Il centenario d’arte del Bauhaus nel 2019

Centenario-Bauhaus

Articoli da CorrelatiArticoli Correlati

Il centenario d’arte del Bauhaus nel 2019-  100 anni d’avanguardia portati con classe.

Famosi artisti e architetti hanno ‘popolato’ il movimento e scuola di architettura, arte e design nato a Weimar nel 1919 e approdato a Berlino dopo un passaggio a Dessau, influenzando tutto il mondo.

Bauhaus si chiamava Staatliches Bauhaus a Weimar, Hochschule für Gestaltung a Dessau e scuola privata a Berlino e ha coinvolto architetti e artisti di primo piano come Walter Gropius, Hannes Meyer, Ludwig Mies van der Rohe, Lyonel Feininger, Marcel Breuer, Paul Klee, Vassily Kandinsky, Oskar Schlemmer e molti altri. Un movimento innovativo dall’inizio e ancora all’avanguardia, dai materiali utilizzati all’idea del minimalismo.

La base dell’architettura moderna

Bauhaus-centenario

Lo stile Bauhaus, anteponendo la funzione alla forma, ha messo le basi dell’architettura moderna per minimalismo e linearità, ma ha anche per aver utilizzato nuovi metodi e materiali di costruzione. Ma Bauhaus non è solo architettura ma anche arredamento, design, artigianato, fotografia, grafica.

E persino il balletto.

Lo testimonia il “Balletto triadrico” di Oskar Schlemmer, rappresentato per la prima volta nel 1922 a Donaueschingen con musiche di Paul Hindemith, per il quale il pittore e scultore tedesco ha creato sia la coreografia, sia gli originalissimi costumi rigorosamente geometrici.

Centenario-Bauhaus

A proposito di costumi, molti costumisti (come quello di Lady Gaga) s’ispirano al movimento per le loro creazioni.Centenario-Bauhaus

A Lauenförde, in Bassa Sassonia, la manifattura Tecta riproduce mobili e complementi d’arredo del periodo Bauhaus in stretta collaborazione con l’archivio del movimento, mentre il Bauhaus-Shop (online e a Berlino) propone molti oggetti prodotti su licenza come la famosa scacchiera minimalista di Josef Hartwig.

A sua volta, la Thonet in occasione del Centenario produce un’edizione limitata della sedia S 533 F di Mies van der Rohe.

Il marchio Unesco sulle roccaforti del Bauhaus

L’importanza del Bauhaus è suggellata dalla presenza di diversi edifici realizzati dai suoi architetti nella lista del patrimonio culturale mondiale dell’Unesco. A Weimar le sedi della Bauhaus-Universität e la Scuola di Arte Applicata nella Geschwister-Scholl-Strasse, progettate da Henry van de Velde, e l’edificio modello “Haus am Horn” di Georg Muche; la città ospita anche un museo dedicato al movimento.Centenario-Bauhaus

Dessau, seconda sede del Bauhaus, ne rappresenta il momento più intenso, a cominciare dalla Hochschule für Gestaltung (Scuola superiore per le arti creative) disegnata da Walter Gropius. Lungamente ignorato ai tempi della DDR, questo edificio del Bauhaus è stato poi restaurato e oggi ospita la Fondazione del movimento. Non meno significative, sempre a Dessau, le “Meisterhäuser” (Case dei maestri) e il quartiere residenziale di Törten con i caratteristici ballatoi.

Dal 2017 la lista Unesco comprende anche la scuola sindacale ADGB di Bernau vicino a Berlino, un progetto di Hans Wittwer e Hannes Meyer del 1928-1930. Il mondo del Bauhaus è documentato a Berlino anche nel Bauhaus-Archiv/Museum für Gestaltung nella Klingelhöfer Strasse. Dopo la ristrutturazione consentirà, nel 2022, di esporre il ricchissimo patrimonio dell’Archivio che dalla caduta del Muro ha registrato un consistente aumento di visitatori.

Gli eventi del Centenario del Bauhaus

Per il Centenario del Bauhaus è stato predisposto un nutrito calendario di eventi in Germania eanche all’estero. Dal 17 al 24 gennaio 2019 Berlino ospiterà il festival inaugurale100 Jahre Bauhaus” nell’Akademie der Künste; in programma concerti, conferenze, workshop, rappresentazioni teatrali, filmati e danza sul tema Bauhaus, tra cui il “Balletto triadico” di Oskar Schlemmer (andrà in scena anche a Potsdam il 14 e 16 maggio).

Sempre a Berlino, dal 15 marzo al 16 giugno è prevista la mostra “Bauhaus imaginista“, mentre Amburgo dal 11 aprile al 16 giugno propone la rassegna fotografica “BauhausGlobal“.

Oltre a varie esposizioni e conferenze, Weimar nel corso del 2019 ospiterà una Bauhaus Marathon (il 28 aprile) e il Bauhaus Ball (il 22 giugno). Dessau, l’8 settembre, inaugura un proprio Bauhaus Museum.

Informazioni: www.bauhaus100.de/en/www.germany.travel/bauhaus

Silvana Benedetti

Giornalista di lungo corso ha lavorato all’interno di alcune case editrici quali la Mondadori, Rusconi Editore e f.lli Fabbri Editore. Successivamente, per diversi anni ha operato nel campo della musica come responsabile della promozione e del marketing per le più importanti major discografiche. Attualmente collabora anche con il mensile cartaceo Caravan e Camper e per altre testate online di viaggio, bellezza ed enogastronomia.

Informativa cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca sul bottone Accetta per accettarne il loro utilizzo. Altrimenti è possibile cliccare sul bottone Rifiuta per continuare la navigazione senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics.