’Ottocento che, fino a metà degli anni ’60, ha ospitato la sede del governo provinciale.

The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

Liceo Club

Nel 1993, dopo un periodo di decadenza e di abbandono, una rispettosissima riconversione ha trasformato l’edificio nel locale più famoso della città.

I due piani sono stati adattati ma non snaturati: rimangono i soffitti alti, gli stucchi ed i grandiosi lampadari di cristallo.

Nei vari spazi sono stati ricavati cinque bar e quattro ampie sale con piste da ballo ma anche zone per stare comodamente seduti a chiacchierare.

Il Liceo Club non si limita alle serate da discoteca, ospita sfilate di moda, eventi e spettacoli dal vivo.

E’ anche diventato la “casa” di Los Amayas, la compagnia di flamenco ispirata da Pablo Picasso, senza dubbio il più illustre cittadino di Malaga.The Chemical Brothers: galvanizzati da Malaga

Durante i weekend, prima della mezzanotte, è possibile entrare gratuitamente al Liceo Club, mescolarsi alla clientela abituale ed internazionale ed aggirarsi alla ricerca del pavimento a scacchi e della balaustra in legno che hanno fatto da sfondo al video di Galvanize, oppure lasciarsi semplicemente galvanizzare dai nuovi suoni e dalle nuove tendenze che questo locale continua a ricercare e proporre e che sono il vero segreto del suo successo da oltre trent’anni.

Giuseppina Bianchi

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.